LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Show nei monumenti, affari e rischi Taormina e Selinunte: " Ora un freno"
Manuela Modica
12 agosto 2018 la Repubblica



Troppi spettacoli al Teatro antico di Taormina? Sì secondo il sindaco Mario Bolognari, col rischio di danneggiare il monumento e la città. Bolognari, che ha inviato una lettera al governatore per chiedere che siano autorizzati meno spettacoli, apre un dibattito sul tema degli spettacoli nei luoghi d'arte. Il turista che va a Siracusa per le tragedie è sicuro della qualità dell'offerta teatrale - dice Bolognari - A Taormina, in questo modo, non può esserlo: manca una direzione artistica unica che garantisca la qualità degli spettacoli e lo spettatore può sentirsi ingannato. Ma non solo, la città non è in grado di gestire un tale afflusso di persone.

Argomenti che trovano subito il consenso dell'assessore ai Beni culturali, Sebastiano Tusa, che ha subito accordato la riduzione degli eventi al teatro: Non saranno più di 30 il prossimo anno - annuncia l'assessore Anfiteatro Sicilia, composta dall'assessorato al Turismo e da quello dei Beni culturali della Regione, vaglierà le proposte in base ad un'unica priorità: la tutela del bene archeologico.

Il fascino della pietra antica è di di grande effetto ma i luoghi per quanto magici restano fragili: Non sono indistruttibili, bisogna per forza evitare che subiscano una pressione antropica superiore ai limiti.

Dobbiamo attenerci alla carta di Segesta: bisogna stabilire la compatibilità degli spettacolo con i monumenti. E i teatri in pietra hanno una capacità ridotta, non possono essere utilizzati per eventi di massa.

Una politica culturale che sembra andare in direzione opposta a quella sempre più diffusa nel mondo di "sdrammatizzare" il bene artistico. L'esempio più recente è quello del Louvre, diventato set del video di Beyoncè e Jay Z, con entrata economica golosa per il museo parigino, e ancora più goloso è stato il numero di visualizzazioni che ha registrato il video dei due artisti americani: un boost divulgativo senza precedenti perfino per il museo più famoso del mondo.

Su questa scia si allinea anche il parco di Selinunte che ieri sera ha aperto le porte a Martin Garrix, star della musica elettronica. Ma il direttore del parco arcologico di Selinunte, "teatro" ieri del djset, così come nelle scorse settimane del Google camp, Enrico Caruso, a sorpresa dà ragione a Bolognari: Più di 50 spettacoli sono troppi, sono perfettamente d'accordo con lui. Vanno limitati e va assicurata la qualità dell'offerta. Opinione che sembra in piena contraddizione rispetto alla scelta di spettacoli estivi a Selinunte: Stiamo parlando di due eventi l'anno, di più non ne farei. È un'occasione come poche di far conoscere il bene culturale ai più giovani e a fruitori che forse non avremmo mai avuto e di certo c'è anche un ritorno economico, aspetto secondario ma non ininfluente.

Non ha senso tenere il monumento dentro il cellophane e proporre solo concerti per pianoforte, che sono di certo molto belli ma solo per un tipo di pubblico ristretto. Nei limiti, tuttavia, di un paio di volte l'anno. D'accordo con Caruso, anche Tusa: Fare conoscere il monumento a un pubblico più ampio è un'occasione che non possiamo perdere. Nel caso del parco di Selinunte, poi, non c'è nessun pericolo per la tutela, perché gli eventi sono totalmente all'aperto, è evidente che bisogna lo stesso garantire un certo tipo di decoro, ma da quel che so il dj di ieri è un'eccellenza internazionale nel suo ambito.






news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news