LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cuneo. Nel Forte che turbò Napoleone riemergono affreschi e grotte
Paola Scola
Stampa, 18/08/2018

Napoleone e il maresciallo Maillebois lo chiamavano le gran diable, il gran diavolo. Lunico Forte, quello di Ceva, che non riuscirono a conquistare con le armi. Si narra che di notte, ospite nel castello dei marchesi, Bonaparte non riuscisse a prender sonno, impensierito dalla presenza incombente della fortezza. Nellinvasione francese del 1796, preferì desistere dallattaccarlo, ma ne ordinò più volte la resa, sempre rifiutata dal governatore Tornaforte. Sino alla battaglia di Marengo del 1800, vinta dagli invasori. E Napoleone decise di radere il Forte al suolo, per non rischiare di perdere ancora una fortezza ottenuta solo con i trattati e mai per meriti militari. Così, nel 1801, fu fatta saltare.

Da allora la vegetazione ha inghiottito i resti di bastioni, gallerie, casermette, cancellando quasi ogni traccia di quella che fu una delle strutture difensive più strategiche e importanti dei Savoia. Fino ad ora. Perché, dopo un cantiere durato due anni, il Comune di Ceva restituirà il Forte alla città. Linaugurazione il 1 settembre, quando i visitatori potranno salire sulla rocca e vedere, per la prima volta, i manufatti riportati alla luce, le cappelle nelle grotte, gli antichi e preziosi affreschi. Tutto restaurato sotto il controllo della Soprintendenza.
Lingresso sarà da un arco vicino alla Porta Reale, storico accesso - spiega il sindaco, Alfredo Vizio -. Attraversato il pianoro dove i marchesi Pallavicino hanno ristrutturato la casa del Governatore, si può scendere al cedro secolare e nelle cappelle ipogee. Per eseguire le opere e aprirle al pubblico, con la famiglia Pallavicino il Comune ha stretto un comodato gratuito. I lavori - ipotizzati dal sindaco Alciati, avviati e conclusi dalla Giunta Vizio - sono costati 340 mila euro (fondi europei e comunali), con un ulteriore finanziamento anche della Compagnia San Paolo. Speriamo di poter andare avanti - dice il consigliere Lorenzo Alliani -, per completare questa meraviglia di storia, cultura e arte. Laugurio è che i cebani le si affezionino e imparino a farla conoscere anche ai turisti. Dalla rocca si vede unaltra Ceva e si leggono le vicende della potenza dun tempo.
Dopo presenze religiose, il Forte fu costruito nella metà del XVI secolo, quando il Marchesato di Ceva era già stato inglobato nel Ducato sabaudo. I Savoia provvidero nel tempo a potenziarlo, secondo le tecniche dellepoca. Nelle sue prigioni fu detenuto, nel 700, il patriota Giannone. Ora anche da Ceva, guardando alla rocca della Guardia, si vedono le mura liberate, dopo un tempo infinito, da sterpi e detriti: la natura ha svelato lopera di ingegneri e soldati, sui quali solo le mine (e ci vollero ben sei mesi) ebbero la meglio.



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news