LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Chiese degradate. Servono fondi e una mappa precisa
Costanzo Gatta
Corriere della Sera - Brescia 25/7/2018

Sono 1.255 le chiese sotto la giurisdizione diocesana aperte al culto e molte sono antiche. La situazione non è drammatica, ma servono cure tempestive. È essenziale monitorare tutte le chiese per stabilire dove sono più urgenti gli interventi di restauro e di recupero, ma è anche indispensabile fare i conti per capire quale sia limporto dellintervento.

Il drone ronza attorno al campanile della chiesa di san Giacomo a Carcina come una mosca attorno al miele. La telecamera scruta la cella campanaria, la cima, lorologio. Quando loperatore riporta a terra il velivolo telecomandato, si va da Carcina a Nuvolera. Ora è il campanile di san Lorenzo sotto locchio elettronico. Due brutti reportages. Sul campanile di Carcina è evidente la decoesione delle murature in pietra. Le radici di una vegetazione infestante hanno creato fratture e lacqua che vi penetra, ghiacciando, le allarga. Crepe pure allinterno della torre. Un salvataggio è possibile e la Soprintendenza ha già in mano il progetto. Ma il parroco don Cesare Verzini non ha in mano un soldo. A Nuvolera la situazione sembra più seria: da terra fino alla cella campanaria - ospita un delizioso concerto di 8 campane i marmi sono instabili. Un ponteggio, sistemato a ombrello, protegge chi passa dalla caduta di pietre e calcinacci . Meno male che con lanno nuovo Leonardo Gatti inizierà il restauro. Ad Acquafredda San Biagio sente il peso dei secoli. Don Adolfo Piotto, ha uno studio per arrestare il degrado, ma intanto ha dovuto chiudere. Aperta è invece la chiesa dei santi Pietro e Paolo in Orzivecchi, ma con grossi problemi per via duna falda acquifera che ha minato la base provocando slittamenti della facciata verso sud e del campanile verso est. Eterno problema: i soldi. Da qui un appellò alla comunità di solito generosa.

Mons. Federico Pellegrini, direttore dellUfficio per i beni culturali so ragguaglia: Sono 1255 le chiese sotto la giurisdizione diocesana aperte al culto e molte antiche e Come dire che un nonno ha più acciacchi di un ventenne. La situazione non è drammatica. Cè naturalmente bisogno di cure tempestive . I cedimenti sono naturali. Importante è un osservatorio efficiente!. E qui i numeri spaventano. Oltre alle 1255 chiese della Diocesi Comune o congregazioni religiose ne posseggono altre 200. Quanti soldi servirebbero a metterle in ordine tutte ipotizzando una spesa media di 700 euro per chiesa? Vero. Ma vien da chiedersi che accadrebbe se un Moretto finisse in rovina? O che accadrebbe se i calcinacci - come quelli caduti dal cornicine di san Giuseppe finisse sulla testa di un passante? Anche in città non tutto va bene. Inagibile, per cedimenti strutturali è la chiesa in San Polo vecchio intitolata alla conversione di San Paolo. Preoccupazioni le suscita l antica chiesa di SantAgata. Interventi sarebbero da fare in San Lorenzo. Si lavora invece in San Giacinto al quartiere Lamarmora.Nella chiesa inaugurata nel novembre 1953 il tetto ha avuto un cedimento. Comprensibile lo spavento: è a 18 metri dalla testa dei fedeli.

Rotta verso i santuari. A Predondo di Bovegno è chiuso per guai alla struttura e infiltrazioni dacqua nel porticato il tempio dedicato alla Madonna della misericordia. Inaccessibile quel gioiellino che il paese edificò credendo alla parola della contadinella Maria Amadini cui era apparsa la Vergine. Accadeva il 27 maggio 1527. Da sei anni catenacci pure al Santuario della Madonna della neve di Bisenzio (frazione Presegno, comune di Lavenone, in Valsabbia). Uno smottamento del terreno ha messo in crisi la struttura del complesso sorto a metà del 1600 e riedificato nel 1749. Le foto evidenziano larghe crepe nelle pareti. Qui si venera una delle poche copie della Madonna di Santa Maria Maggiore in Roma, onorata con il titolo di Salus populi romani. Don Fabio Peli, parroco del 2012, dopo la chiusura ha avviato il progetto di recupero, sostenuto dal sindaco Claudio Zambelli. Don Bernrdo Chiodaroli parroco doggi attende che il Ministero sblocchi i fondi promessi per i lavori. Arriveranno? Chissà! E gli altri sacerdoti, troveranno finanziamenti? La cè la Provvidenza - diceva Manzoni.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news