LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il modello Passo Sella anche per il Garda. Una zona satura
Andrea Bontempo
Corriere del Trentino 21/7/2018

Quello del Sella potrebbe essere solo il punto di partenza per una estensione ad altre zone della provincia della limitazione al traffico. Prima fra tutti il Garda. Si tratta di una zona sicuramente saturata dal traffico, sulla quale dobbiamo ragionare conferma lassessore Mauro Gilmozzi. Intanto lunedì parte la regolamentazione in quota.

TRENTO. In Sella si parte. Lunedì inizia la regolamentazione degli accessi al passo Sella, fino al 31 agosto. Limitazioni di accesso dalle 9 alle 16 dal lunedì al venerdì, per un limite massimo di 2.200 ingressi di veicoli al giorno. Lobiettivo è ridurre il traffico individuale sul passo Sella del 20 % e sensibilizzare i visitatori a una mobilità responsabile, ecologica e sostenibile, per contribuire alla valorizzazione e alla tutela delle Dolomiti.

La regolamentazione del Sella ha visto laccordo delle province di Trento e Bolzano, ora cercheremo lalleanza con le altri valli dolomitiche e a settembre ragioneremo con il Veneto. Liniziativa sul Sella è lemblema della volontà di agire su unarea più ampia spiega lassessore provinciale trentino alle infrastrutture e allambiente Mauro Gilmozzi. Quello del Sella difatti potrebbe essere solo il punto di partenza per un modello estendibile nel giro di qualche anno ad altre zone della regione, prima fra tutte il lago di Garda: Il Garda è una zona sicuramente saturata dal traffico, su cui ragionare fortemente e su cui intervenire osserva lassessore. Servirà tempo, almeno cinque anni se non più per andare a regime; per costruire la mobilità del futuro bisogna scontrarsi coi fautori della mobilità del passato incentrata solo sullauto. La sfida è grande.

Intanto si riparte dal progetto #Dolomitesvives e dal laboratorio del passo Sella, con la regolazione degli accessi nellarea che si estende da poco dopo lincrocio Miramonti in val Gardena allarea Pian de Schiavaneis nei pressi dellincrocio passo Pordoi/passo Sella in val di Fassa. Non si tratta di un divieto, non vogliamo vietare nulla bensì costruire spiega sempre Gilmozzi: Il nostro obiettivo è un cambiamento profondo della scelta modale di trasporto nelle zone ad alta intensità di traffico; vogliamo cambiare il modo di spostarsi nelle valli dolomitiche allinsegna della sostenibilità, della responsabilità e della consapevolezza. La nostra vuole essere una funzione educativa che non penalizzi nessuno.

Un chiaro appello ai turisti a vivere la vacanza in modo nuovo, lasciando gli automezzi presso le struttura ricettive o nei parcheggi di fondovalle e raggiungendo il passo Sella con i mezzi pubblici, gli impianti di risalita, in bici o a piedi. La vera notizia commenta Gilmozzi è leccezionale cadenzamento dei mezzi pubblici in val di Fassa (un autobus ogni 15 minuti) e in val Gardena (uno ogni 30 minuti). Se la gente capirà il messaggio anche grazie al contributo degli operatori di #Dolomitesvives e sopratutto alla responsabilità degli albergatori non ci sarà alcun disagio: si attiverà un meccanismo virtuoso per cui magari non dovremo impedire laccesso a nessuno.

Essendo comunque quella del Sella una contingentazione e non un divieto da cui è escluso peraltro il fine settimana rimane difatti aperta la possibilità di accedere al passo con veicoli privati previa richiesta di autorizzazione gratuita, ottenibile tramite lapp Openmove o la pagina web www.openmove.com o direttamente dagli operatori sul Sella a partire da lunedì.

I pass saranno di quattro tipi, uno per le auto, uno per le moto, da e per le province di Trento e Bolzano. Il Dolomitesvives pass spiega una nota della Provincia può essere richiesto per una fascia oraria definita, che si riferisce allorario di salita al passo; la discesa è possibile in ogni momento. Il pass può essere richiesto il giorno precedente o il giorno stesso dellaccesso al Passo. Ci saranno comunque delle eccezioni, ad esempio per gli ospiti delle sei strutture ricettive presenti sul Passo Sella, che avranno accesso illimitato al passo coi propri mezzi privati per tutta la durata del soggiorno.

In ogni caso avverte Gilmozzi saremo inflessibili coi controlli: non tollereremo rumore, inquinamento, alta velocità e parcheggi selvaggi.




news

12-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 12 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news