LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grecia, le grida di dolore del Tempio di Ercole. Tra degrado e storia calpestata
Francesco De Palo
Il Fatto Quotidiano 19/8/2018

Non solo tagli alle pensioni (sette in totale), al welfare, alla sicurezza o alla sanità, con sforbiciate del 50% in più di un lustro di cura dei creditori internazionali. Ma anche la cultura è stata pesantemente azzoppata dallausterità imposta alla Grecia dalla troika in questi anni di crisi economica.

Lesempio del tempio dove vi fu il rogo di Ercole lo dimostra: siamo ad unaltezza di 1500 metri, vicino al comune di Pavliani nella Grecia centrale, in una regione molto densa di vicende storiche, dominazioni e passaggio di popoli strategici come Driopi, Pelasgi, Achei, Greci, Locri, Dori, Lelegi, Eniani, Maliei. Qui abbondano figure di assoluta rilevanza come Ercole, Deucalione, Pirra, Anfizione, Achille, Patroclo, Ea, Filottete. Qui nacque Ercole, famoso per le dodici fatiche, il cui figlio Lamios fondò la cittadina di Lamia, che tra laltro ospita anche un altro curvone della storia come la Battaglia delle Termopili con la piana dove si distinsero Leonida e i suoi 300.

Il Tempio di Ercole, ovviamente unico al mondo, è ridotto a pochi massi: è deserto e circondato da sterco di vacche che vi pascolano. La struttura che un tempo ospitava un piccolo museo e una stanza per il custode è fatiscente. Nessuna indicazione stradale, se non una piccola insegna allesterno, corrosa dalla ruggine. Tutto è in completo abbandono, finanche i grandi massi che componevano il Tempio che qualche pastore, forse per rispetto verso la storia della propria civiltà, ha riunito sotto un albero al riparo (almeno) dalla pioggia.

Tutto intorno profuma di storia, con un corollario di bellezze naturali da togliere il fiato. Siamo nel Parco nazionale di Iti, che arriva a 2mila metri di altezza, tra le cinque vette più belle dEuropa, tra grotte grandi quanto due campi di calcio, specie rarissime di flora e fauna, gatti selvatici, orsi e lupi. È ferragosto, ma la temperatura è di 13 gradi. In una di queste grotte si dice che abbia pernottato per poche ore anche Alessandro Magno, che dalla sua Macedonia ispezionò la zona alla ricerca di altri soldati. E prima ancora per recarsi in Epiro, dove vivevano alcuni suoi parenti, in occasione di una grossa lite con suo padre, re Filippo, che lo portò a vivere alcuni mesi lontano da Pella e dal palazzo reale.

Ai piedi del Tempio cè la cascata dove Ercole si immergeva. Lintera zona è ricca di sorgenti termali, ma solo adesso qualche stabilimento inizia a organizzarsi. Alla sorgente delle Termopili, le cosiddette Cataractes con lacqua che arriva ad una temperatura di 38 gradi, mancano finanche le indicazioni per chi proviene dallautostrada, mentre il governo vi ha realizzato un doppio hotspot per 500 migranti, tra camion che fanno sosta per la notte e grovigli di zanzare.

Tornando a Ercole, spicca lassurdità di tale abbandono, principalmente per due motivi.

1. Il primo di carattere socio-culturale: lasciare calpestare dal tempo e dallindifferenza un luogo così unico e magico è da folli. Senza memoria non cè futuro, senza consapevolezza di una storia così immensa davvero non vi è speranza che le giovani generazioni possano invertire la rotta. Persino alcuni residenti locali non sapevano dove fosse il luogo dove Ercole decise di andare a morire, dopo essersi ammalato di sclerodermia e dove fece realizzare quel Tempio. Sarebbero bastati alcuni fondi europei, che invece in Grecia sono stati malamente persi, come ho raccontato nel mio pamphlet Greco-Eroe dEuropa (2014), per evitare questo scempio.

2. Il secondo di carattere turistico e quindi economico. Un luogo del genere, unico al mondo, se riabilitato, potrebbe attirare migliaia di visitatori da tutti i continenti. Certo, nessuno auspica migliaia di alberghi, ristoranti o caffè a deturpare la natura ma una progettazione sostenibile legata alla storia sì. Ma a patto di avere una classe dirigente non solo formata al business legato al turismo, ma finanche alla conoscenza della propria storia. Che in Grecia non cè.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/08/19/grecia-le-grida-di-dolore-del-tempio-di-ercole-tra-degrado-e-storia-calpestata/4564504/


news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news