LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Osanna: Giusto, stileremo un calendario diverso. Lautonomia fa solo bene
Simona Brandolini
Corriere del Mezzogiorno - Campania 1/8/2018

Zuchtriegel: Sì, ma la gratuità aveva riportato gente
Valente: larte va aperta a tutti. Giulierini: ci adegueremo

NAPOLI. La rivista Artribune cinguetta: Senza ombra di dubbio la sparata di Bonisoli sulle domeniche al museo che sarebbero pubblicitarie e dunque, in nome del cambiamento, da eliminare è solo da addebitare al caldo. Tra 10 giorni coi primi freschi tutto rientrerà. Lo storico dellarte Philippe Daverio taglia corto: È una stupidata. E aggiunge in unintervista a Lettera43: A questo governo della cultura non frega niente. Il fuoco di fila parte subito. A Napoli il ministro Alberto Bonisoli annuncia lo stop alle domeniche gratis nei musei e subito dopo il suo predecessore, Dario Franceschini che quelle domeniche le ha inventate, interviene.

Per tirare acqua al mulino del cambio di rotta Bonisoli cita proprio il caso Pompei: Penso ad esempio a Pompei: chi ci va a novembre? Magari la prima o tutte le domeniche di quel mese si può aprire gratis perché non cè tanta gente. Il problema è quando si viene costretti dal ministero ad aprire la prima domenica di agosto, con migliaia di turisti stranieri che arrivano e pensano che gli italiani sono pazzi perché li fanno entrare gratis. Non lo fa a sproposito. Il direttore generale del sito archeologico più famoso al mondo, vero attrattore che questanno dovrebbe superare quota 4 milioni di visitatori, il soprintendente Massimo Osanna non è mai stato un fan della misura franceschiniana. Ottenendo, dopo qualche litigio, una sorta di compromesso: il numero chiuso. Dunque plaude allo stop? Conosco il punto di vista di Bonisoli che condivido e cioé dare libertà ai direttori di museo. Aprire anche a possibilità plurime spiega . A Pompei le domeniche gratis creavano problemi, difatti con Franceschini concordammo il numero chiuso, avendo calcolato che il massimo di presenze contemporanee nel sito potevano essere 15 mila.

Ma la svolta positiva per Osanna è lautonomia che non può far male. Franceschini ha fatto bene perché ha creato attenzione e dato la possibilità alle comunità di poter tornare ad appropriarsi di beni comuni e di fidelizzare il pubblico. I benefici ci sono stati. Ma dopo questa prima fase ora se ne deve aprire unaltra. Cosa accadrà a Pompei? Non per forza la domenica deve essere gratis e non per forza nei periodi di overbooking. La nostra offerta ormai è molto diversificata. Il venerdì e il sabato le serate a Pompei hanno un costo quasi popolare di 7 euro. Inoltre la gran parte dei visitatori è straniera e paga il biglietto in anticipo, quindi a loro non conviene la domenica gratuita.

Ma le polemiche fioccano. Non credo che Bonisoli voglia cancellare prosegue Osanna . Vuole dare autonomia. Io sono il direttore generale? Fatemelo fare. La gratuità è giusta soprattutto per i napoletani. Ora vedremo le date per aprire. Per esempio in inverno. Stabiliremo un calendario che sarà comunicato con chiarezza. Ma in estate quando anche i turisti sfidano i 40 gradi pur di visitare il sito archeologico è sbagliato non far pagare il biglietto. Grazie allaumento a 15 euro del ticket questanno chiuderemo il bilancio con un aumento delle entrate, oltre che dei visitatori.

Gabriel Zuchtriegel è il direttore del Parco archeologico di Paestum. E difende la misura del precedente governo: È stata utile per riportare gli italiani nei musei. Se il ministro vuole dare maggiore autonomia è un fatto positivo. Ma dobbiamo ragionare insieme su come comunicare questa iniziativa. La forza è stata che tutti sapevano che tutti i musei erano gratuiti le prime domeniche del mese. Si rischia il caos.

Tutti i musei e i siti ormai hanno lavorato per ampliare i servizi. È accaduto anche a Paestum: Dove abbiamo un abbonamento annuale che costa 25 euro. Che consente alla popolazione di fruire sempre, quando si vuole, con un prezzo popolare. Ripeto: togliere lobbligo è condivisibile. E dare autonomia ai musei è un passo importante. Attenzione alla comunicazione. Sintetico invece il direttore del Mann Paolo Giulierini: Il Mann si atterrà a quanto stabilito dal ministero, ritenendo fondamentale lapertura degli istituti a tutti i tipi di pubblico secondo i principi di accessibilità e rispetto per tutte le diversità e gradi di culture. Tradotto vuol dire che il Museo archeologico napoletano che sta godendo di una nuova primavera ha un ventaglio talmente vasto di iniziative anche gratuite che una domenica in meno non nuocerà.

E la diversificazione è la chiave anche utilizzata dal Madre, museo regionale che non rientra nelle misure nazionali, che ha istituito il lunedì per il sociale. Abbiamo aperto anche alle fasce disagiate, ma non solo spiega la presidente della fondazione, Laura Valente . Lintento è quello di portare larte a tutti. Che è poi il ruolo delle istituzioni culturali.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news