LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il modello Passo Sella anche per il Garda. Una zona satura
Andrea Bontempo
Corriere del Trentino 21/7/2018

Quello del Sella potrebbe essere solo il punto di partenza per una estensione ad altre zone della provincia della limitazione al traffico. Prima fra tutti il Garda. Si tratta di una zona sicuramente saturata dal traffico, sulla quale dobbiamo ragionare conferma lassessore Mauro Gilmozzi. Intanto lunedì parte la regolamentazione in quota.

TRENTO. In Sella si parte. Lunedì inizia la regolamentazione degli accessi al passo Sella, fino al 31 agosto. Limitazioni di accesso dalle 9 alle 16 dal lunedì al venerdì, per un limite massimo di 2.200 ingressi di veicoli al giorno. Lobiettivo è ridurre il traffico individuale sul passo Sella del 20 % e sensibilizzare i visitatori a una mobilità responsabile, ecologica e sostenibile, per contribuire alla valorizzazione e alla tutela delle Dolomiti.

La regolamentazione del Sella ha visto laccordo delle province di Trento e Bolzano, ora cercheremo lalleanza con le altri valli dolomitiche e a settembre ragioneremo con il Veneto. Liniziativa sul Sella è lemblema della volontà di agire su unarea più ampia spiega lassessore provinciale trentino alle infrastrutture e allambiente Mauro Gilmozzi. Quello del Sella difatti potrebbe essere solo il punto di partenza per un modello estendibile nel giro di qualche anno ad altre zone della regione, prima fra tutte il lago di Garda: Il Garda è una zona sicuramente saturata dal traffico, su cui ragionare fortemente e su cui intervenire osserva lassessore. Servirà tempo, almeno cinque anni se non più per andare a regime; per costruire la mobilità del futuro bisogna scontrarsi coi fautori della mobilità del passato incentrata solo sullauto. La sfida è grande.

Intanto si riparte dal progetto #Dolomitesvives e dal laboratorio del passo Sella, con la regolazione degli accessi nellarea che si estende da poco dopo lincrocio Miramonti in val Gardena allarea Pian de Schiavaneis nei pressi dellincrocio passo Pordoi/passo Sella in val di Fassa. Non si tratta di un divieto, non vogliamo vietare nulla bensì costruire spiega sempre Gilmozzi: Il nostro obiettivo è un cambiamento profondo della scelta modale di trasporto nelle zone ad alta intensità di traffico; vogliamo cambiare il modo di spostarsi nelle valli dolomitiche allinsegna della sostenibilità, della responsabilità e della consapevolezza. La nostra vuole essere una funzione educativa che non penalizzi nessuno.

Un chiaro appello ai turisti a vivere la vacanza in modo nuovo, lasciando gli automezzi presso le struttura ricettive o nei parcheggi di fondovalle e raggiungendo il passo Sella con i mezzi pubblici, gli impianti di risalita, in bici o a piedi. La vera notizia commenta Gilmozzi è leccezionale cadenzamento dei mezzi pubblici in val di Fassa (un autobus ogni 15 minuti) e in val Gardena (uno ogni 30 minuti). Se la gente capirà il messaggio anche grazie al contributo degli operatori di #Dolomitesvives e sopratutto alla responsabilità degli albergatori non ci sarà alcun disagio: si attiverà un meccanismo virtuoso per cui magari non dovremo impedire laccesso a nessuno.

Essendo comunque quella del Sella una contingentazione e non un divieto da cui è escluso peraltro il fine settimana rimane difatti aperta la possibilità di accedere al passo con veicoli privati previa richiesta di autorizzazione gratuita, ottenibile tramite lapp Openmove o la pagina web www.openmove.com o direttamente dagli operatori sul Sella a partire da lunedì.

I pass saranno di quattro tipi, uno per le auto, uno per le moto, da e per le province di Trento e Bolzano. Il Dolomitesvives pass spiega una nota della Provincia può essere richiesto per una fascia oraria definita, che si riferisce allorario di salita al passo; la discesa è possibile in ogni momento. Il pass può essere richiesto il giorno precedente o il giorno stesso dellaccesso al Passo. Ci saranno comunque delle eccezioni, ad esempio per gli ospiti delle sei strutture ricettive presenti sul Passo Sella, che avranno accesso illimitato al passo coi propri mezzi privati per tutta la durata del soggiorno.

In ogni caso avverte Gilmozzi saremo inflessibili coi controlli: non tollereremo rumore, inquinamento, alta velocità e parcheggi selvaggi.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news