LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Porto Ercole Città del Caravaggio Unavventura sul viale del tramonto
di Emilio Guariglia
25 luglio 2018 IL TIRRENO


Otto anni fa larrivo delle presunte reliquie del maestro sul veliero di Previti, oggi il nuovo sindaco boccia il museo dei cloni


Un brindisi davanti alla tomba. Con una singolare cerimonia, allimbrunire dello scorso 18 luglio gli ex amministratori di Monte Argentario _ appena finiti allopposizione _ si riuniscono al mausoleo da loro stessi voluto che a Porto Ercole custodisce le (presunte) reliquie di Michelangelo Merisi, qui (forse) morto il 18 luglio 1610. Bollicine per celebrare un anniversario di morte e invocare clemenza per un condannato a morte.

Il condannato è il megaprogetto che avrebbe dovuto trasformare definitivamente Porto Ercole nella Città del Caravaggio: dopo il mausoleo un museo, in cui esibire ancora pezzi del Merisi ma stavolta di sicuro non autentici, riproduzioni digitali dei suoi capolavori. Un progetto sul quale il sindaco uscente Arturo Cerulli (centrodestra) aveva messo limpegno di due mandati, un milione e 250mila euro, uno degli edifici pubblici più importanti del paese e una bella fetta di campagna elettorale per lerede designata, la già vicesindaca Priscilla Schiano. Uno sforzo che ora i nuovi venuti si apprestano a cancellare.

Il voto del 10 giugno 2018, infatti, boccia la Schiano e promuove Franco Borghini, candidato di una civica sostenuta da una parte del Pd, nel cui programma cè lo stop al museo dei cloni caravaggeschi. Lo farà davvero? Gli ex amministratori gli chiedono di ripensarci, ma il verdetto è dietro langolo. Ennesimo possibile colpo di scena in una storia straordinaria fin dal suo inizio.

Dal 2009 a oggi dieci anni di avventure che sembrano sceneggiature di film, in bilico tra un documentario scientifico della Bbc e Totò truffa, a seconda del punto di vista. Un intreccio nel quale compaiono qua e là pure pezzi grossi del Vaticano e delle varie Repubbliche. A suo modo, uno spaccato di storia dItalia.

Tutta italiana, per esempio, è la miccia che dà fuoco alle polveri: un anniversario tondo, i 400 anni della morte di Caravaggio, atteso per il 18 luglio 2010 e che come sempre nel nostro Paese attizza i più disparati appetiti progettuali.

Che il Merisi potesse essere morto, malato, a Porto Ercole, è ipotesi da sempre. Tantè che nel borgo dellArgentario un piccolo monumento al Caravaggio cera da tempo. A fine 2009 però, con lavvicinarsi del 400, esplode nel paesello uninsolita caravaggiomania. Spuntano inedite testimonianze di chi, dimprovviso, ricorda e racconta di aver visto disseppellire i resti del Merisi a Porto Ercole. E dopo pochi giorni si scopre che a Roma è già costituito un Comitato nazionale (cè anche il sottosegretario della Pontificia Commissione per i beni culturali) pronto a salire a Porto Ercole per trovare le ossa di Caravaggio, sciogliendo così un enigma durato secoli.

Guidata dal giornalista e scrittore Silvano Vinceti, lIndiana Jones dei tempi moderni, la spedizione si insedia in paese e in un batter di ciglia sa dove cercare, cerca e trova, tra centinaia di scheletri sepolti in una cripta. Alla stessa velocità, intanto, vengono individuati a Caravaggio, paese natale del Merisi in provincia di Bergamo, i (presunti) discendenti del maestro oggi viventi, sui quali confrontare il dna estratto dalle ossa. Sono sue o non sono sue?: laboratori e università indagano e come in ogni buon film la risposta arriva in extremis: il 17 giugno 2010, a un mese dallanniversario, Vinceti annuncia: Sono le ossa di Caravaggio. Certezza all85 per cento, precisa poi. Ma tanto basta.

Sono gli anni doro del governo Berlusconi e il 4 luglio la teca con le reliquie del genio torna a Porto Ercole sbarcata dal Barbarossa, il veliero depoca di Cesare Previti, e accolta in pompa magna dagli stati maggiori del centrodestra nazionale. Manca solo la Lega: in quei giorni Matteo Salvini, eurodeputato del Carroccio, pretende che le reliquie del lumbàrd Michelangelo Merisi siano restituite alla Lombardia, a Milano. Ma a quei tempi conta poco: la teca va allArgentario, al quale le collezioni del Quirinale prestano persino un originale del Caravaggio il San Giovannino che resterà esposto un mese nella chiesa di SantErasmo per la gioia di quarantamila visitatori, tra i quali il ministro Brunetta.

Spenti i riflettori del 400 il San Giovannino torna a Roma, le ossa si parcheggiano in una banca, Cerulli e Vinceti rilanciano la Città del Caravaggio. Vinceti invoca la costruzione di un mausoleo tutto nuovo per la degna sepoltura del maestro e il 18 luglio 2014 il mausoleo (spesa 60mila euro, discutibile gusto) sinaugura: solo il primo tassello di un grande percorso, prossima tappa il museo delle copie.


Siamo contrari a una mostra di falsi quadri, dice però oggi il nuovo sindaco Borghini. Che laddove il suo predecessore immaginava il museo, punta a far nascere un centro diurno per anziani. Mettendo la parola fine a uno spericolato film durato dieci anni.




news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news