LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Trovati due scheletri medievali nella necropoli sotto San Marco
Enrico Tantucci
02 agosto 2018 LA NUOVA VENEZIA


I resti di due scheletri di età medievale ritrovati in questi giorni durante i lavori in corso intorno alla Basilica di San Marco, per la difesa dalle acque alte della chiesa, non sono i primi e non saranno, probabilmente, gli ultimi. Ma testimoniano di come ancora il sottosuolo marciano conservi tracce del suo passato e come basti appunto scavare, come è stato anche per tratti di pavimentazione originale ritrovati sia sotto il Campanile di San Marco durante i lavori di consolidamento, sia recentemente sotto i masegni dell'area della stessa Basilica, durante il cantiere in corso, per farli emergere.Le ossa sono state ritrovate nei giorni scorsi durante i lavori e sono state già isolate dal resto del cantiere da parte degli archeologi, per capire come intenda procedere la Soprintendenza, ma non hanno impedito la normale prosecuzione del cantiere. Sappiamo che l'area intorno alla Basilica, specie il lato nord era un'area di sepoltura, osserva anche l'architetto Mario Piana, proto di San Marco. La responsabilità del cantiere in corso non è della Procuratoria, ma del Provveditorato alle Opere Pubbliche e delle imprese del consorzio Venezia Nuova che stanno conducendo i lavori. I resti dei due scheletri, uno sarebbe tagliato a metà, forse perché danneggiato in precedenza durante i lavori di scavo relativi all'acquedotto, alla fine dell'Ottocento, sono stati ritrovati l'uno sopra l'altro, probabilmente per l'esiguità dello spazio e l'accatastarsi progressivo delle sepolture nel tempo. C'è chi ha parlato di un uomo e una donna, ma il sesso di ambedue gli scheletri deve ancora essere precisato con esattezza. È soprattutto alla fine dell'Ottocento, quando si è scavato nell'area della Basilica, che sono già stati ritrovati decine di corpi risalenti appunto alle sepolture di epoca medievale. A essersi occupati in particolare degli studi in merito sono stati gli studiosi tedeschi Rudolf Dellermann e Karin Uetz, che ne hanno riportato dati e notizie anche nel Quaderno della Procuratoria di San Marco dedicato alla facciata nord. Dal 2002, in occasione del restauro del fianco nord della basilica, un gruppo di studiosi tedeschi ha indagato con metodi all'avanguardia lo sviluppo architettonico dell'edificio, dalle strutture preesistenti alla basilica contariniana dell'XI secolo fino ai restauri moderni. In parallelo, ricerche d'archivio hanno messo a confronto i documenti dei restauri otto-novecenteschi, in parte inediti, con le evidenze studiate dal vivo. Alla luce delle nuove conoscenze, la facciata nord, a lungo considerata una facciata minore, risulta ora rivestire un ruolo fondamentale per la storia della Basilica. Punti salienti dell'indagine sono gli "impulsi" che S. Marco riceveva dalla sua chiesa gemella, S. Teodoro e la funzione della zona nord come luogo di sepoltura, confermato in questi giorni.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news