LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - I carnici amano la cultura?
15 agosto 2018 IL MESSAGGERO VENETO



La proposta di Paolo Medeossi mette i carnici di fronte allo specchio e propone loro di andare a visitare il museo: 5euro per 10 mila visitatori fanno 50 mila euro cifra che abbatterebbe di molto il buco di 75 mila euro. Concordo a pieno.

A monte di questa proposta cè però la domanda principale che dobbiamo farci: i carnici amano la propria cultura? Cosa sono disposti a fare per sostenerla? Ognuno di noi allora si chieda: sono mai stato a visitare il museo Gortani a Tolmezzo per riscoprire che la capacità artigiana e la cura del bello e ben fatto sono il cuore del nostro saper fare? Ho mai passeggiato tra i resti dello straordinario foro romano di Zuglio e ho visitato il vicino museo archeologico, vero scrigno di reperti che ci parlano con la forza viva della storia per dirci quali genti stavano tra le nostre valli? E un viaggio nel tempo attraverso i fossili del museo di Ampezzo e del Geoparco per capire che le rocce sono libri aperti lo abbiamo compiuto?

E cosa dire allora delle coinvolgenti stanze del Museo della Grande Guerra di Timau con lo strazio che si prova per le vittime di una inutile strage? Siamo stati mai ad avvolgerci dalla grazia vibrante delle note in quel tesoro di cultura musicale che è la Mozartina di Paularo? Ci siamo calati tra le tenebrose gallerie della miniera di Cludinico? E avanti con i non pochi luoghi che ci aiutano a capire chi siamo e cosa vogliamo, penso alle tele della pinacoteca De Cillia di Treppo Carnico Ligosullo o alle piccole e significative sedi espositive che abbiamo in Carnia come le tegole di Cella.

Questo per dire: nel chiedere aiuto e soldi a qualche salvatore o alle istituzioni guardiamoci dentro e adottiamo i nostri luoghi del cuore. Facciamolo, prima che i rintocchi degli orologi dellinteressantissimo museo dellorologeria di Pesariis suonino la morte della cultura carnica.

Come? Alcune proposte da accompagnare alla richiesta di intervento regionale:

1) Riallestire le stanze del Museo Carnico: cè troppa roba esposta, overdose di cultura, bisogna toglierne tre quarti. Ad esempio le meravigliose maschere in legno: non più di quattro appese su una parete, illuminate dal basso per accentuarne la forza espressiva. Ciò che non è esposto usarlo a rotazione per mostre tematiche.

2) Realizzare una importante mostra ogni anno per attrarre nuovi visitatori e riportare chi già conosce il museo e non ci tornerebbe. Ad esempio per restare sulle maschere farne una sulle maschere dellarco alpino. Ma altre se ne possono pensare: una sui cambiamenti climatici e la sparizione dei ghiacciai, una sulla geografia e come è cambiato il concetto di cartine, dalle vecchie mappe alla realtà aumentata di oggi e via di questo passo.

3) Aprire collaborazioni con musei stranieri, ad esempio per fare una bella mostra sulla emigrazione e rilanciare il tema dei cramars, collegarsi con il Museo dellimmigrazione di Ellis Island di New York, il Museo per la storia delle emigrazione italiana di Lucca, quello regionale dellemigrazione di Gualdo Tadino e coinvolgendo ad esempio lEnte Friuli nel mondo.

4) Calibrare e potenziare la struttura a servizio della rete Carnia Musei, diventata troppo baricentrica sulla geologia. Meravigliosa lattività del geoparco e ha un senso perché Gortani era anche geologo, ma ora va recuperata la connessione col museo di Tolmezzo. Servono più attività qui, come negli altri musei carnici. Potenziare attività didattica. Percorsi condivisi con scuole.

5) Proseguire con la produzione di studi e libri come fatto in questi anni recenti. Il museo deve produrre ricerca e cultura e in questo coinvolgere sempre più luniversità.

6) Attivare linteresse dei privati proponendo questi progetti di medio periodo, un privato non finanzia una cosa spot, ma se cè strategia.

7) Formazione continua dei dipendenti e degli operatori turistici su tutti i musei, perché sappiano indirizzare gli ospiti sui musei.

Ah, nessuno lo ha detto, ma sapete che per fare stare in piedi il museo, dal 2009 non è stato accantonato il Tfr dei dipendenti? Così per sopperire alle croniche carenze di cassa, il Museo ha deciso di utilizzare il Tfr dei dipendenti, che ammonta a circa 125 mila euro. Questo per dire che il museo non stava in piedi da tempo. Solo in questi ultimi anni si sono accantonati 10 mila euro di Tfr.

Di carne al fuoco ce nè, anzi di Carnia al fuoco, vediamo di non carbonizzarla. Intanto dico grazie a presidente e cda per la passione e la competenza che hanno messo e stanno mettendo in campo. Questo senza dimenticare limpegno che ci mettiamo: come comune infatti abbiamo aumentato dal 2014 i fondi rispetto al passato, abbiamo portato i finanziamenti di Città Alpina (50 mila euro nel 2017) e come Uti finanziamo ogni anno con convenzione per gestione centro servizi museali con oltre 20 mila euro.

sindaco di Tolmezzo*



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news