LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Città abbandonata. Se il verde ci rende comunità
Pierluigi Battista
Corriere della Sera - Roma 21/7/2018

Ho letto che i parchi puliti, i giardini curati, le ville conservate, gli alberi potati, i prati ben mantenuti, le piante innaffiate, che insomma tutto questo non costituisce solo una salutare e doverosa difesa dellambiente, ma è anche un potente elemento di coesione sociale: rende la vita delle città più gentile, rafforza i legami di cittadinanza, consolida il senso di appartenenza. Ecco, Roma è la metropoli con più parchi e giardini di Europa. Ora è abbandonata e degradata, ma attraverso il suo verde ritrovato, irrorato da risorse e attenzione e autogoverno, magari potrebbe riscoprirsi addirittura comunità un po meno depressa. Magari.

Magari, se si avessero fantasia, volontà, coraggio. Doti che lattuale amministrazione palesemente non ha, stretta tra linettitudine e una cronica incapacità di capire che una città non è solo un reticolo di procedure, ma un corpo vivo bisognoso di vitamine sociali. A Ostia cera un piccolo parco abbandonato, ricoperto di erbacce, devastato, lurido. Per anni il Comune non ha fatto niente. Per anni i cittadini sono stati passivi, aspettando che il Comune immobile si scuotesse dal suo torpore, avviluppato in burocrazie da incubo, incapace di custodire un piccolo ma importante patrimonio. Poi i cittadini di Ostia si sono mossi, si sono organizzati, si sono autotassati rimuovendo comprensibili remore: ma come, paghiamo le tasse e nessuno si occupa di noi? Avevano ragione, ma intanto il degrado avanzava inesorabile, come in tanti posti di Roma.
Alla fine il piccolo parco ha ricominciato a funzionare, è ridiventato un centro pulsante di vita, un luogo dove i cittadini si riconoscono, si scambiano idee, fanno giocare i bambini e respirano meglio. Curano un pezzo di città come se curassero una parte di loro. Sentono di appartenere. Respirano meglio i polmoni, ma anche il cuore sociale. Magari non sono più felici, ma basterebbe che fossero un po meno infelici.

Magari lamministrazione di Roma prendesse spunto da questa storia. O, se si vogliono fare esempi, basterebbe seguire il salvataggio dei cittadini di Villa Balestra: peccato che la notte i vandali distruggano ciò che viene curato di giorno. I cittadini possono fare tutto, ma che almeno il Comune, prigioniero della sua inefficienza e immobilità, si occupasse della sicurezza e della salvaguardia dei beni comuni.

Central Park a New York, un tempo in declino, è stata affidato da oltre 30 anni a unorganizzazione che lha preso in cura grazie alle donazioni di comuni cittadini, delle compagnie e delle fondazioni che garantiscono quasi l80 per cento dei fondi per la manutenzione di 843 acri, con gli affitti dei campi di baseball, delle piste di atletica, e con la Filarmonica che per due settimane si esibisce gratuitamente. Si può fare a Villa Ada, abbandonata a se stessa, malgrado lo sforzo di volonterosi cittadini che la vogliono difendere. O a Villa Borghese, con quei busti distrutti che trasmettono lidea della sconfitta di unintera città. O nei tanti giardini e parchi distrutti che pure circondano le cosiddette periferie. Si può fare nei quartieri dove gli alberi cadono senza un servizio pubblico che se ne prenda cura, le piante muoiono, le erbacce sembrano averla vinta. Non diamogliela vinta. Non diamo a questa amministrazione comunale, inetta e incompetente, limpressione che siamo rassegnati al peggio. Ogni metro di verde guadagnato è un pezzo di comunità perduta che si ricostruisce. Magari.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news