LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le fontane storiche senzacqua deludono i tanti visitatori
Paolo Pejrone Alberto Fusari
Corriere della Sera, 03/08/2018

Giardini italiani a secco


Che cosè una fontana senza acqua? È un po come un giardino senza piante o un orto senza verdure: un controsenso e unassoluta desolazione, che si dovrebbe sempre aver cura di evitare, tanto più nei giardini storici della nostra bellItalia. 
Proprio alcuni giorni fa ne ho rivisti alcuni, grandi classici del Grand Tour: sempre bellissimi, si intende, ma a volte un po trascurati. Con manifesto scandalo dei visitatori stranieri, peraltro la stragrande maggioranza. Benissimo rispettarne la patina, ma bisogna stare attenti a non scivolare nel degrado. E nella presa in giro, anche perché sono monumenti a tutti gli effetti e si entra pagando un biglietto (un costo basso, bisogna riconoscere, ma che se servisse potrebbe anche aumentare un po).
Dietro gli effetti speciali
Molte delle fontane che ho visto funzionano ancora, magari solo in parte e non più così precise, ma comunque resistono ed è già tanto. Villa Lante a Bagnaia è tra le fortunate e i restauri in corso possono forse privare il visitatore di suggestioni immediate, ma preludono a un futuro di ripristinati virtuosismi. 
A Villa dEste a Tivoli gli effetti speciali sono talmente tanti e così stupefacenti che non salta immediatamente allocchio, ma sono parecchi quelli in disuso. Durante la mia visita giacevano prive di vita, e conseguentemente di fascino, la Fontana della Civetta, quella di Proserpina e la Scala dei Bollori. La Fontana del Bicchierone poi agonizzava e soltanto per la sua mole immensa poteva ancora suscitare qualche ammirazione. Si dirà: è già comunque un buon risultato. E invece no: dal mondo intero vengono ad ammirare i giochi dacqua di Tivoli ed è doveroso che tutto funzioni al meglio. Certo, le condutture saranno vecchie e costoso il restaurarle, ma è uno dei nostri più celebri biglietti da visita, possibile che non si riesca ad investire? 
E che dire dei giardini di Palazzo Farnese a Caprarola: sarà stata una spiacevole coincidenza ma durante la mia visita di acqua non cera neanche lombra. I capelveneri palesemente sofferenti, anzi mezzi morti, là dove ancora crescono, e la vistosa assenza di muschi e licheni mi fa supporre che si tratti di ben più che un guasto improvviso. 
Se a questo si aggiunge che per mancanza di personale parte del giardino non era visitabile e che non cè un pannello esplicativo neanche a morire, vien da pensare che molto dovremmo ancora migliorare. Dagli orari di visita, che non ha senso che in estate terminino proprio quando il solleone inizia a placarsi, alla frequentissima e davvero miope assenza di un bookshop o anche solo di una caffetteria. Per non parlare del sistema trasporti, che riesce a scoraggiare anche i turisti più agguerriti.
Futuro da inventare
Certo noi italiani siam bravissimi a inseguire specchietti per le allodole, a lasciarci ammaliare da quelle che sono o meglio che erano (anche in questo siamo in ritardo) considerate le tappe vincenti del progresso. Senza capire che in un Paese come il nostro guardare al futuro significa necessariamente prenderci cura di tutto ciò che rimane del passato. Il che non vuol dire solamente essere buoni custodi - che sarebbe già tanto perché la trascuratezza nei confronti di un patrimonio così fragile si traduce facilmente in perdita - ma capire anche che di questi tempi vivere di rendita non è più possibile e comunque non più sufficiente. 
Dobbiamo darci da fare: restaurare, spiegare, anche inventare, in modo attento e filologico certo, ma garbato e coinvolgente. Non sia mai che rinasca un indotto della cultura, capace di soddisfare tranquillamente le bramosie lavorative nostre e anche altrui, fatto di scuole deccellenza e di accademie, di artigiani specializzatissimi, di amministratori allavanguardia e così via. 
Sempre a Tivoli ho visitato la famosa Villa Gregoriana, che è invece gestita dal Fondo per lambiente italiano: come ben si sa, un altro mondo! Tutto curato, orari prolungati, spiegazioni approfondite, visite complete: verrebbe da sperare che il ministero prenda esempio. O che, con maggior realismo, chieda almeno al Fai aiuto e consiglio.




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news