LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Reggia di Caserta: Felicori in pensione: "Ma non mi fermo"
ANTONIO FERRARA
07 agosto 2018 LA REPUBBLICA



Dal primo novembre il direttore lascia la Reggia di Caserta: "Peccato, ma chi verrà dopo di me, troverà tanti progetti avviati"

"Mi cercherò un altro lavoro, mica vado in pensione a 66 anni". Mauro Felicori è al lavoro nella sua stanza alla Reggia di Caserta. Posto che dovrà lasciare dal primo novembre perché la legge sul pubblico impiego non ammette deroghe: a 66 anni e 7 mesi scade il suo contratto con il ministero dei beni e della attività culturali come direttore per raggiunti limiti di età, un anno prima della scadenza prevista a fine 2019, quando si chiuderà il primo quadriennio che ha visto in 20 grandi musei italiani insediarsi altrettanti direttori autonomi.

In Campania, come si ricorderà, nel 2015 oltre a Felicori arrivarono Paolo Giulierini (Museo archeologico nazionale di Napoli), Sylvain Bellenger (Capodimonte) e Gabriel Zuchtriegel (Paestum). Una novità accolta con moderato entusiasmo e molte resistenze, sia allinterno del ministero che fuori. Poi, la rivoluzione targata Franceschini ha contagiato e convinto molti, soprattutto i cittadini che ancora laltro ieri hanno premiato il nuovo corso dei musei, con 9.784 visitatori per la domenica gratuita, forse lultima. Felicori lascia, ma non esclude di restare in Campania. "Dove andrò? Dove mi offriranno qualcosa. Sono pronto. Mi occupo non solo di musei in senso stretto, ma di creazione di imprese culturali, di rete Unesco. Vediamo".

Ieri mattina il direttore ha ricevuto da Roma il responso a un quesito che aveva sollevato: posso completare il mio incarico e arrivare a fine 2019 anche se superò letà pensionabile, visto che ho un contratto di quattro anni? Risposta da Roma: no. Quindi il 31 ottobre sarà lultimo giorno da direttore della Reggia. Rimpianti? "Ma è tutto un rimpianto - dice - tanti esperti dicevano che già quattro anni sono pochi per unesperienza manageriale, ancora di più per un monumento colossale come la Reggia, una città vera e propria. Mi dispiace andare via prima, certo. Ci sono problemi ogni giorno, certo, ma anche tanti progetti e tante ragioni che danno nuovo entusiasmo e ti fanno correre. ecco, avrei voluto correre di più. Ma lascio a chi viene dopo di me una serie di semilavorati da portare a termine. Il mio successore troverà uninerzia positiva. Mi auguro solo venga scelto con lo stesso tipo di selezione pubblica con la quale siamo stati scelti noi direttori. Hanno fatto bene Bellenger, Giulierini, Zuchtriegel, lo ha continuato a fare Osanna, lo farà Sirano a Ercolano. Se ha prodotto ottimi risultati, la linea della selezione pubblica va confermata".

In realtà i tempi ora appaiono troppo brevi per la successione. Quasi certamente si andrà verso un interim. Tra i corridoi del palazzo progettato da Vanvitelli cè incredulità. "Ma come il direttore va via?" dice una custode in servizio negli Appartamenti reali. Cè anche chi esulta come il sindacato Uil ("Non lo rimpiangeremo affatto" dice Angelo Donia). Pochi giorni fa il licenziamento di sei custodi per assenteismo, ora la partenza del direttore. Non sono giorni facili per la Reggia. Confida Felicori: "La mia esperienza sin dallinizio si è condita di aspetti sentimentali. Io, il bolognese che si appassiona, il tortellino e la mozzarella insieme. Una piccola favola, una storia sentimentale che si chiude, anche se qui non ci sono tradimenti...".

Felicori non nasconde une certa melanconia. "Giorni fa ero a Cagliari a uniniziativa, mi hanno riconosciuto alcuni cittadini di Caserta e mi hanno ringraziato. Ma senza il personale della Reggia io non avrei fatto nulla, ho inserito fiducia dove cera rassegnazione". Dice Sylvain Bellenger: "Felicori ha sempre dimostrato un grande senso del bene pubblico, energia e coraggio nellaffrontare le difficoltà anche con un grande senso dellironia. Il sua mandato è stato troppo breve, lascia la Reggia di Caserta molto meglio di come laveva trovata . Grazie Mauro per tutto il lavoro fatto".

Aggiunge Paolo Giulierini: "Una grande perdita. Uno straordinario manager che ha insegnato come un monumento può essere il traino culturale e sociale di un territorio". Prima di andar via, il direttore fissa un obiettivo: la collezione Terrae Motus. "Migliorerò lallestimento, la sicurezza e lilluminazione. Incaricheremo un grande progettista per allestimento definitivo e ripristinerò il Comitato artistico con gli artisti che hanno lavorato con Lucio Amelio. Sarà la cifra del mio addio alla Reggia".



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news