LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vicenza. Addio a Valmarana custode della grandezza della Rotonda
Paolo Coltro
Corriere del Veneto 22/7/2018

Spese una vita (e una fortuna) per la villa capolavoro di Palladio

Vicenza. Era come un manifesto allingresso della Rotonda: un cartello sobrio, poche righe chiarissime: I restauri di questa villa sono finanziati esclusivamente dai proprietari. Se lo ricordano bene i vicentini nelle loro passeggiate lungo la stradina angusta, nata a misura di carrozza. E i primi turisti ammessi soltanto dal 1986 in poi. Ma quellavviso, provocatorio, era insieme lorgoglio, la constatazione e la protesta di Lodovico Valmarana, allora proprietario della villa assieme al fratello Mario. Un amore totale e una dedizione speciale per quella casa che lo è solo alla fine: perché prima è monumento, esempio massimo della rivoluzione di Palladio, depositaria di una fama mondiale. Insomma, la Rotonda è unica. Ma per i Valmarana anche una casa.
Era messa male

Ha raccontato il conte Lodovico, scomparso venerdì a 92 anni a palazzo Corner Valmarana a San Marco, Venezia: Mio padre Andrea la comprò nel 1912. Era messa male, niente mobili né servizi. Fu mia madre a imporsi: o viviamo qui o della Rotonda non ne parliamo più. Lui accettò. Lodovico ci cresce, gioca nei giardini: Lho sempre sentita come unabitazione. Crescendo, assieme allaria di casa i fratelli Valmarana sentono la responsabilità: sarà anche un simbolo mondiale, ma i quattrocento anni si fanno sentire. E nel 1976 cominciano i lavori di restauro: si parte dalle coperture, si continua con gli interni, poi gli intonaci. Una bella boccata dossigeno arriva nel 79 dal regista Joseph Losey, che gira sulle scalinate alcune scene del suo Don Giovanni e paga la location. E tutti hanno ancora nella memoria, di quel film, Leporello che intona il catalogo delle madame. Numeri, numeri, come quelli che il conte Lodovico non si toglie dalla testa. Perché è convinto che, sì, la Rotonda è sua, ma è un bene del mondo. Arriverà infatti nel 1994 la decisione dellUnesco, che la dichiara Patrimonio dellUmanità, la villa da sola, avanguardia dellallargamento alle altre ville palladiane.

Ci tengono, i Valmarana. E ci investono per anni praticamente senza aiuti. Un paio di mutui vengono concessi dallIstituto Ville Venete, e ci mancherebbe, ma quei denari vanno restituiti. Il Comune di Vicenza guarda, plaude, ma non scuce una lira prima né un euro poi. In compenso manda i vigili ad appioppare multe alle auto dei turisti che intasano le adiacenze, perché chissà come mai Palladio non aveva previsto un parcheggio. Chi si ricorda della Rotonda è la Banca Popolare di Vicenza. Prima del Gran Disastro, nel 2008, Gianni Zonin eroga un contributo di 110 mila euro, su una spesa di 300 mila, per il restauro delle decorazioni della cupola. In quegli anni si conclude anche il restauro conservativo delle barchesse.
Una missione

Il conte Lodovico non si ferma, per lui è una missione. E non è senza significato che suo fratello Mario sia stato docente di architettura allUniversità della Virginia, la stessa fondata da Thomas Jefferson che fu il mentore di Palladio negli Stati Uniti. Si coglie, forse per la prima volta nella storia della Rotonda, lidentificazione totale tra proprietari ed edificio. Il quale edificio non è solo un biglietto da visita, unabitazione di rappresentanza senza funzione. La Rotonda diventa un pezzo tangibile dei Quattro Libri dellArchitettura, un libro fisico che dà corpo a unidea, si fa percorrere, vivere, respirare. Goethe la vede nel 1786 e ne coglie grandezza e significato: è stata costruita per lasciare ai discendenti un grandioso fedecommesso e insieme un segno tangibile della propria ricchezza. Però, aggiunge il poeta viaggiatore, linterno si può definire abitabile ma non accogliente. Le stanze sono inadeguate al soggiorno estivo di una famiglia signorile. La Rotonda poco vivibile? Macchè - diceva Lodovico abbiamo restaurato tutto il piano sotto le scalinate e ci si sta benissimo. Sullospitalità, poi, basta fare lelenco di personaggi famosi, teste coronate, artisti, studiosi che sono passati di lì, ospitati benissimo. Edoardo VIII, ex re, arrivò nel 36 con la moglie Wallis Simpson, si fermò a pranzo e poi anche a cena. Lodovico aveva dieci anni, ma si ricordava tutto: era geloso non tanto della villa, ma del suo prestigio. La regina madre inglese venne accolta con un mazzolino di fiori, appena scesa dalla sua Jaguar depoca color melanzana. Ci vollero i buoni uffici del marchese Boso Roi per fargli accogliere nel 1991 un concerto organizzato dalla Provincia: ma dirigeva Peter Maag con lorchestra Filarmonia Veneta e si suonava Mozart. Vennero tremila persone, tutte assiepate sui prati, e fu un successo.
Orgoglio e nobiltà

Lui, Lodovico, non aveva certo problemi in quanto a quarti di nobiltà: il titolo di conte era stato conferito nel 1031 dallimperatore Corrado, nel 1540 Carlo V assegna anche il titolo di conti palatini di Nogara, nel 1658 un ramo della famiglia è ascritto al patriziato veneto, anche se per soldo, centomila ducati versati per la guerra di Candia. Niente, tutta questa nobiltà nulla ha potuto nella guerra per le royalties. La Zecca di Stato conia monete doro e dargento con leffigie della Rotonda? Non chiede permessi, non paga diritti. Lodovico, conte diretto e quasi rustego , combatte per la sua Fondazione che finanzia tutto. Lente di promozione VicenzaE sinventa un orologio impreziosito dalla Rotonda? Non mi hanno detto nulla, e non pagano nulla. La Rotonda è una meraviglia, ma sono altri a goderne i frutti. Un caro amico agronomo segue la coltivazione dei terreni che circondano la villa. Ha lidea di colorare di anno in anno il panorama, cambiando le coltivazioni. Quando arriva la colza, è una stupenda esplosione di giallo, arrivano fotografi da tutto il mondo, la Rotonda finisce ancora di più sui giornali e sul web. E nemmeno una royalty, simbufalisce il conte, e allora stop ai colori. Daltra parte mantenere la Rotonda così come le altre ville venete, che son quasi quattromila con dignità e compromessi accettabili, non è facile. Fino allultimo il conte Lodovico è rimasto orgoglioso e pieno di idee perfino visionarie: opere darte al centro della Rotonda, voleva inviare Macron e magari anche Trump. I suoi 92 anni sono stati vissuti per la Rotonda. Per fortuna sua e nostra.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news