LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Incisioni rupestri a Carona. La grande pagina di pietra
Davide Sapienza
Corriere della Sera - Bergamo 28/7/2018

Il calco della roccia una pagina preistorica di pietra è diventato un monumento. Sarà inaugurato oggi nella piazzetta della chiesa di Carona. Un omaggio anche alla memoria di Gian Felice Riceputi che con Francesco Dordoni credette per primo allimportanza archeologica delle incisioni rupestri della Val Camisana.
Si inaugura oggi a Carona il calco, realizzato in unarea selvaggia a 2400 metri di quota, che riproduce le incisioni rupestri dellormai famosa roccia Camisana 1. Su quei trenta metri quadrati di arenaria argillosa, troviamo i codici di una storia importante di epoca preromana nel formidabile comprensorio montuoso delle Orobie centro-orientali. É dal 2005 che il solitario monolite, in posizione dominante sulla testata della Val Camisana, è oggetto di una narrazione in continua evoluzione. E sì che Camisana 1 era sempre stata lì, a poche decine di metri dal sentiero delle Orobie tra i rifugi Longo e Calvi e il passo di Valsecca. Fu Gian Felice Riceputi, allora presidente del Centro storico culturale Valle Brembana a venire al Civico museo archeologico di Bergamo con numerose foto delle incisioni che aveva trovato in Val Camisana insieme a Francesco Dordoni. Voleva un parere sulla rilevanza dei ritrovamenti e nel 2006, dopo alcuni sopralluoghi, stabilimmo la reale portata di quelle incisioni, di età preromana e tutte concentrate tra quota 2100 e 2400 metri su diversi massi di diverse dimensioni, ma nessuno grande come Camisana 1 ricorda Stefania Casini, direttrice del Museo. Dopo anni di studi, campagne di scavi e rilevamento, potremo vedere il calco eseguito dalla società di restauratori Ambracore non senza difficoltà, considerata la dimensione, la quota e la distanza da strade percorribili con mezzi idonei al trasporto. Un capitolo chiave degli studi archeologici alpini. Questo monolite prosegue Casini a oggi ci ha svelato che nelletà del Ferro, fu probabilmente il punto focale di un piccolo santuario naturale, alle sorgenti del Brembo e in prossimità dei passi che mettono in comunicazione le valli Brembana e Seriana: così dicono le parole incise sulla roccia, in particolare due iscrizioni del III/II secolo a.C. che contengono il nome di Pennino, il dio celtico dei passi montani e delle vette.

Iscrizioni a centinaia, a volte sovrapposte e per tale motivo di difficile decifrazione. É emozionante sapere che adesso, grazie allimpegno finanziario del Comune di Carona e del Centro storico culturale Valle Brembana, dei contributi di Anna Busi, sorella di Riceputi e del Consorzio Bim Bergamo, sarà possibile vedere il calco del masso a Carona, per apprezzare quella lunga storia di scritture e incisioni. Un progetto conclude la direttrice Casini , che soddisfa anche altre esigenze, in primis rendere più agevole lo studio e mostrare il monumento a un pubblico più vasto, oltre a fissare ad oggi lo stato di conservazione del masso, esposto a degrado naturale. Il calco sarà collocato nella piazzola di fianco alla chiesa parrocchiale e dedicato a Gianfelice Riceputi.




news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news