LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Decreto ingiuntivo di Ca' Farsetti Non ci toglieranno i nostri soldi
Alberto Vitucci
9 AGOSTO 2018 LA NUOVA VENEZIA



Un decreto ingiuntivo al governo. Per chiedere il versamento della cifra dovuta e prevista dalla convenzione già firmata: i soldi per i progetti già avviati del Piano delle periferie. Ca' Farsetti prepara le contromosse, e l'Avvocatura civica ha già pronta una diffida da far recapitare a Palazzo Chigi.Quei soldi sono nostri, dicono in Comune, il governo ce li ha dati e adesso non se li può riprendere. Una cosa pazzesca, mai vista, scuote la testa il capo di Gabinetto del sindaco Morris Ceron, stiamo cercando di capire. Ma molti di quei progetti erano già avviati. E potevano muovere milioni di euro di finanziamenti privati.L'elenco è lungo. E comprende venti grandi cantieri distribuiti sul territorio della Città metropolitana. Convenzione approvata alla fine dell'anno scorso dalla Città metropolitana, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della delibera del Cipe che stanzia va un finanziamento di 38 milioni 727 mila euro per la Città metropolitana. Cifra destinata ad aumentare di quasi venti milioni per i tanti progetti in parte finanziati da privati. Non soltanto un'idea, ma un piano ambizioso, che prevedeva lavori da concludere entro due-tre anni sotto la supervisione di Renzo Piano, la stella dell'architettura italiana che a Venezia era anche venuto per visitare i luoghi interessati alla riqualificazione, a cominciare da Marghera.Tra i progetti già pronti, il potenziamento delle stazioni ferroviarie in prospettiva della linea Sfmr, di Porto Marghera, Portogruaro, Meolo, Fossalta e Musile di Piave, Ceggia, San Stino di Livenza, Mira-Mirano, con nuove pensiline, sottopassi pedonali e ciclabili, nuove banchine con l'abbattimento delle barriere architettoniche, ascensori.Altro importante intervento adesso "congelato" quello di riqualificazione urbana a Spinea, con il recupero delle aree limitrofe alla linea ferroviaria, la ristrutturazione dell'ex Bocciodromo che dovrebbe diventare un centro socio-culturale per giovani e anziani.Altri interventi di manutenzione urbana a San Donà (la Cantina dei Talenti), a Dolo (villa Angeli, che doventerà nuova sede della scuola di Enogastronomia), a Chioggia e Sottomarina (illuminazione led), a Concordia Sagittaria (restauro del palazzo del Cinema), a Portogruaro (bonifica dell'area ex Perfosfati, degradata da anni, e il parco archeologico).Ventitré milioni 375 mila euro erano destinati dal Bando al Comune di Venezia. Servono per i lavori di rifacimento alla stazione di Marghera (metà del costo, circa 3,7 milioni in questo caso è a carico di Rfi) e per il suo restyling, vista la nuova importanza della fermata, che serve adesso anche la zona universitaria di via Torino e l'area di aziende e servizi sviluppata negli ultimi anni. Un intervento, dicono gli urbanisti, che ha anche lo scopo di "ricucire" le due parti di Marghera che sono tagliate dalla strada statale e dalla linea ferroviaria, con nuovi collegamenti ciclopedonali, ascensori e rampe.Una parte importante dei fondi del Bando delle Periferie (circa 10 milioni) è destinato al palazzo ex Casinò del Lido e all'area antistante, in parte sistemata dopo anni di polemiche per il "buco" scavato a fine anni Duemila. Il nuovo PalaCinema da 100 milioni poi archiviato. Un progetto caro anche alla Biennale, perché in poco più di un anno con i fondi del Piano si dovrebbe recuperare l'edificio dell'ex Casinò, con nuovi impianti tecnologici di ultima generazione l'aumento della capacità ricettiva dei saloni. Intervento indispensabile, lo aveva definito il sindaco Luigi Brugnaro, per consentire lo sviluppo della Mostra del Cinema e potenziare la funzione dei congressi e dei pubblici spettacoli, in vista del rilancio dell'economia del Lido. Si perdono anche i finanziamenti per competare la Cittadella della Giustizia alla Manifattura Tabacchi (17 milioni) . Il grande progetto della riqualificazione delle periferie prevede anche il potenziamento del segnale alle stazioni di Mestre e Santa Lucia, con la concentrazione degli impianti dei vari gestori telefonici in un unico locale. In questo caso, la spesa di 270 mila euro del Bando (e altri 600 mila per i gestori) è indirizzata alla "sicurezza del territorio".Un milione e mezzo di euro è destinato anche al recupero dei Forti di Mestre e dei collegamenti fra le varie strutture del Campo trincerato, un sistema difensivo costituito di 12 fortificazioni costruite tra Otto e Novecento. Di queste, sette sono di proprietà del Comune: Forte Carpenendo, Forte Gazzera, Forte Manin, Forte Tron, Forte Mezzacapo, Forte Pepe e Forte Rossarol. Il progetto prevede di restaurare gli edifici e collegarli tra loro, affidandone la gestione alle associazioni.



news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news