LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Passo Sella chiuso, ricorso dei veneti. Gilmozzi: Provvedimenti legittimi
Silvia M.C. Senette
Corriere del Trentino 20/7/2018

Lassessore trentino: il Tar si è già espresso. Pinzger: Chiediamo più chiarezza

BOLZANO. La convivenza tra vicini di casa può rivelarsi davvero snervante. Tanto più se, al posto del muro di cinta, a separare le parti è unimponente, ma pur sempre valicabile, catena montuosa. Ne sanno qualcosa trentini, altoatesini e veneti che, di qua e di là dalle Dolomiti, devono coesistere da secoli, costretti a mediazioni estenuanti e compromessi funambolici per contemperare diverse esigenze, mentalità e provvedimenti. Quel che si decide di qui ha riflessi di là, e la briga è sempre dietro langolo. Anzi, oltre la vetta.

Questa volta, a scatenare la valanga - ampiamente annunciata - è stato il sasso lanciato dal Trentino, con la decisione di chiudere i passi intorno al gruppo del Sella. Il provvedimento, che rientra nel pur lodevole progetto #dolomitesvives, scatterà lunedì e resterà in vigore fino al 31 agosto, con il transito delle auto contingentato al valico di confine tra Trento, Bolzano e il Veneto. Da lunedì a venerdì, tra le 9 e le 16, potranno accedere al passo Sella con un pass gratuito un massimo di 200 veicoli allora di mattina e tra le 100 e le 150 di pomeriggio. Una misura concordata tra lassessore allambiente e alle infrastrutture della Provincia di Trento, Mauro Gilmozzi, e i colleghi altoatesini Florian Mussner e Richard Theiner.

E i veneti? Si adeguano. O, meglio, dovrebbero adeguarsi secondo i piani delle due Province autonome. Invece annunciano battaglia, con albergatori e ristoratori sul piede di guerra e pronti a fare ricorso al Consiglio di Stato per scongiurare gli effetti negativi della chiusura che ricadrebbero a cascata anche su Pordoi, Campolongo e Gardena. Lassessore regionale al turismo, Federico Caner, supporta gli addetti al settore e annuncia a gran voce: Il Veneto mai accetterà di condividere anche solo unipotesi di chiusura dei passi. O almeno non con queste condizioni.

Ineditamente inviperita la reazione dellomologo Gilmozzi, che commenta stizzito: Le azioni intraprese sono perfettamente legittime e lecite e rientrano nei poteri delle nostre due Province, come dimostrato dalle sentenze del Tar di questi anni. Non solo. Tutta la querelle altro non sarebbe che frutto di cattiva informazione: La polemica nasce solo perché il Veneto sta reagendo a informazioni sbagliate che qualcuno gli ha fornito e probabilmente sono state assunte tali e quali, non aggiornate, anche dagli albergatori. E torna a ribadire: I provvedimenti riguardano il solo Passo Sella e hanno valore sperimentale per un progetto di medio e lungo termine la cui portata e importanza sono state più volte spiegate anche agli assessori Caner e De Berti che vedremo ancora. Domani (oggi, ndr) riprenderà largomento in conferenza stampa dopo giunta ma non sto ad alimentare polemiche che non servono a niente.

Reazione composta e rispettosa dellautorità provinciale da parte di Manfred Pinzger, presidente degli albergatori altoatesini. Naturalmente dobbiamo rispettare le decisioni che vengono prese - spiega in tono bonario il numero uno dellAgf - ma come associazione vorremmo una linea chiara e regole precise, che non cambino ogni anno. Lanno scorso cè stato un tentativo di chiudere i passi, questanno un altro, non cè mai sicurezza. Rispettare le Dolomiti per noi va bene, non siamo sempre contrari a priori, vorremmo solo chiarezza. Senzaltro questi blocchi porteranno un danno: chi viaggia vuole andare da un posto allaltro senza soste e divieti - conclude Pinzger -. Ma non ci aggreghiamo ai veneti e non faremo nessun ricorso, mai. Siamo stati coinvolti in questa decisione e lo sapevamo. Basta formare i dipendenti e informare i turisti.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news