LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Giulio e lo scippo del Museo del Cinema
Fabrizio Dividi
Corriere della Sera - Torino 20/7/2018

Il pressing di Andreotti: si fa a Roma o niente finanziamenti. Ma la Prolo disse no

Il Museo del Cinema compie 18 anni ed è nato grazie alla caparbietà di Maria Adriana Prolo, che nonostante minacce e lusinghe volle che il museo fosse a Torino. Nelle lettere indirizzate alla Prolo si trovano anche le insistenti richieste di Luigi Comencini e di Alberto Lattuada che la invitavano a cedere le sue collezioni a Milano; Giulio Andreotti invece le rispose che i finanziamenti glieli avrebbe assegnati solo se avesse portato a Roma il museo.

Sembra che sia qui da una vita, ma linaugurazione del Museo Nazionale del Cinema negli spazi della Mole Antonelliana è di appena diciotto anni fa. Fu lepilogo di un racconto che ha come protagonista assoluta la sua fondatrice, Maria Adriana Prolo, che con la sua tenace passione seppe convincere le istituzioni e tradurre i suoi sogni in realtà, regalando alla città una sede museale unica al mondo.

Il nuovo inizio è datato 20 luglio 2000; 19 se si considera la serata di inaugurazione del giorno precedente che dalle 18 fino a mezzanotte vide la presenza di circa 10.000 visitatori con un parterre di rilievo composto dalle personalità della politica e dello spettacolo di quegli anni, oltre ai mille giornalisti provenienti da tutto il mondo, a testimonianza di un evento di rilevanza davvero internazionale. Quel giorno fu importante non solo perché riunì in una singola istituzione e in un unico destino Museo e principale monumento cittadino, ma soprattutto perché fu il suggello di una storia lunga e ricca di colpi di scena nata circa sessantanni prima.

Per celebrarne la maggiore età incontriamo Donata Pesenti e il neo presidente Sergio Toffetti, i due dirigenti del Museo Nazionale del Cinema che conobbero di persona colei da cui tutto nacque e che pochi mesi fa avrebbe compiuto un secolo di vita.

Nel costruire il suo museo ideale, Maria Adriana Prolo si fece guidare da un approccio fondamentalmente storicistico esordisce Donata Pesenti. Non aveva solo una dimensione cinefila, ma anche lobiettivo di creare una collezione di documenti e pubblicazioni, oltre che di oggetti darte e di strumenti tecnici legati al pre-cinema. Sergio Toffetti si sofferma su questa specifica peculiarità della signorina Prolo: Era una donna moderna e dalla visione ampia e strategica. Qualche anno fa era stata raccontata da Daniele Segre in Occhi che videro, un documentario forse interessante sul piano divulgativo ma che lavrebbe cristallizzata per sempre nella dimensione nostalgica di una donna che sembrava non fosse mai stata giovane. La sua caparbietà, mista a un notevole carisma le avevano fatto invece guadagnare la stima di quel mondo maschilista già a partire dagli anni 30; e senza i contatti che si era saputa creare non avrebbe potuto raggiungere alcun risultato. Chiedo da chi fosse composta la sua rete di sostenitori e Toffetti ne cita alcuni: Oltre al Comune che fu subito al suo fianco, le famiglie Burgo, Agnesi e gli Agnelli; senza di loro la prima forma di Museo del Cinema del 1941 non avrebbe mai visto la luce. Negli anni successivi Mario Gromo, lallora direttore amministrativo de La Stampa, poi critico cinematografico, si innamoro del Museo proprio grazie a lei. Donata Pesenti continua: Il suo intuito laveva portata a indirizzarsi su oggetti ormai desueti legati allarcheologia del cinema: meccanismi ottici risalenti, sempre più indietro nel tempo, fino al Sedicesimo secolo. Torino aveva ospitato negli anni 10 uno dei più importanti movimenti cinematografici del secolo ma sembrava essersene dimenticata: la sua missione era quella di rivitalizzare la memoria di quel periodo glorioso, per la città e per il cinema stesso. Forse non tutti sanno che, un anno dopo la fondazione ufficiale, le già sostanziose collezioni che la Prolo aveva cominciato a raccogliere, perlopiù sotto forma di donazioni, furono sistemate proprio nella pancia della Mole. In effetti, per una profetica coincidenza, la Città di Torino le aveva messo a disposizione i locali di un monumento che allora (e per molti anni) era un ampio spazio inutilizzato e privo di destinazione duso.

Sergio Toffetti ricostruisce il percorso che avrebbe riportato allinterno di quelledificio le collezioni che vi erano transitate sei decenni prima. Nel 1953 si costituì la prima Associazione Museo del cinema. Tra i cosiddetti Magnifici Sette soci ricordo Gianni Pastrone, il regista di Cabiria che fu tra i primi a cedere alla Prolo i suoi cimeli; e poi il pioniere del cinema Arrigo Frusta; Giordano Bruno Ventavoli, padre di Lorenzo (uno dei donatori più generosi), e Mario Gromo che diventò il primo presidente nella sede di Palazzo Chiablese a partire dal 1958 e fino al 1983, anno di chiusura in seguito alle norme di sicurezza del dopo-Statuto. Il resto è storia. Dopo unipotesi passeggera del trasferimento a Palazzo degli Stemmi, e successivamente alla morte della Prolo avvenuta nel 1991, fu scelta la sede attuale che diventò operativa esattamente 18 anni fa.

Dopo tante date, è giusto tornare sul personaggio di Maria Adriana Prolo, per certi versi unico, e alla sua magnifica ossessione di cui ancora oggi possiamo ammirare il risultato. Unintellettuale poco amata dallestablishment di quegli anni e che Toffetti definisce Donna forte, dai forti rancori. Come quellantipatia un personaggio torinese che mi rivelò nel 1979 dicendomi Quello lì non lo sopporto: nel 1947 non mi aveva salutato; o il malcelato disappunto per le pazienti, ma a lei sgradite, ipotesi di sedi per il museo che il sindaco Diego Novelli continuava invano a proporle. E anche Donata Pesenti la descrive in maniera analoga, con il suo cattivo carattere tipico di chi ha carattere. Era una donna affascinante, spigliata e affetta da bulimia tipica del collezionista ma senza il quale Torino non avrebbe uno dei musei più belli del mondo. Di lei apprezzo in particolare la sua capacità di tenere testa ai politici e alle ingerenze cui era continuamente sottoposta. Nelle sue lettere ricordo ancora le insistenti richieste di Comencini e Lattuada nel cedere le sue collezioni a Milano; e Giulio Andreotti le rispose senza mezzi termini che i finanziamenti glieli avrebbe assegnati solo se avesse portato a Roma il museo. Inoltre era dotata di straordinarie capacità di marketing: penso a quel montaggio di film muti girati a Torino, finanziato nellambito delle celebrazioni del 1961, per unantologia da divulgare in mezzo mondo.

Nei suoi carteggi con il direttore della Cinémathèque française Henri Langlois, raccolti proprio da Sergio Toffetti, Maria Adriana Prolo si sfoga dicendo: Meno male che ci sei tu. Qui ci sono soltanto torinesi. Ma dalle sue scelte e dalla sua fermezza lo si capisce bene: nonostante quei torinesi amava a tal punto la città da considerare Torino la migliore, per la precisione lunica, opzione possibile per il progetto favoloso cui dedicò la vita intera.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news