LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parigi senza Eiffel il sogno infranto di 30 mila turisti sotto la torre chiusa
ETTORE LIVINI
Repubblica, 03/08/2018

Sciopero dei dipendenti per le lunghe code Molti delusi. " Era il regalo per la mia fidanzata"


Rumoreggia un tour di vietnamiti. Joao, partito da Rio de Janeiro sognando questa visita, litiga al banco delle informazioni.
Giovanni Piatti, arrivato da Avellino, è semplicemente un uomo disperato: Ho prenotato sei mesi fa dice sventolando il biglietto per un pranzo (costo 47 euro a testa) al ristorante del 58esimo piano . È il regalo di compleanno per la mia fidanzata!. Dovrà, come gli altri, arrangiarsi altrimenti.
La Tour Eiffel, da mercoledì pomeriggio, è chiusa per sciopero. Il nuovo sistema di vendita dei biglietti è un disastro dicono i 350 dipendenti . Si formano code mostruose che non riusciamo a gestire. Risultato: braccia incrociate fino a tarda sera. Gli ascensori sono immobili al pianterreno, le scale vuote. E le 30mila persone arrivate qui ieri per scalare i 324 metri del monumento più visitato del pianeta sono state gelate malgrado la temperatura sahariana dal display alle entrate alla Dama di ferro: "Pilier fermé", "Pilone chiuso". In attesa di un accordo tra la Sete, la società di gestione, e i lavoratori.
Lo stop alle visite è arrivato come un fulmine al ciel sereno alle 16 di mercoledì.
Lazienda ha deciso di aumentare dal 20 per cento al 50 per cento la quantità di biglietti che si possono prenotare online scegliendo giorno e ora della visita e ha riservato un ascensore a chi sceglie questo servizio spiega Denis Vavassori, rappresentante sindacale della Cgt-Tour Eiffel -.
Lidea in sé è buona. Ma è stata tradotta in pratica in modo squilibrato. In alcuni momenti della giornata dicono i dipendenti ci sono tre ore di coda allingresso senza prenotazione mentre laltro ascensore viaggia vuoto. In altre succede lopposto: i turisti fai-da-te salgono senza attese mentre chi ha pagato in anticipo scegliendo lora resta in fila anche per 90 minuti.
Morale, per ora non sale nessuno. È una delusione pazzesca dice sconsolata Beth Campbell, 24enne infermiera canadese . Siamo 14 amici, abbiamo organizzato il viaggio un anno fa in ogni dettaglio e la visita alla Tour Eiffel lavevamo tenuta allultimo giorno, come gran finale. Invece se ne andrà da Parigi avendola vista soltanto dal basso. Altro che la vittoria dei Bleus a Mosca! Di mondiale oggi cè soltanto la figuraccia che rischia di fare la Francia, dice delusissima Laure Lagoutte, arrivata da Rouen assieme alle due figlie proprio per visitare la torre. Siamo consci della delusione dei nostri ospiti stranieri e dellimpatto negativo sullimmagine di Parigi fa mea culpa la Sete rimborseremo tutti.
La frittata però è fatta, nel pieno oltretutto della stagione estiva. Lo sciopero ha rischiato di trasformarsi in uno psicodramma nazionale.
Jean Baptiste Lemoyne, sottosegretario di Stato con la delega al Turismo è alla stazione della metropolitana di La Motte-Picquet Grenelle per gestire lemergenza.
Siamo i campioni del mondo anche del turismo dice provando a convincersi da solo, nella speranza che dai negoziati sindacali esca in serata una soluzione, come poi è accaduto (la Tour Eiffel riaprirà stamattina, ndr). Gli arrivi in Francia nel primo semestre sono saliti del 5 per cento. Se parti senza aver visitato la Tour Eiffel, però, un po damaro in bocca ti resta. E a storcere il naso è anche la città di Parigi. La Dama di ferro, oltre a essere il simbolo della città, è la gallina dalle uova doro dei suoi conti. Ogni anno la Sete grazie ai 6,2 milioni di ingressi versa nelle casse del municipio una ventina di milioni di royalties. Cifra che questanno, se lagitazione si ripeterà, rischia di diventare un miraggio. Un po come la Tour Eiffel per i turisti nelle ultime 36 ore.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news