LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - I monumenti al lavoro nellimmondizia mentre spuntano mostruosi papaveri
di SALVATORE SETTIS
25 luglio 2018 IL TIRRENO



Quando disegnava la piazza del Campidoglio e il piedistallo per la statua di Marco Aurelio a cavallo, Michelangelo non avrebbe mai detto che stava occupandosi di arredo urbano. Per fare un paragone irriverente, un po come il Monsieur Jourdain di Molière, che parlava in prosa senza saperlo. Altri tempi, quelli di Michelangelo: quando le opere darte invadevano piazze e strade perché sentite come necessarie, e non per riempire un vuoto o gratificare un assessore. Oggi è davvero difficile dire se la retorica dellarredo urbano stia producendo più guasti che opere darte, ma certo il rischio cè. Un paio di esempi dalla provincia di Livorno raccontano due storie complementari, che vanno lette insieme se vogliamo (ma lo vogliamo?) capirci qualcosa. Primo esempio: davanti alla stazione di San Vincenzo cera da anni un arredo urbano povero, una scultura dedicata ai Ferrovieri italiani nella Resistenza (così la scritta), messa insieme con materiali di recupero da Alvaro Panichi, certo non un artista famoso ma certo un cittadino (e forse un ferroviere) di qualità. Analogamente, nella piazza del vicino villaggio industriale di San Carlo sorge una scultura (non firmata) in onore dei minatori delle cave Solvay, anchessa messa insieme con materiali di recupero. Monumenti, luno e laltro, semplici e modesti, senza grandi pretese, ma di una forte e autentica eloquenza operaia. Sorti a celebrare il lavoro, la fatica, il rischio dei cavatori, la Resistenza. Ma alla stazione di San Vincenzo (da anni in ristrutturazione perpetua, senza biglietteria, senza bagno per i viaggiatori) il monumento ai ferrovieri a quel che pare non piace più. Arrugginito e degradato, è ora relegato in un angolo, ammucchiato con altri detriti, in attesa di un qualche robivecchi che se lo porti via o lo compri al peso. Sarà perché la Resistenza non va più di moda? O perché Alvaro Panichi non figura nei cataloghi del MoMA o nei vernissages delle gallerie milanesi?

Intanto a pochi chilometri di distanza, a Venturina, dove da sempre cè unassai accogliente area semi-pedonalizzata, qualcuno deve aver deciso che un arredo urbano ci voleva proprio. Ed ecco spuntare dallasfalto sei mostruosi super-papaveri che di notte silluminano gettandosi intorno una sinistra luce rossastra, mentre tuttintorno sono sorte strane gabbie metalliche, strutture poderose che reggerebbero tonnellate (di che cosa?), ma sono lì solo per esili rampicanti che timidamente cresceranno coprendone, si spera, la bruttura. Meglio non indagare sugli autori del misfatto, e meno ancora sui suoi costi. Meglio non fare battute di dubbio gusto, contrapponendo il rosso-bandiera dei papaveri di Venturina alla Resistenza messa in mora a San Vincenzo. Ma un paragone si può fare, e non da poco. Mentre a Venturina sindustriavano a piantar papaveri, un artista (lui sì) alla moda, Jeff Koons, donava alla città di Parigi una sua scultura, un gran mazzo di tulipani, roba da milioni di dollari a stare ai valori di mercato.
Eppure a Parigi i tulipani di Jeff Koons non li vuole nessuno, nemmeno negli spazi immensi del Trocadéro a cui lui li aveva destinati. Troppo ingombranti, dicono i parigini; troppo estranei al contesto. Chi deve imparare da chi? Parigi da Venturina o Venturina da Parigi?



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news