LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Appia Antica, lenoteca del III secolo
Maria Rosaria Spadaccino
Corriere della Sera - Roma 30/7/2018

Scavi archeologici Portate alla luce le stanze dove il nettare veniva raffinato e nelle quali era perfino possibile degustarlo
Nel complesso dentro il Parco scoperti quattro ambienti dove veniva preparato il vino

LAppia Antica continua a riservare sorprese, negli ultimi mesi è stata scoperta unenoteca del III secolo e sotto la villa dei Sette Bassi - secondo gli esperti- ci sono rovine ancora importanti da scoprire. Il complesso è formato da quattro ambienti in cui il vino veniva preparato e raffinato ed era possibile addirittura degustarlo. In unaltra sala anche il cosiddetto ninfeo.

Le fontane che danno vino non potevano apparire che qui: sullAppia Antica. La scoperta è stata fatta dagli archeologi qualche mese fa allinterno della villa dei Quintili, sopra a quello che era il circo di Commodo, nel pieno del Parco. Sulle torrette dei carceres (gabbie di partenza dei carri per le corse nel circo) è stato rinvenuto un impianto per la produzione, conservazione e degustazione del vino - prodotto con le uve del vigneto del circo - di oltre 800 metri quadri.

Il complesso del III secolo è composto di due ambienti per la lavorazione del vino e di due stanze gemelle per la raffinazione. Accanto unaltra sala, il cosiddetto ninfeo del vino: il liquido prodotto dal mosto delluva, dopo essere passato attraverso vaschette di decantazione, fluiva attraverso fontanelle allinterno di nicchie in canali di marmo che portavano ai dolia ovvero contenitori molto grandi di terracotta nascosti sottoterra dove veniva conservato e miscelato con varie essenze.

Un sistema che possiamo considerare come unenoteca di Roma antica - spiega Giuliana Galli, archeologa, che ha lavorato al ritrovamento -. Per noi questultima è stata una scoperta davvero incredibile. Ci sarebbe ancora molto da scavare, ma i fondi per questo cantiere purtroppo sono terminati.

Larcheologa indica un cumulo di terra molto vasto vicino ai reperti scavati che per ora resterà tale. Noi però non demordiamo, non ci fermeremo - precisa la direttrice del parco Rita Paris -. Dobbiamo assicurare alle nuove generazioni il recupero e la messa in sicurezza di queste aree archeologiche.

Il parco archeologico si amplierà ancora di 4o ettari quando saranno terminate le ricerche che riguardano la villa dei Sette Bassi, il sito che nasconde sottoterra una città ancora da scoprire. In assenza di finanziamenti statali il Parco ha stretto accordi con lIstituto archeologico germanico, con le università La Sapienza e Tor Vergata e con quella del Salento. Ci aspettiamo molto da questo sito, con mezzi stratigrafici messi a disposizione dallIstituto germanico abbiamo visto che sottoterra ci sono meraviglie che ci aspettano, conclude Paris.

In ventanni lAppia Antica ha nettamente aumentato la sua offerta monumentale grazie al lavoro dei funzionari e degli archeologi, dei restauratori e delle maestranze della Soprintendenza speciale prima, ora confluiti nel parco archeologico dellAppia antica. Tremila e seicento ettari di parco, sedici chilometri di strada antica sono stati affrontati con un enorme lavoro scientifico soprattutto se si pensa che fino al 2000 non cera neanche un monumento aperto.

Ora la Regina viarum offre - oltre al suo percorso monumentale e paesaggistico, alle statue, ai reperti posti sulla via che si fondono con lagro romano e alle attività agricole - la tomba di Cecilia Metella; la villa dei Quintili e il suo parco; il complesso di Capo di Bove che nella struttura ha una mostra stanziale sulla storia dellAppia antica e larchivio Cederna e allesterno due vasche termali romane con mosaici pregevoli, salvati al continuo passaggio dei Suv degli ex-proprietari della villa; il restauro completo del complesso di Santa Maria Nova, con i casali e le vasche con mosaici romani collegato alla villa dei Quintili e più in là verso la Tuscolana lantiquarium di Lucrezia Romana. Certo è importante creare al più presto un sistema per raggiungere tutte queste bellezze che offriamo - spiega Paris - perché sono lontane le une dalle altre e non cè un mezzo pubblico che porti da un sito a un altro.







news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news