LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. Il Muse cresce e si regala il planetario
Cristiano Gatti
Corriere del Trentino 28/7/2018

La struttura sarà ultimata nellaprile 2019. Avrà la forma di una molecola dacqua
Nuova perla. Il rendering del planetario
Giatti

Prenderà il posto dellorto botanico, e sarà un vero e proprio planetario cittadino: è il regalo del Muse per i suoi cinque anni di vita, annunciato ieri dal direttore Michele Lanzinger, alla presenza del governatore Ugo Rossi. Si chiamerà MuseH2O e il progetto è a firma dellarchitetto roveretano Emiliano Leoni, che si è ispirato agli elementi chimici che compongono propio la molecola dellacqua. La struttura sarà ultimata nellaprile 2019.

La forma si ispira ai tre elementi che costituiscono la molecola dellacqua e la sua ubicazione sarà di fronte al Muse, dove oggi cè lorto botanico che, invece, verrà riproposto nelladiacente quadrante nordovest. Stiamo parlando del nuovo planetario digitale che arriva al Museo delle scienze per i suoi cinque anni di vita nella nuova sede disegnata da Renzo Piano. È MuseH2O e lannuncio della nascita del nuovo spazio nel parco del Palazzo delle Albere lo ha fatto ieri un emozionato presidente della Provincia Ugo Rossi, che ha anche specificato anche i costi del progetto che si aggireranno fra i 2,5 e i 2,7 milioni di euro. Con Rossi, nella sala stampa della Provincia cerano anche il presidente e il direttore del museo, rispettivamente Marco Andreatta e Michele Lanzinger, oltre agli assessori Tiziano Mellarini, con delega alla cultura e lassessore alla ricerca, Sara Ferrari.

Il nuovo planetario è stato progettato da un architetto di Rovereto, Emiliano Leoni, che si è ispirato agli elementi chimici che compongono proprio la molecola dellacqua. Il padiglione più grande avrà la forma dellelemento chimico dellossigeno, mentre quelli più piccoli, che si trovano a fianco, rappresentano le due molecole dellidrogeno. Per questo il planetario è stato chiamato MuseH2O . Un nome ispirato allinfinità dello spazio e per contrapposto alla dimensione finita delle risorse planetarie, come è lacqua. Ma non si tratterà solo di un luogo di divulgazione scientifica. Al planetario verranno proiettati documentari e fiction su temi della natura e dellambiente, ma ci sarà anche il cinema sperimentale.

Il planetario verrà realizzato in pochi mesi e sarà completato ad aprile. Prevede due involucri. Linterno sarà a struttura geodetica, in legno a snodi metallici, pannellata con pareti di tipo Xlam. Linvolucro esterno, invece, verrà realizzato con una tensostruttura in tessuto plastico tenuto in pressione, per creare una forma perfettamente sferica. La struttura più grande che rappresenta lidrogeno sarà lo spazio che servirà per la proiezione. Il materiale usato per coprirla è infatti di tipo riflettente e di colore bianco. Qui sarà possibile laccesso per 77 persone mentre le due sfere più piccole per le attività didattiche avranno una configurazione variabile e potranno ospitare fino a 30 persone ciascuna. Laspetto delle tre sfere cambierà a seconda delle ore del giorno: di notte il planetario muterà radicalmente e la struttura potrà diventare un triplice schermo. Unaltra novità sta nel fatto che il MuseH2O non prevede fondazioni ma sarà solo appoggiato al suolo e una passerella ispirata allanello del pianeta Saturno collegherà i tre nuovi spazi. Da ieri pomeriggio, inoltre, il Muse ha firmato anche un accordo quadro con la prestigiosa Asi, lAgenzia spaziale italiana, per fare divulgazione di grandi scoperte scientifiche.

La forma del planetario verrà inoltre rilevata anche da tutte le mappe satellitari, divenendo così una rappresentazione fisica dellidentità culturale del Muse e del Trentino che guardano con attenzione ai temi fondamentali della sostenibilità ambientale. Un museo che oggi ha consentito la ripresa dei flussi turistici ha dichiarato Rossi e che diventa un investimento per la fabbrica del futuro. Il presidente della Provincia ha poi sottolineato come il Muse possa essere un punto di partenza per il collegamento sostenibile con il monte Bondone.

La soddisfazione è anche del presidente del Muse, Marco Andreatta che sottolinea come il museo sia anche volano per loccupazione. A settembre dichiara nascerà anche una cooperativa che raggruppa tutte le guide del museo. Puntiamo a 120 mila visitatori allanno afferma il direttore Michele Lanzinger, ma ci riconosciamo nel sistema museale provinciale e siamo in stretto rapporto con questo.

Per accedere al planetario ci sarà una tariffazione a parte. Più bassa, se la visita sarà di complemento al Muse, più alta se si tratterà di un evento esclusivo. MuseH2O sarà anche dedicato alluniversità. Questi saranno sempre di più luoghi in cui rendere noti i risultati della ricerca trentina ha annunciato lassessore Ferrari. Ieri, nel giorno delleclisse di luna più lunga del secolo, si è tenuta la festa per i cinque anni di nascita del Muse. Gli appuntamenti sono partiti nel pomeriggio e sono andati avanti fino a notte fonda. Cinque anni di attività che, secondo i dati forniti dallo stesso museo, hanno registrato 3 milioni e 200 visitatori. Solo 550 in questo ultimo anno. Il Muse, è stato sottolineato ieri, ha raggiunto anche una capacità di autofinanziamento del 46 per cento.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news