LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. La scrivania di Piffetti torna a Palazzo Chiablese. Vale due milioni di euro
Massimo Massenzio
Corriere della Sera - Torino 25/7/2018

La scrivania da due milioni
Esposta a New York e poi sparita. Restituita da un privato

I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, dopo unaccurata indagine, hanno recuperato una scrivania a doppio corpo con pregiati intarsi di avorio e madre perla, scomparsa nel secondo dopoguerra dal territorio nazionale e considerata uno dei maggiori capolavori del piu importante maestro ebanista del periodo sabaudo, Pietro Piffetti

Nel 1768 fu pagata 2 mila 500 lire dai contabili di Casa Savoia e oggi vale più di 2 milioni di euro. La preziosissima scrivania a doppio corpo riportata a Torino dopo 70 anni dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale è una delle ultime opere realizzate dal maestro ebanista Pietro Piffetti e fu commissionata per lappartamento del duca Benedetto Maurizio del Chiablese. Per quasi due secoli è rimasta a Palazzo Chiablese, ma nel 1956 è stata esportata illegalmente allestero. Da allora seguirne le tracce è stato molto complicato: di certo è passata di mano molte volte ed è stata addirittura esposta al Metropolitan Museum di New York. Dal 1996 il capolavoro progettato dallarchitetto Benedetto Alfieri è letteralmente sparito dalla circolazione, ma, grazie a una meticolosa indagine, gli investigatori del Ntpc sono riusciti a individuare lultimo proprietario, che aveva acquisito in buona fede la scrivania dopo lo scioglimento di una società. Il collezionista, che rischiava di essere indagato, ha accettato di restituire lopera darte allo Stato italiano e presto il capolavoro del Piffetti verrà esposto nella Reggia di Venaria prima di tornare definitivamente a Palazzo Chiablese. Vedere le cinque casse che compongono questo mobile, risalire lo scalone di Palazzo Chiablese per tornare a casa, è stata una grande emozione, ha commentato soddisfatta la soprintendente Luisa Papotti, che aveva dato il via allinchiesta segnalando la mancata esposizione del mobile in occasione di una recente mostra dedicata ai capolavori di ebanisti piemontesi. I carabinieri hanno accertato che le uniche immagini disponibili della scrivania erano vecchissime fotografie darchivio e hanno ricostruito la storia dellopera, miracolosamente scampata ai bombardamenti alleati durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel 1947 Palazzo Chiablese divenne proprietà del Demanio e gli arredi furono oggetto di una lunga battaglia legale tra lo Stato e i duchi di Genova, che riuscirono a ottenerne la proprietà e a vendere successivamente la scrivania a un privato. Secondo i carabinieri, coordinati dalla Procura di Torino, quel mobile non poteva però essere portato allestero e invece venne venduto prima in Francia e poi in Svizzera. A gennaio è stata avviata unindagine per esportazione illecita e sono stati sentiti fra gli altri anche due antiquari che hanno confermato il passaggio a una collezione privata europea e lesposizione al Met fino al 1996. Linchiesta ha consentito di dimostrare che la preziosa scrivania, decorata con intarsi in avorio e madreperla e dotato di soli due piedi di appoggio, fu espressamente concepita e disegnata per essere collocata in un piccolo vano degli appartamenti ducali di Palazzo Chiablese, a Torino. Quindi doveva essere considerata una perfetta integrazione dellapparato decorativo della sala, legata alla boiserie su cui poggiava il corpo inferiore a ribalta, mentre unalta nicchia muraria era stata tagliata a misura per contenerla.

Questo particolare spiega il tenente colonnello Silvio Mele, comandante del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale ha confermato limprescindibile legale del bene allimmobile demaniale e quindi lappartenenza allo Stato italiano. Mario Turetta, direttore del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude si augura che la scrivania possa essere esposta al pubblico in tempi brevi: Chiediamo che questo bene di incredibile valore non rimanga nascosto al pubblico conferma Turetta ora il mobile verrà portato al centro di restauro della Reggia di Venaria. Speriamo di poterlo esporre nel percorso di visita, come segno di onore al genio di Piffetti e a coloro che ne hanno permesso la restituzione. I fondi ci sono già, sia per restaurarlo che per esporlo. Se il restauro si completerà in tempi brevi la scrivania di Piffetti potrebbe debuttare a Venaria già nel periodo natalizio per poi fare ritorno a Palazzo Chiablese.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news