LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mamma, i musei e le fascine di Merz. I figli di Eliana Guglielmi raccontano le passioni della grande collezionista torinese
Giulietta Revel
Corriere della Sera - Torino 22/8/2018

Quando eravamo bambini e facevamo di nascosto delle feste, tutti rimanevamo stupiti dalla nostra casa, perché, ad esempio, trovavamo per terra le fascine di legno di Merz e ci chiedevamo che cosa fossero, se magari servissero per il camino Erano in pochi a conoscere lArte Povera e soprattutto non capitava spesso di trovare opere del genere nel salotto di una casa. La mamma era stata una delle prime a scoprirla. Era sicuramente una collezionista innovativa. A raccontarla sono Marinella e Alessandro Guglielmi, figli di Eliana, una delle più importanti collezioniste italiane scomparsa di recente.

Succedeva spesso di incontrarla in piazza Maria Teresa, mentre chiacchierava, soprattutto di arte, con figli e amici al tavolo del bar sulla piazza, con la sua Labrador al seguito e sotto lo sguardo della statua di Guglielmo Pepe. Laureata in Storia medievale, ha sempre avuto un interesse particolare per larte contemporanea, considerandola il naturale seguito del suo percorso formativo. Riteneva che il contemporaneo fosse più accessibile ed immediato, perché parla il nostro linguaggio e usa i mezzi tecnici del nostro tempo. Un ricordo ero davanti a un Kounellis, lo sentivo drammatico e disperato, mi pesava sul cuore, sempre, raccontava in unintervista del 2002 in occasione della mostra De Gustibus sul collezionismo in Italia, che si tenne al Palazzo delle Papesse di Siena e che ospitò opere della sua articolata collezione. Poi improvvisamente ho letto la lucidità e la serenità. Il rigore mentale degli antichi. Cè unosmosi tra antico e contemporaneo; se conosci il lavoro di Mike Kelley sei più preparato ad apprezzare una Madonna di Sassoferrato.

Per settantanni Eliana Guglielmi ha viaggiato per il mondo alla ricerca di artisti emergenti, tecniche nuove, incontrando galleristi, collezionisti, direttori di musei, frequentando fiere internazionali, che avrebbero orientato scelte e scoperte, sempre dettate da istinto e passione. I figli hanno vissuto nel mondo dellarte fin da bambini, giocando intorno a dipinti e sculture, prendendosi a cuscinate intorno a installazioni astratte e suggestive. Persino il cane fu sorpreso a rosicchiarsi unopera di Richard Long sul terrazzo di casa. Ho vissuto dai tre ai dieci anni in tutti i musei del mondo, ricorda Alessandro, per un bambino era micidiale! Sarei volentieri andato al parco giochi con gli altri, ma con il tempo ti rendi conto di aver assorbito quelle energie che erano nelle opere. Larte trasmette e negli anni scopri che poi riesci a capire se unopera è pregna di quella vibrazione, rispetto ad unaltra che è più vuota. È quello che i collezionisti chiamano occhio, ma in realtà è tutta una serie di sensazioni e di coinvolgimento. O almeno per me e stato così.

Facevamo sempre dei viaggi, a fine agosto, dove mamma ci portava in tutte le capitali europee racconta Marinella, la maggiore dei due. La prima cosa era andare nei musei, sia di arte antica che di arte moderna, come quello di Amsterdam dove ho visto decine di volte le Lezioni di anatomia o La ronda di notte di Rembrandt. Poi ci portava nei musei di Arte Contemporanea, dove spesso era lei a prestare le opere. Il contemporaneo allora era ancora un ambiente molto piccolo. Per Marinella è stato il motore di una carriera nellarte. Nel 2000 è nato il Dipartimento di Arte Contemporanea di Christies a New York voluto da Pinault. Il contemporaneo è così diventato il primo mercato per la casa daste newyorkese e sono entrata a lavorare con loro. Andavo con mia mamma e allora eravamo in prima linea. Vedevamo le quotazioni di un artista crescere, i lavori nuovi per prime, andavamo negli studi. È stato entusiasmante. Lei ha fatto questo passaggio di consegne tra la sua e la mia generazione. Entrambe sceglievamo cosa comprare. Lei era quella che optava per i pezzi più allegri. La componente del gioco per lei era fondamentale.

È ancora Marinella a raccontare la Eliana collezionista. Mamma, nel 75 ha cominciato a comprare, perché era amica di Nino Benatti e Christian Stein, che avevano i primi video di Andy Warhol. A Torino in quegli anni nascevano le gallerie più importanti per il contemporaneo. Con la Stein ha cominciato a comprare tutta lArte Povera. La Stein era però una donna che controllava molto i suoi collezionisti e, malgrado avesse tutti artisti interessanti, le impediva di andare a comprare da altri. Fino all82 quando Eliana ha comprato una grande opera di Merz. Da allora ha iniziato ad andare alle fiere internazionali, come Basilea, a diventare amica di artisti come Paolini, con il quale aveva molte affinità e di molti altri. Si aprirono così altre opportunità e lei entrò in contatto con realtà nuove.

Negli anni 90 aprono nuove gallerie ed Eliana compra moltissime opere di giovani artisti, senza mai avere un intento speculativo. Compra tutta larte povera, che costituiva lo zoccolo duro della sua collezione: lalbero di tre metri di Penone, vari Merz, Fabro, Zorio, Salvo e, soprattutto, Paolini. Non solo. Ha aiutato tutta una generazione di artisti e galleristi a emergere. È stata ad esempio tra le prime a comprare Cattelan e coinvolta in tutte le iniziative a favore dellarte contemporanea: dagli Amici del museo di Rivoli, agli Amici del Guggenheim, con vicende alterne, ma sempre trainate dal desiderio e dalla curiosità per il nuovo.

Da allora molto è cambiato a Torino. Cerano gallerie pazzesche: Tazzoli, la Galatea (dove sono passati grandi artisti come Bacon), la galleria Sperone. Questi galleristi hanno fatto di Torino un centro allavanguardia per il contemporaneo. Negli ultimi 10 anni il sistema si è trasformato. Cè stata una grande immissione di denaro, che ne ha snaturato lessenza. Si è persa la base culturale, per cui pochi tra galleristi, direttori di musei, artisti conoscono veramente la storia dellarte. Ricordo cene da Marcello Levi dove io stavo zitta tutta la sera perché non conoscevo nulla e rimanevo annichilita dalle conoscenze di artisti, critici, curatori. E non avrei saputo neppure dove documentarmi. Non credo che ancora ci siano luoghi dove si tiene questo livello di conversazioni sullarte contemporanea. Né collezionisti che, come Eliana, abbiano letto intere biblioteche di arte. A volte quando sfoglio i suoi numerosissimi libri trovo ancora le sue note e suoi segnalibro. Larte per lei è stata pura gioia, conoscenza, libertà, gioco. Mai speculazione.




news

07-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 7 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news