LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piemonte. La cultura apre alle imprese private
Barbara Notaro Dietrich
Corriere della Sera - Torino 28/7/2018

Un nuovo testo unico per la Cultura. È quello nato dopo un lungo iter in senso alla giunta Regionale. Che mette ordine e innova. Ma quello di cui va più fiera lassessora Antonella Parigi è che labbiano votata tutti gli schieramenti politici perché questo significa che, di fronte a un progetto condiviso, i diversi punti di vista possono trovare una sintesi.

In seconda battuta Parigi è soddisfatta per liter del disegno di legge: È il frutto di un percorso condiviso e anche questo è un approccio innovativo dellamministrazione pubblica che non è più lunico soggetto a decidere ma si pone in ascolto delle esigenze dei cittadini e dei privati in unottica che allontana la sussidiarietà e si apre alla co-progettazione.

Sì, perché la legge, che di suo ha già il pregio di aver abrogato 28 leggi regionali, Nasce sottolinea Parigi di un intenso e articolato percorso di confronto con gli operatori e con le associazioni di categoria, in particolare nel corso degli Stati generali della cultura del 2016. Il testo unico approvato martedì scorso costituisce la sintesi della grande mole di contributi emersi dal dibattito che non solo ha accompagnato gli Stati generali, ma anche la successiva discussione in Consiglio regionale. Una norma nuova ma nella quale confluiscono venendo superate e sviluppate le previsioni normative che erano finora contenute in decine di leggi distinte.

Ma il sostanziale cambio di paradigma è la messa in sicurezza dei fondi destinati alla cultura perché la programmazione avrà carattere triennale, a partire da gennaio 2019 quando entrerà in vigore la legge. Un programma sottolinea Parigi che definisce obiettivi, priorità strategiche, linee guida di intervento, a cui si affianca una coerente programmazione pluriennale delle risorse, con la costituzione di un nuovo Fondo per la cultura, articolato in spesa corrente e spesa per investimenti. Strumenti, questi, essenziali per dare al comparto culturale certezza di risorse sul medio periodo, sulla base delle quali poter progettare le proprie attività.

Lapertura ai privati è laltro grande aspetto innovativo della legge che sottolinea lassessore Parigi: Attraverso il Piano triennale e il Fondo per la cultura diamo maggiore solidità e certezze al settore, valorizzando il ruolo e le professionalità degli oltre 84mila operatori attivi sul territorio regionale. I dati del 2017 dicono infatti che le imprese culturali in Piemonte sono oltre 21 mila (62 % nel torinese) che han visto aumentare i loro addetti del 3,6%.

Antonella Parigi è infatti convinta che il lavoro fatto è stato riconoscere soprattutto il valore delle filiere, come quelle delle librerie e del cinema: Oggi le librerie sono dei veri e propri presìdi sociali. E anche il riconoscimento che la cultura è generatrice di un significativo valore economico: Basti pensare sottolinea ancora Parigi a tutte le aziende creative sul nostro territorio. Nei primi articoli della legge viene infatti ridefinito il ruolo della cultura: non solo salvaguardia della tradizione materiale e immateriale ma anche motore di sviluppo per il singolo e la comunità. Per questo perseguiamo la candidatura del tartufo a bene immateriale così come quella del merletto valsesiano precisa Parigi perché abbiamo riconosciuto il paesaggio e lenogastronomia come peculiarità del nostro territorio.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news