LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Osanna: Giusto, stileremo un calendario diverso. Lautonomia fa solo bene
Simona Brandolini
Corriere del Mezzogiorno - Campania 1/8/2018

Zuchtriegel: Sì, ma la gratuità aveva riportato gente
Valente: larte va aperta a tutti. Giulierini: ci adegueremo

NAPOLI. La rivista Artribune cinguetta: Senza ombra di dubbio la sparata di Bonisoli sulle domeniche al museo che sarebbero pubblicitarie e dunque, in nome del cambiamento, da eliminare è solo da addebitare al caldo. Tra 10 giorni coi primi freschi tutto rientrerà. Lo storico dellarte Philippe Daverio taglia corto: È una stupidata. E aggiunge in unintervista a Lettera43: A questo governo della cultura non frega niente. Il fuoco di fila parte subito. A Napoli il ministro Alberto Bonisoli annuncia lo stop alle domeniche gratis nei musei e subito dopo il suo predecessore, Dario Franceschini che quelle domeniche le ha inventate, interviene.

Per tirare acqua al mulino del cambio di rotta Bonisoli cita proprio il caso Pompei: Penso ad esempio a Pompei: chi ci va a novembre? Magari la prima o tutte le domeniche di quel mese si può aprire gratis perché non cè tanta gente. Il problema è quando si viene costretti dal ministero ad aprire la prima domenica di agosto, con migliaia di turisti stranieri che arrivano e pensano che gli italiani sono pazzi perché li fanno entrare gratis. Non lo fa a sproposito. Il direttore generale del sito archeologico più famoso al mondo, vero attrattore che questanno dovrebbe superare quota 4 milioni di visitatori, il soprintendente Massimo Osanna non è mai stato un fan della misura franceschiniana. Ottenendo, dopo qualche litigio, una sorta di compromesso: il numero chiuso. Dunque plaude allo stop? Conosco il punto di vista di Bonisoli che condivido e cioé dare libertà ai direttori di museo. Aprire anche a possibilità plurime spiega . A Pompei le domeniche gratis creavano problemi, difatti con Franceschini concordammo il numero chiuso, avendo calcolato che il massimo di presenze contemporanee nel sito potevano essere 15 mila.

Ma la svolta positiva per Osanna è lautonomia che non può far male. Franceschini ha fatto bene perché ha creato attenzione e dato la possibilità alle comunità di poter tornare ad appropriarsi di beni comuni e di fidelizzare il pubblico. I benefici ci sono stati. Ma dopo questa prima fase ora se ne deve aprire unaltra. Cosa accadrà a Pompei? Non per forza la domenica deve essere gratis e non per forza nei periodi di overbooking. La nostra offerta ormai è molto diversificata. Il venerdì e il sabato le serate a Pompei hanno un costo quasi popolare di 7 euro. Inoltre la gran parte dei visitatori è straniera e paga il biglietto in anticipo, quindi a loro non conviene la domenica gratuita.

Ma le polemiche fioccano. Non credo che Bonisoli voglia cancellare prosegue Osanna . Vuole dare autonomia. Io sono il direttore generale? Fatemelo fare. La gratuità è giusta soprattutto per i napoletani. Ora vedremo le date per aprire. Per esempio in inverno. Stabiliremo un calendario che sarà comunicato con chiarezza. Ma in estate quando anche i turisti sfidano i 40 gradi pur di visitare il sito archeologico è sbagliato non far pagare il biglietto. Grazie allaumento a 15 euro del ticket questanno chiuderemo il bilancio con un aumento delle entrate, oltre che dei visitatori.

Gabriel Zuchtriegel è il direttore del Parco archeologico di Paestum. E difende la misura del precedente governo: È stata utile per riportare gli italiani nei musei. Se il ministro vuole dare maggiore autonomia è un fatto positivo. Ma dobbiamo ragionare insieme su come comunicare questa iniziativa. La forza è stata che tutti sapevano che tutti i musei erano gratuiti le prime domeniche del mese. Si rischia il caos.

Tutti i musei e i siti ormai hanno lavorato per ampliare i servizi. È accaduto anche a Paestum: Dove abbiamo un abbonamento annuale che costa 25 euro. Che consente alla popolazione di fruire sempre, quando si vuole, con un prezzo popolare. Ripeto: togliere lobbligo è condivisibile. E dare autonomia ai musei è un passo importante. Attenzione alla comunicazione. Sintetico invece il direttore del Mann Paolo Giulierini: Il Mann si atterrà a quanto stabilito dal ministero, ritenendo fondamentale lapertura degli istituti a tutti i tipi di pubblico secondo i principi di accessibilità e rispetto per tutte le diversità e gradi di culture. Tradotto vuol dire che il Museo archeologico napoletano che sta godendo di una nuova primavera ha un ventaglio talmente vasto di iniziative anche gratuite che una domenica in meno non nuocerà.

E la diversificazione è la chiave anche utilizzata dal Madre, museo regionale che non rientra nelle misure nazionali, che ha istituito il lunedì per il sociale. Abbiamo aperto anche alle fasce disagiate, ma non solo spiega la presidente della fondazione, Laura Valente . Lintento è quello di portare larte a tutti. Che è poi il ruolo delle istituzioni culturali.




news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news