LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Prosperi: Lo Stato punta sui musei e non crede più nei libri
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 24/7/2018

La crisi della Nazionale è il simbolo del degrado del sistema bibliotecario italiano: il ministero da anni investe solo nei musei, non cè spazio nel suo cuore per le biblioteche.

Il professor Adriano Prosperi è il primo firmatario dellappello dellAssociazione dei lettori.Prosperi: la Nazionale deve riprendersi il suo ruolo, offrendo anche altro.

Professor Adriano Prosperi, come giudica le condizioni in cui versa la Biblioteca Nazionale di Firenze?

È la punta delliceberg del degrado del sistema bibliotecario. Il simbolo della sua musealizzazione, burocratizzazione, perdita di rilevanza.

Raccontata così, è un de profundis. Ma lei è il primo firmatario dellappello dellAssociazione dei lettori per salvarla. Si può ancora fare?

Lappello è per lo sblocco del turn-over, la carenza di personale la mette a serio rischio. Ma i problemi di organico sono anche il sintomo di un male più grande, ciò che è successo alla biblioteca della mia università, Pisa, o allEstense di Modena, segna il passo di una tendenza: da anni si punta a valorizzare i musei, perché la cultura deve rendere, mentre il Ministero dimostra che le biblioteche non hanno posto nel suo cuore, le considera un peso.

Frequenta ancora assiduamente la Nazionale?

Da quando sono in pensione, molto meno: le mie ricerche mi spingono verso Roma, alla biblioteca del Vaticano soprattutto (Prosperi è uno dei massimi studiosi di storia dellInquisizione e dei movimenti ereticali, ndr ): cè più ricchezza di offerta, servizi migliori, ed è lì che adesso posso incontrare i massimi studiosi internazionali.

Mentre un tempo...

La Nazionale di Firenze era un importantissimo centro nevralgico. Ora è un monumento, statico, ottocentesco. E se sale agli onori della cronaca lo fa perché ci piove dentro o perché tenta di far cassa con partite di golf o sfilate di moda. Altri simboli della condizione miserabile in cui la si è lasciata affondare, del disagio diffuso delle biblioteche, della clamorosa rinuncia da parte della classe dirigente a pensare a un livello adeguato alla grandezza del passato che deve preservare.

Ha perso la sua funzione?

In Nazionale ci vai per ricerche sugli inediti, le fonti primarie, i manoscritti. Chi ha già alle spalle tutto questo mondo, ha bisogno anche di altro. Ma sul piano dei servizi ha fatto come il letto di Procuste: ha tagliato le gambe alla consultazione perché non riusciva più a esserne allaltezza. In biblioteca si deve avere il piacere di andarci. Piacere che non cè più.

Però in questi ultimi anni è stato avviato un processo importante di digitalizzazione dei volumi.

Se devo leggere una stampa fiorentina del 400, è più probabile che la trovi digitalizzata dalla biblioteca universitaria di Monaco di Baviera.

Dunque, cosa fare?

Se non arrestiamo questa tendenza, lItalia dimenticherà di possedere lintera sua storia in quelle stanze. Una storia scolpita su carta che affonda in un passato ben più remoto di quello di Stati Uniti, Inghilterra, perfino della Francia. Tutti Paesi che al contrario hanno biblioteche nazionali enormi, moderne, simboli della grandezza culturale che rappresentano.




news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news