LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fragasso tra Fuksas e Decaro. Con il caso Rossani cè anche il Pug dimenticato
Marilena Di Tursi
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 3/8/2018

Architetto Beppe Fragasso, in qualità di progettista e di presidente dei costruttori (Ance Bari-Bat), come risponde alle questioni sollevate da Fuksas relativamente ai concorsi banditi dallamministrazione, assegnati e poi snaturati in sede locale?

I concorsi di idee mettono sul tavolo unidea, per lappunto, non sono progetti esecutivi, quindi per loro stessa natura possono essere soggetti a varianti successive. A partire da essi però si determina un processo di costruzione che nel caso di Fuksas, vincitore del concorso Baricentrale, dovrebbe, per continuità amministrativa, essere proseguito. Nel caso lamministrazione volesse accantonarlo, sarebbe giusto dirlo sia alla città sia al progettista.

Come giudica le politiche urbanistiche del Comune, ci sono troppe questioni ancora accantonate?

La cosa più rilevante, tra quelle accantonate, è sicuramente il Pug, il piano urbanistico generale. In merito abbiamo protestato, sebbene, in questo periodo i costruttori non siano infelici. Infatti il Piano Casa consente loro di costruire ma è necessario che ciò non avvenga in modo disordinato, piuttosto in concerto con le politiche di riqualificazione e con la pianificazione urbana complessiva.

Allora ha ragione Fuksas: manca ancora una visione della città, una messa a fuoco sulluso e sulla vocazione di alcune delle sue parti?

Questo è uno dei temi su cui lAnce sta interloquendo con il Comune senza molto successo, purtroppo. Vorremmo aprire il dibattito sul futuro della città anche perché dopo quattro anni di amministrazione, non è ancora chiaro quale Bari vogliamo e cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi ventanni. Diamo atto a questa amministrazione di aver trovato i fondi per molti degli interventi e dei cantieri in corso, da via Amendola alle periferia.

Ma a fronte di queste positività ci sono altre cose da capire: per esempio il nascente Parco della Fibronit al quartiere Japigia Come si articolerà il raccordo con il resto della città? Si avrà una nuova viabilità in quella precisa area?

Ci aspettiamo che di questo, come di molti altri temi, il Comune di Bari voglia discutere con noi e con tutti i soggetti interessati, il Politecnico, il mondo delle cooperative e delle associazioni, Lega Ambiente, gli ordini professionali degli ingegneri e degli architetti.

Sarebbe auspicabile che avvenisse al più presto, anche in vista delle prossime elezioni?

Sicuramente sarebbe necessario per capire quello che ci attende e se appunto sono previste visioni urbane di più ampia gittata. Mi sembra importante confrontarsi anche in considerazione del fatto che i costruttori non desiderano divorare suoli ma, come stanno dimostrando in questi ultimi anni con unedilizia indubbiamente migliore che in passato, sono attenti ai problemi della sostenibilità e della qualità dellarchitettura. La nuova classe di imprenditori, e non di cementificatori, sottolineo, guarda con interesse a modelli di riqualificazione urbana quali, per esempio, piazza Gae Aulenti a Milano. Allo stesso tempo, però, lanciamo un grido dallarme su Libertà, dove ritengo si debba approfittare di volumi compensativi per diradare la densità abitativa. Nel quartiere, dopo aver salvaguardato gli edifici già censiti dallamministrazione comunale, bisognerebbe procedere con una ricostruzione delledilizia fatiscente .

Di recente a Roma cè stato il tavolo Sbloccacantieri, cosa avete proposto come Ance e in che modo, quanto emerso, può interessare il fronte locale?

Abbiamo chiesto al governo una moratoria sul codice degli appalti che, in questi anni, ha incoraggiato anziché arginare episodi di corruzione. Riteniamo opportuno limitare, nelle gare, il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa. Su questo anche lex ministro delle infrastrutture, Raffaele Cantone, ha dichiarato che tale norma, cito le sue parole, ha consentito di costruire abiti sartoriali su misura per piccole e medie imprese, favorendo dunque la corruzione se non accompagnata dallalbo dei commissari di gara gestita proprio dall Autorità nazionale anticorruzione.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news