LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trentino-Alto Adige. Turismo, svolta green: sì ai limiti
Luigi Ruggera - Andrea Bontempo
Corriere del Trentino 19/7/2018

Strategie Braies, Sella, Tovel, val di Rabbi: un nuovo modo di fare vacanza. Zampiccoli: la qualità non va svenduta
Trento e Bolzano alleate. Kompatscher: proteggere il territorio. Rossini: mobilità sostenibile

Le chiusure contingentate al traffico effettuate in questi giorni (val di Tovel, val di Rabbi, lago di Braies) e soprattutto quella che partirà da lunedì 23 al passo Sella propongono come modello da seguire la mobilità sostenibile, incentivando luso dei mezzi pubblici messi a disposizione. Tale modello vede daccordo sia Trento che Bolzano, unanimi nel ritenere il turismo ecosostenibile la chiave per proteggere il territorio e offrire al contempo la migliore esperienza possibile ai visitatori.

Contingentare il turismo di massa e promuovere la mobilità sostenibile per una maggiore qualità complessiva dellofferta e dellesperienza turistica? In questi giorni varie località hanno subito o subiranno una chiusura parziale al traffico: la val di Tovel, la Val di Rabbi, il lago di Braies e soprattutto il passo Sella, che dal 23 luglio al 31 agosto vedrà il proprio traffico cadenzato per ridurre il traffico di auto e moto in quota (almeno del 20% rispetto alle giornate corrispondenti dellanno scorso) e per far così convergere un numero sempre maggiore di persone spiega lassessore provinciale alle infrastrutture e allambiente Mauro Gilmozzi sul Corriere del Trentino di ieri verso un modello di mobilità sostenibile. Un modello che sembra mettere daccordo sia Trento che Bolzano nel disegnare il nuovo corso del turismo regionale.

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, spiega di voler proseguire sulla strada tracciata finora: I turisti non vengono da noi per visitare i parcheggi, ma i nostri bellissimi posti, che noi dobbiamo proteggere e rendere al tempo stesso accessibili. Come? Bisogna cambiare sistema, passando dal mezzo individuale al trasporto pubblico, anche attraverso la chiusura di determinate zone. Queste limitazioni del traffico aggiunge Kompatscher aumentano oltretutto lattrattività di questi posti, come dimostrato dallesperienza dellAlpe di Siusi. Quindici anni fa, infatti, venne decisa la chiusura al traffico della strada che conduce allAlpe di Siusi. Io ero sindaco di Fiè ed amministratore della locale società funiviaria ricorda Kompatscher ed ero il principale ideatore di quella proposta. Cerano tantissime proteste e timori da parte degli albergatori, che temevano un calo di clienti. Invece, da allora, gli alberghi di Castelrotto sono quelli che hanno fatto registrare il maggiore aumento non solo di pernottamenti ma anche di prezzi, perché lAlpe di Siusi è diventata più esclusiva. Vogliamo quindi puntare al turismo di qualità, tramite queste misure, come ad esempio la limitazione al traffico sui passi. In questo modo oltretutto proteggiamo lambiente e la natura. In merito infine al successo ottenuto dallattività della film commission, Kompatscher commenta: Il successo ottenuto dimostra che i soldi investiti nel marketing turistico sono stati spesi bene. Ricordiamoci che la concorrenza non dorme: oggi mancano le mete turistiche del Nord Africa, un domani queste torneranno e quindi dobbiamo restare attivi sul mercato.

Ettore Zampiccoli, già direttore dellApt Trentino, è drastico: Credo che in futuro, stando alle statistiche, il problema del Trentino sarà quello di difendersi dai turisti. Gli arrivi in aumento, soprattutto dal mercato asiatico, saranno inevitabili e il Trentino dovrà contenere i flussi e fare selezione, puntando su un turismo confacente alla qualità naturale offerta dal territorio e dalle strutture, non al turismo di massa ingestibile dei divani a 10 euro a notte (riferimento al fenomeno Airbnb, ndr ). In tal senso Zampiccoli accoglie positivamente la notizia del traffico contingentato in varie località trentine (con una programmazione e uninformazione adeguata è ragionevole porre dei limiti per evitare sovraffollamento sul territorio) e vede già buoni segnali per il futuro: Le presenze negli alberghi a quattro stelle sono aumentate e i turisti dimostrano una maggiore capacità economica: sarà necessario incrementare la qualità della nostra offerta e puntare a un target di utenza adeguato tutelandosi dal turismo di basso livello, smettendo di puntare ad esempio sui grandi numeri a discapito della qualità. Un modello ovviamente complesso da gestire in termini di programmazione e promozione osserva Zampiccoli ma le premesse strutturali ci sono, perciò vale la pena di proseguire in questa direzione.

Come osserva lamministratore unico di Trentino marketing Maurizio Rossini le nostre valli e i laghi alpini sono luoghi aperti, non sale da 200 posti in cui raggiunto il numero massimo si chiude, e neppure villaggi vacanze: è dobbligo una fruizione attenta, che li tuteli e che permetta un equilibrio tra le esigenze dei turisti e quelle dei residenti. È necessario perciò individuare delle soluzioni che regolamentino meglio in alcuni periodi dellanno il traffico privato, come si sta cercando di fare ad esempio con questa sperimentazione delle chiusure contingentate sul Sella e come si è già fatto con gli skibus nelle stagioni invernali. I prossimi anni continua Rossini ci vedranno impegnati proprio su questo fronte: garantire ai turisti, soprattutto internazionali, un servizio di mobilità pubblica e collettiva che supplisca allinutilizzo dei mezzi di trasporto privati, partendo già dagli aeroporti e dai luoghi di arrivo in generale.

Sul potenziamento della mobilità sostenibile è daccordo anche Andrea Weiss, direttore dellApt Val di Fassa: La fruizione delle Dolomiti deve essere unesperienza di qualità, che passa quindi necessariamente da una riduzione regolamentata del traffico: non credo che il giro del passo Sella in auto sia turismo di qualità; le chiusure contingentate vanno in questa direzione, certo servirà tempo e intanto comprendo bene le difficoltà e la contrarietà di qualche operatore. Quanto al futuro del turismo trentino Weiss analizza come sia necessario trovare una visione comune che individui il plus-valore da mettere in campo e su cui investire; nel caso dell a mobilità alternativa e del rispetto dellambiente la val di Fassa è certamente un esempio .



news

20-08-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 agosto 2018

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

16-03-2018
Podcast episode 23: The death of Venice?

14-03-2018
SETTIS ed EMILIANI: Le ruspe su alcuni villini di Roma

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

Archivio news