LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Prosperi: Lo Stato punta sui musei e non crede più nei libri
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 24/7/2018

La crisi della Nazionale è il simbolo del degrado del sistema bibliotecario italiano: il ministero da anni investe solo nei musei, non cè spazio nel suo cuore per le biblioteche.

Il professor Adriano Prosperi è il primo firmatario dellappello dellAssociazione dei lettori.Prosperi: la Nazionale deve riprendersi il suo ruolo, offrendo anche altro.

Professor Adriano Prosperi, come giudica le condizioni in cui versa la Biblioteca Nazionale di Firenze?

È la punta delliceberg del degrado del sistema bibliotecario. Il simbolo della sua musealizzazione, burocratizzazione, perdita di rilevanza.

Raccontata così, è un de profundis. Ma lei è il primo firmatario dellappello dellAssociazione dei lettori per salvarla. Si può ancora fare?

Lappello è per lo sblocco del turn-over, la carenza di personale la mette a serio rischio. Ma i problemi di organico sono anche il sintomo di un male più grande, ciò che è successo alla biblioteca della mia università, Pisa, o allEstense di Modena, segna il passo di una tendenza: da anni si punta a valorizzare i musei, perché la cultura deve rendere, mentre il Ministero dimostra che le biblioteche non hanno posto nel suo cuore, le considera un peso.

Frequenta ancora assiduamente la Nazionale?

Da quando sono in pensione, molto meno: le mie ricerche mi spingono verso Roma, alla biblioteca del Vaticano soprattutto (Prosperi è uno dei massimi studiosi di storia dellInquisizione e dei movimenti ereticali, ndr ): cè più ricchezza di offerta, servizi migliori, ed è lì che adesso posso incontrare i massimi studiosi internazionali.

Mentre un tempo...

La Nazionale di Firenze era un importantissimo centro nevralgico. Ora è un monumento, statico, ottocentesco. E se sale agli onori della cronaca lo fa perché ci piove dentro o perché tenta di far cassa con partite di golf o sfilate di moda. Altri simboli della condizione miserabile in cui la si è lasciata affondare, del disagio diffuso delle biblioteche, della clamorosa rinuncia da parte della classe dirigente a pensare a un livello adeguato alla grandezza del passato che deve preservare.

Ha perso la sua funzione?

In Nazionale ci vai per ricerche sugli inediti, le fonti primarie, i manoscritti. Chi ha già alle spalle tutto questo mondo, ha bisogno anche di altro. Ma sul piano dei servizi ha fatto come il letto di Procuste: ha tagliato le gambe alla consultazione perché non riusciva più a esserne allaltezza. In biblioteca si deve avere il piacere di andarci. Piacere che non cè più.

Però in questi ultimi anni è stato avviato un processo importante di digitalizzazione dei volumi.

Se devo leggere una stampa fiorentina del 400, è più probabile che la trovi digitalizzata dalla biblioteca universitaria di Monaco di Baviera.

Dunque, cosa fare?

Se non arrestiamo questa tendenza, lItalia dimenticherà di possedere lintera sua storia in quelle stanze. Una storia scolpita su carta che affonda in un passato ben più remoto di quello di Stati Uniti, Inghilterra, perfino della Francia. Tutti Paesi che al contrario hanno biblioteche nazionali enormi, moderne, simboli della grandezza culturale che rappresentano.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news