LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La chiesa con il tetto crollato proprietà di un fondo statale
19 luglio 2018 LA NUOVA FERRARA



LA STORIA Come in un thriller religioso, genere letterario che ha visto crescere negli ultimi anni la platea dei suoi ammiratori, anche per la Chiesa di San Domenico si sono dovuti muovere schiere di specialisti nella ricerca e nella consultazione di vecchie scritture e contratti stesi in tempi citati dai libri di storia. Figure che si muovono con disinvoltura negli archivi dove si conservano anche documenti di particolare importanza. Ma alla fine il risultato ha ampiamente soddisfatto il copione del giallo storico con un epilogo a sorpresa. Fino a un paio di anni fa - ricostruisce don Stefano Zanella, ingegnere responsabile dell'Ufficio tecnico della Diocesi di Ferrara - sulla proprietà della Chiesa di San Domenico esisteva una "certezza": il bene apparteneva ai Domenicani e ne erano convinti l'Ordine e la Curia. la verifica degli atti È stato l'intervento di un organo dello Stato, il Fondo degli Edifici di Culto (FEC) - che ha in carico un patrimonio immobiliare formato da chiese, conventi e da un lungo elenco di altre tipologie di beni, anche non destinati a funzioni religiose, che vennero acquisiti dallo Stato nell'800 con la soppressione delle proprietà ecclesiastiche - ad accendere la miccia. Proprio su iniziativa del FEC, prosegue don Zanella, è stato avviato un accertamento documentale e storico con l'obiettivo di ricostruire la sequenza degli eventuali passaggi di proprietà. E dal Catasto non è emerso nessun atto che confermasse il trasferimento del bene all'Ordine dei Domenicani. Il risultato ha sorpreso un po' tutti - ammette don Zanella - Di fattola Chiesa di San Domenico appartiene al FEC. Attualmente l'edificio è inagibile e necessita di imponenti lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza, anche in seguito al recente crollo di una parte del tetto che ha rischiato di provocare danni gravissimi alle opere esposte.Il FEC, che in provincia è rappresentato dal prefetto, ha oggi in carico il bene e ha avviato, in queste settimane in collaborazione con la Diocesi locale, la procedura per assumere il controllo pieno dell'immobile che domina piazza Sacrati. Questo percorso, precisa don Zanella, sarà completato dopo l'estate. Poi sarà cura del Ministero dei Beni culturali programmare ed eseguire qualsiasi intervento necessario per restituire l'agibilità a una chiesa che era stata, fra l'altro, gravemente danneggiata dal terremoto del 2012. le tappe recentiCompletata questa fase, che richiederà anni - chiosa Zanella - la Diocesi probabilmente chiederà di accedere all'uso dell'edificio per finalità religiose, come è stato nel passato. Un paio di mesi fa, l'improvviso crollo del tetto e i lavori di ripristino in emergenza della copertura collassata con la creazione di protezioni per evitare ulteriori danni alla chiesa in caso di nuovi cedimenti.




news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news