LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ponte Morandi, unopera che dura 50 anni è il risultato di una società che non sa pensare al futuro
BLOG di Marco Aime
Il Fatto Quotidiano, 16 agosto 2018


Come molti piemontesi sono in parte ligure (mia madre è cresciuta a Savona) e in più da diciotto anni insegno a Genova, città a cui mi sono affezionato per vari motivi. Per questo il disastro del ponte Morandi mi ha toccato particolarmente. Non voglio entrare in alcuna delle fin troppe polemiche alcune sacrosante, alcune strumentali, altre ancora semplicemente vergognose di questi giorni in cui bisognerebbe solo tacere per rispetto delle vittime e riflettere sulle cause. Ciò che mi ha più colpito nella lettura di molti articoli in questi giorni è lavere appreso che questa e altre strutture costruite negli anni Sessanta sono ormai giunte alla fine dellesistenza per cui erano state previste. Cinquantanni. Un caso isolato può essere causato da un errore di progettazione, e comunque ci sarebbe stato tempo sufficiente per accorgersene, ma se non si tratta di un episodio sporadico, significa che abbiamo costruito ponti, strade, palazzi che dovevano durare cinquantanni? Se è così, e molto probabilmente lo è, visto che a dirlo sono stati esperti del settore, il ponte Morandi diventa una perfetta metafora della modernità. Unepoca dal respiro corto, che non riesce a pensare al futuro, appiattita sullimmediato, che spesso assicura forti guadagni.

Lo vediamo anche nellapproccio alla politica: nessuno oggi fa programmi a lunga scadenza, si ragiona nel breve arco che porta alle prossime elezioni, non di più. Nessuno pensa a fare ciò che si reputa giusto, ma solo ciò che si reputa conveniente. Il futuro è quasi scomparso e nemmeno il passato sta molto bene.

Anche a causa della colonizzazione mediatica, che sempre di più segna le nostre vite, passato e futuro sono diventati piccole ancelle del presente: il primo è triturato da una valanga di informazioni di consumo veloce, dal fiato corto, ed è reso sempre più apparentemente inutile dalla rapida rivoluzione in corso; il secondo è vago, immerso in quella liquidità di cui parla Bauman, sempre meno incline ad accogliere mete da raggiungere.

Il presente, invece, ha assunto la forma di una cupola che ci sovrasta, nella quale sembra che investiamo la maggior parte delle nostre aspirazioni e delle nostre emozioni. Tutto avviene in fretta e si consuma, anche i legami appaiono spesso fragili ed effimeri. Laggregazione tende a essere di breve respiro e senza prospettive, il presente ci assorbe sempre di più.

Il mercato impone regole sempre più strette, tempi sempre più rapidi, che ben si prestano allo sfruttamento. Quel ponte venne costruito nel corso del cosiddetto boom economico, quando la situazione non era ancora esasperata come adesso, ma una certa visione a corto raggio era già in voga a quel tempo, in cui non a caso nasceva la società dei consumi. Visione economicistica che con il passare del tempo si è espansa, portando a una progressiva privatizzazione delle infrastrutture, diventate fonte di guadagno sempre maggiori, che non si sono tradotti in maggiore investimenti, ma in guadagni netti, visto che la spesa per la manutenzione è diminuita.

Non riusciamo o non vogliamo più pensare al futuro, tutto deve essere consumato subito, immediatamente. Lobsolescenza programmata non solo è una realtà delloggi, ma scopriamo che forse lo era già cinquantanni fa. Il che però non consola.








news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news