LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - È tornata al suo posto alla stazione la statua dei Ferrovieri nella Resistenza
27 luglio 2018 IL TIRRENO



La battaglia del Tirreno con il professor Settis ha riportato a nuova vita la scultura abbandonata tra i rifiuti


SAN VINCENZO. Una battaglia di civiltà che Il Tirreno con i suoi articoli di denuncia ha vinto: sullincuria e lindifferenza.

Ieri la statua di Alvaro Panichi, dedicata ai Ferrovieri italiani nella Resistenza è stata ricollocata nella sua posizione originale, alla stazione di San Vincenzo. Una battaglia innescata dal professor Salvatore Settis, archeologo e storico dell'arte italiano. Settis lha fatto attraverso le pagine del Tirreno, al quale ha inviato un accorato intervento di denuncia.

La statua versava in condizioni di pietoso abbandono da mesi. È servito locchio esterno e sensibile di Salvatore Settis, archeologo e storico dellarte italiano di fama e curriculum internazionali, perché ci si accorgesse dello scempio. In questi mesi di cantieri di ristrutturazione della stazione ferroviaria sono state fatte cose di dubbio gusto.

Lopera è stata smontata e ammassata in un angolo. Ragioni di cantiere probabilmente ma è finita senza alcuna cura tra il casotto per le fototessere e un totem informativo. Anzi, ignoti si sono sentiti autorizzati a trasformarla in appiglio sicuro a cui assicurare, con tanto di catena, la propria bicicletta. Nessuno ha sollevato questioni. Anche in occasione dellinaugurazione della rinnovata passerella pedonale, il 30 aprile. Eppure, il percorso che collega via Aurelia Nord con via della Stazione passa proprio dovè lopera di Panichi.

Oggi è davvero difficile dire se la retorica dell"arredo urbano" stia producendo più guasti che opere darte, ma certo il rischio cè - ha scritto Settis a Il Tirreno - . Un paio di esempi dalla provincia di Livorno raccontano due storie complementari, che vanno lette insieme se vogliamo (ma lo vogliamo?) capirci qualcosa. Primo esempio: davanti alla stazione di San Vincenzo cera da anni un arredo urbano "povero", una scultura dedicata ai Ferrovieri italiani nella Resistenza (così la scritta), messa insieme con materiali di recupero da Alvaro Panichi, certo non un artista famoso ma certo un cittadino (e forse un ferroviere) di qualità. Analogamente, nella piazza del vicino villaggio industriale di San Carlo sorge una scultura (non firmata) in onore dei minatori delle cave Solvay, anchessa messa insieme con materiali di recupero. Monumenti, luno e laltro, semplici e modesti, senza grandi pretese, ma di una forte e autentica eloquenza operaia. Sorti a celebrare il lavoro, la fatica, il rischio dei cavatori, la Resistenza.

Il monumento ai ferrovieri - dice ancora Settis - a quel che pare non piace più. Arrugginito e degradato, è ora relegato in un angolo, ammucchiato con altri detriti, in attesa di un qualche robivecchi che se lo porti via o lo compri al peso. Sarà perché la Resistenza non va più di moda? O perché Alvaro Panichi non figura nei cataloghi del MoMA o nei vernissages delle gallerie milanesi.

Laltro monumento sanvincenzino a cui fa riferimento Settis si trova a San Carlo. Semplici e modesti, senza grandi pretese, ma di una forte e autentica eloquenza operaia, scrive il professore accomunando lopera Ai minatori in piazza Solvay a quella di Alvaro Panichi I ferrovieri italiani nella Resistenza. Il legame va oltre i riferimenti al lavoro. Quello installato a San Carlo è firmato dallarchitetto Alessandro Panichi, figlio di Alvaro, ed è parte del percorso storico in cui si testimonia il lavoro nella cava di calcare della
multinazionale belga che ha segnato lo sviluppo di San Vincenzo. E a questo proposito cè una ferita aperta per larchitetto Panichi. Il silos dismesso dalla Solvay, progettato e costruito da Pierluigi Nervi, ingegnere di fama internazionale, che da anni è in stato di abbandono.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news