LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal libro in restauro spunta lo spartito musicale del 1100
Eleonora Lanzetti
Corriere della Sera - Milano 24/7/2018

Era nascosto tra le pagine di un libro del 1600 ed è stato scoperto durante il lavoro di restauro del volume, appartenente alla biblioteca dellUniversità di Pavia: lo spartito Uno tra i più antichi mai studiati, dicono ora gli esperti risale al 1100.

Pavia. Tra le pagine di un manoscritto del 1600, una restauratrice libraria della biblioteca universitaria di Pavia ritrova un prezioso antifonario risalente al 1100. Una scoperta unica per questa pergamena antesignana dello spartito musicale, in cui erano stati trascritti i canti domenicali di Pentecoste e dellAscensione, che risulta essere la più antica conosciuta sino ad ora.

Alessandra Furlotti stava restaurando minuziosamente tre libri della prima metà del Seicento conservati nel Salone Teresiano dellateneo pavese, quando, maneggiando uno di questi, il codice In Ecclesia Mediolanensi di Giovanni De Deis, realizzato a Milano nel 1628, si è accorta della presenza di un foglio nella contro coperta del volume. Una pagina integra, ben leggibile su fronte e retro, nonostante fosse stata cosparsa di colla animale per farla aderire meglio al cartone della rilegatura. Impossibile da vedere e impalpabile al tatto: Durante il lavoro si è verificato il distacco che ha portato alla scoperta sorprendente spiega Antonella Campagna, funzionaria della biblioteca dellUniversità di Pavia . Era consuetudine che i legatori utilizzassero come materiale per rinforzare le rilegature, frammenti di risulta di altri testi, ma è rarissimo trovare un salto temporale di ben cinque secoli.

La rilegatura del tomo era compromessa, ed era necessario un intervento repentino, così, grazie al progetto Art Bonus del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, e le donazioni di mecenati e benefattori, è stato avviato un sostanzioso lavoro di restauro e risanamento di legature di pregio di trenta opere edite tra il XVI e il XIX secolo di area italiana e austriaca, con copertine rare. Tra queste cera proprio il codice di Giovanni De Deis da cui è spuntato il prezioso foglio che sta catturando lattenzione di centinaia di cultori, rimasto lì, in quello scrigno di pagine spesse che ne hanno preservato la bellezza per 400 anni. Questa scoperta è il frutto di diverse sinergie capaci di utilizzare gli strumenti del presente per ritrovare le parole e, in questo caso, le note del passato ha commentato il direttore generale Biblioteche e Istituti culturali del ministero, Paola Passarelli . La pergamena ritrovata è già stata inserita in un passe-partout che ne consente la lettura recto-verso, pronta per essere studiata.

Il documento decorato con la raffigurazione di una sorta di animale mitologico dalle fattezze di un serpente con zampe colorate, e diverse iscrizioni, viene maneggiato con guanti bianchi ed estrema cautela dalla restauratrice pavese che lo ha riportato alla luce. É tra i più antichi da poter studiare, come sostenuto da Dominique Gatté esperto musicologo francese, specialista di musica medievale che per primo ha ricevuto la chiamata da Pavia per analizzarlo.

Gattè ha confermato la sua appartenenza ad un antifonario, ovvero un breviario liturgico con trascritti musiche e canti eseguiti durante i riti religiosi, composto in Piemonte, verosimilmente nella zona di Novara. La sua datazione intorno al 1100 è avvalorata dallo stesso esperto in quanto solo in epoca arcaica le note erano segnate su un unico rigo e non sul pentagramma o tetragramma. Il ritrovamento di questo prezioso documento dichiara il ministro Alberto Bonisoli conferma quanto sia importante il lavoro di tutela e di ricerca nei confronti del patrimonio librario del Paese, e la collaborazione con Università e sistema bibliotecario.

Ora si cercano musicisti esperti in grado di leggere questi arcaici spartiti, per poter ascoltare melodie quasi millenarie:Il 22 settembre, in occasione delle Giornate europee del Patrimonio, organizzeremo un seminario dedicato a questa scoperta ha spiegato Antonella Campagna . Nel frattempo, stiamo cercando musicologi che sappiano leggere gli spartiti dellantifonario e ridiano vita a queste antichissime note.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news