LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserta. Crollo alla Reggia, il Mibact accusa
Anna Santini
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/7/2018

Sala delle Dame, le verifiche evidenziano diverse manchevolezze del direttore Felicori

Le verifiche ispettive condotte da questo segretariato generale sul crollo avvenuto nellappartamento Reale della Reggia di Caserta, Sala delle Dame, il 10 dicembre 2017, hanno evidenziato diverse manchevolezze/omissioni da parte del direttore della Reggia, dottor Felicori.

NAPOLI. Le indagini e le verifiche ispettive condotte da questo segretariato generale sul crollo avvenuto nellappartamento Reale della Reggia di Caserta, Sala delle Dame, il 10 dicembre 2017, hanno evidenziato diverse manchevolezze/omissioni da parte del Direttore della Reggia, dott. Felicori, sia per quanto riguarda la sicurezza dei lavoratori e dei visitatori, sia per quel che concerne la salvaguardia e la conservazione del bene culturale.

Il resoconto degli ispettori ministeriali, capeggiati da Gabriele Capone, già capo della segreteria dellex sottosegretario alla Cultura, Antimo Cesaro, risuona come una severa bocciatura della gestione di Mauro Felicori: il direttore che dalla data del suo insediamento ha ingaggiato un coraggioso braccio di ferro con gli addetti alla custodia della Reggia. Ora tra i suoi collaboratori circola voce che potrebbe addirittura lasciare anzitempo il suo incarico di direttore generale della Reggia di Caserta, prima della scadenza dellanno prossimo. Daltronde riferiscono si sente lasciato solo nelle sue battaglie, anche perché il governo pentaleghista, a differenza di quello renziano, non ha mostrata sinora alcuna intenzione di continuare a celebrare come un miracolo dellefficientismo i direttori della riforma Franceschini.

Eppure, Felicori, bolognese, ha fatto registrare record su record di visitatori, promuovendo con grande energia, nei circuiti internazionali, la Reggia di Caserta. Ma sulla sua direzione sono piovuti anche gli effetti di alcuni avvenimenti di particolare gravità: il furto, avvenuto lo scorso 10 giugno, di due figurine facenti parte dellopera ex voto dellartista Christian Boltanski, appartenente alla collezione Terrae Motus, ed appunto il crollo degli intonaci, verificatosi lo scorso 10 dicembre 2017, nella Sala delle Dame: un ambiente di passaggio per i turisti che collega le stanze del Settecento a quelle della biblioteca.

La relazione degli ispettori del ministero dei Beni Culturali è datata il 10 luglio scorso. In essa si riporta lesito del sopralluogo effettuato il primo febbraio 2018, a due mesi circa dal crollo nella Sala delle Dame. In quella circostanza venne giù lintero pannello dintonaco dellarchitrave-piattabanda del vano di una porta-finestra presente nella Sala. Per fortuna nessuno de presenti, né i turisti, né i custodi, furono coinvolti. La sala e le altre sei attigue furono, quindi, poste sotto sequestro dalla procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere che ipotizzò, a carico di ignoti, il reato di omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina. Gli ambienti furono poi dissequestrati giusto il tempo per permettere lesecuzione dei primi lavori di messa in sicurezza, ma poi sono nuovamente tornati i sigilli.

I fatti verificati, sostengono gli ispettori, si prestano, stante la gravità della situazione accertata e delle omissioni elencate, a configurare possibili responsabilità penali a carico dei soggetti responsabili. Per gli ispettori ministeriali la Sala delle Dame sarebbe dovuta essere chiusa prima che si verificasse il crollo. A Felicori viene contestata, infatti, la non effettuazione, negli anni e fino al crollo di cui è ispezione, sia di un monitoraggio strumentale, sia di un rilievo grafico e fotografico dellambiente interessato dal crollo e di quelli adiacenti. Gli ispettori sottolineano anche la pericolosità determinata dalle sconnessioni della pavimentazione delle sale museali per le quali, pur essendo aperte al pubblico, non è stato preso alcun provvedimento definitivo, affidando di volta in volta la cura del percorso dei visitatori allinterno dellAppartamento Reale alle iniziative estemporanee del personale di sorveglianza: Si arrangiavano con sedie, paletti e cordoni di fortuna per impedire alla meglio che i visitatori inciampassero sulle mattonelle sollevate. Per poi concludere che risulta improcrastinabile lesecuzione dei lavori di messa in sicurezza e di restauro di tutti gli ambienti dellappartamento.




news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news