LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ex Bazzi chiuso e senza cantieri La riapertura è unincognita
di Stefano Ciervo
25 luglio 2018 LA NUOVA FERRARA



Il gruppo Kofler in ritardo rispetto allobiettivo estivo Un anno fa il sì del ministero, intoppo Soprintendenza

Sono passati più di quattro mesi da quando il sindaco Tiziano Tagliani consegnò solennemente le chiavi dellex Bazzi Coloniali a Tiziano Pavin, progettista incaricato da Kofler Group di realizzarvi un punto vendita di prodotti del marchio. Il gesto era stato annunciato come il via libera ai lavori necessari ad aprire il KoflerCafè, da effettuare a tambur battente per consentire lapertura entro lestate. Non si è mossa foglia e a questo punto gli interrogativi sul travagliatissimo progetto di rilancio di uno degli spazi storici della città si addensano inevitabilmente.

La situazione attuale

Dallesterno la situazione appare immutata, come del resto da parecchi anni a questa parte, e non è che addentrandosi nei meandri della burocrazia statale e comunale si riesca a fare luce. I dati certi sono questi. Il 26 luglio 2017 il Kofler Group ha sottoscritto il contratto con il Comune per la concessione di valorizzazione dellex Bazzi, a seguito dellaggiudicazione del bando pubblico di cinque mesi prima. Lamministrazione comunale aveva effettuato le operazioni di restauro più delicate dal punto di vista storico-architettonico, ai padovani restava una serie di lavori di complemento. Il progetto risulta autorizzato dal ministero dei Beni culturali già nellagosto dellanno scorso, ma servono definitive autorizzazioni da parte della Soprintendenza, che non risultano ancora ottenute, bisogna a questo punto capire per quale motivo. Il contratto prevede che gli interventi a carico di Kofler debbano essere effettuati entro 4 mesi dalleffettiva disponibilità dellimmobile, consegnato appunto il 27 febbraio scorso, a partire però dal definitivo via libera da parte della Soprintendenza. Il 20 giugno, alla prima conferenza dei servizi, Kofler si è presentato senza lautorizzazione, la prossima scadenza (presumibilmente dopo Ferragosto) è dunque cruciale per comprendere le intenzioni del concessionario.

È chiaro che il Comune non potrà attendere allinfinito su di un immobile per il quale cè stato un affidamento sulla base di un progetto, e risulta che sia stato lassessore Roberto Serra a contattare di recente lazienda, per comprendere i motivi del ritardo e sollecitare una chiusura.

Lavori previsti

Larticolo 4 del contratto descrive in maniera dettagliata le opere che Kofler dovrà realizzare. Ci sono lavori di restauro che riguardano le opere strutturali al corpo novecentesco, opere architettoniche (demolizioni, sottofondi e pavimenti) ed impiantistiche (impianti idrosanitario, termomeccanico, elettrico e speciali); in aggiunta servono interventi di allestimento dellattività. Kofler dovrà anche restaurare i mobili un tempo collocati nei locali e impiegarli nellallestimento definitivo. Lo spazio di 400 metri quadri dovrà ospitare un bar-ristorante-punto vendita KoflerCafè, destinato a restare aperto dal mattino e fino a mezzanotte, per servire i clienti dalla colazione al dopocena.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news