LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Formazione e tutela del patrimonio culturale, un filo spezzato da riannodare
Giuliano Volpe
The Huffington Post 16/7/2018

Un anno fa (era il 12 luglio 2017), in una riunione congiunta del Consiglio superiore beni culturali e paesaggistici" del Mibact (allora c'era anche la T di turismo) e del Consiglio universitario nazionale del Miur, alla presenza dei due rispettivi ministri Dario Franceschini e Valeria Fedeli, si avviò un lavoro molto importante per riannodare in maniera sistematica il rapporto tra due ministeri che solo fino a 40 anni fa erano un tutt'uno. In questi 40 anni, tranne casi singoli di ottima e proficua collaborazione, spesso legati ai buoni rapporti personali tra un docente universitario e un soprintendente o un funzionario, i due mondi si sono troppo spesso ignorati, quando non si sono anche contrapposti.

Si diede vita a un gruppo di lavoro paritetico, che ha operato per molti mesi per elaborare proposte per sviluppare una visione integrata del patrimonio culturale. La formazione, la ricerca, la tutela, la valorizzazione, la comunicazione, la gestione sono, infatti, componenti di un'unica filiera che pur con le evidenti specificità di ciascun elemento e le competenze specifiche di ogni attore coinvolto, necessita di una visione organica e unitaria e richiede una forte integrazione tra i due soggetti principali coinvolti, Mibac e Miur, cui sarebbe opportuno associare anche le Regioni e gli Enti Locali oltre all'articolato mondo delle professioni, delle fondazioni, delle associazioni e delle imprese private.

Gli elementi principali di tale lavoro hanno riguardato la necessità di una revisione-manutenzione dell'offerta formativa universitaria nel campo del patrimonio culturale a partire dalla definizione di precise figure professionali (archeologi, architetti, storici dell'arte, demoetnoantropologi, bibliotecari, archivisti, antropologi fisici, professioni museali) e la sperimentazione di forme di collaborazione sistematica tra università e uffici del Mibac. Oltre a fare riferimento ai lavori in corso a cura della Direzione generale educazione e ricerca per la definizione delle figure professionali definite dalla legge n.110/2014, purtroppo ancora oggi non tradotte in un decreto ministeriale, sono stati ripresi, soprattutto grazie all'apporto di un grande economista della cultura come Massimo Montella, i risultati di una commissione istituita anni fa (e come spesso accade rimasti in un cassetto), e, in coerenza con le recenti indicazioni di Icom Italia, sono state per la prima volta definite in dettaglio le varie professioni museali, chiarendo con forza che per dirigere un museo moderno sono necessarie ma non sufficienti le competenze disciplinari (archeologiche, storico-artistiche, storiche, ecc.): servono anche competenze di economia gestionale, diritto, organizzazione, comunicazione, marketing, ecc.

La Commissione ha proposto di dar vita a realtà integrate territoriali tra i due Ministeri, veri caposaldi di una nuova stagione di cooperazione e di forte integrazione tra formazione, ricerca, tutela, valorizzazione. Si tratterebbe delle "UnITe PC" = Unità integrate territoriali per il patrimonio culturale (indicate con una formula volutamente "provocatoria", i "policlinici del patrimonio culturale"), nelle quali sviluppare, su specifici progetti comuni, la collaborazione tra docenti, ricercatori, tecnici, funzionari, con la condivisione di laboratori, biblioteche, strumentazioni e l'integrazione di competenze e di professionalità, a tutto vantaggio in particolare degli studenti, cioè i futuri funzionari o i liberi professionisti, che svolgerebbero la propria attività formativa collaborando concretamente alle attività delle varie istituzioni culturali.

Si potrebbero elaborare, così, precisi progetti comuni (ad es. attività di classificazione, schedature, studio di materiali, ricognizioni territoriali, scavi, allestimenti museali, mostre, sistemazione di archivi, progetti di digitalizzazione, ecc.), impiegando in soprintendenze, musei, parchi, archivi, biblioteche, ecc., gli studenti dei vari cicli, opportunamente formati e con la guida di docenti, ricercatori, soprintendenti, direttori, funzionari, in modo da svolgere varie attività sul campo, in laboratorio o nei rapporti con il pubblico. Ovviamente il coinvolgimento di studenti non deve intendersi né come concorrenziale con il lavoro di liberi professionisti né come creazione di nuovo precariato.

A tale proposito si potrebbe valorizzare in particolare il ruolo delle Scuole di Specializzazione, un'importante peculiarità italiana, il cui assetto andrebbe rivisto, qualificandole maggiormente, stabilendo standard omogenei nazionali e sistemi di accreditamento e valutazione, con docenti di alto profilo, eventualmente anche grazie ad accordi inter-ateneo. Con l'auspicio che, come in campo sanitario, anche gli specializzandi dei beni culturali possano avvalersi di borse di studio in modo da poter svolgere parte del loro lavoro (retribuito) nelle strutture centrali e periferiche del Mibac (soprintendenze, musei e parchi, biblioteche e archivi, istituti centrali, ecc.).

Al termine di quei lavori, una relazione, con corposi allegati, fu consegnata ai due ministri e si elaborò una bozza di un accordo tra i due ministeri (consultabile sul sito del Mibac). Poi sono arrivate le elezioni del 4 marzo con lo tsunami negli assetti politico-parlamentari e la proposta è rimasta ferma negli uffici di gabinetto.

C'è da augurarsi ora che i due nuovi ministri, Alberto Bonisoli e Marco Bussetti, vogliano riprendere quel lavoro e se, come ci auguriamo, riterranno indispensabile favorire un rapporto di collaborazione sistematica e non occasionale tra due ministeri così importanti per il nostro Paese, sottoscrivano quell'accordo e avviino una nuova fase, superando una frattura anacronistica, che non ha alcun senso e che provoca danni tanto alla formazione e agli sbocchi lavorativi dei professionisti dei beni culturali, quanto al nostro stesso patrimonio.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news