LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Le oasi verdi abbandonate tra degrado e incuria
Paolo Coccorese e Giulia Ricci
Corriere della Sera - Torino 23/8/2018

Colletta
La pista ciclabile fa paura. È buia anche in pieno giorno
Il parco Colletta è uno dei più grandi della città, compreso tra le rive del Po e della Dora. È per questo che, essendo dispersivo e in alcuni punti poco affollato, andare a correre o in bicicletta da soli può far paura, come nel lungo viale interno che costeggia via Giulio Carcano. Federico è un ciclista vestito con la tuta tecnica, conosce quei luoghi: Qua è sempre buio, anche di giorno a causa degli alberi. È meglio stare attenti.Mi sembra che di recente sia già capitato qualcosa di brutto. Era maggio, infatti, quando un giovane di 28 anni è stato aggredito di sera nei pressi del cimitero Monumentale, arrivando in ospedale con la mandibola e il naso fratturati.

Pellerina
Chioschi e campi unico presidio. Ma dopo il tramonto è off limits
Il parco della Pellerina ha due volti, uno di giorno e uno di notte. Quando il sole è alto sono tante le persone che leggono un libro, i bambini che giocano, gli anziani che si riposano e i ragazzi che corrono.A fare da presidio i campi da calcio e tennis, ma anche i cinque chioschi sparsi al suo interno. Quello su corso Appio Claudio è aperto da 26 anni: di giorno non è mai successo nulla. Ma dalle 21 in poi è meglio non avventurarsi. Quando tutto chiude, soprattutto su corso Regina Margherita, non è consigliato andare a correre o portare il cane. Tra degrado e prostituzione, cè un volto del parco che non accoglie volentieri chi esce dopo il tramonto.

Stura
Ancora recintato lex Tossic Park. I predoni hanno spento i lampioni
L'ex Tossic Park è ancora circondato dalle griglie da cantiere dopo otto anni. Anche per questo motivo è forte la sensazione di abbandono del parco, che sulle cartine si chiama Stura e dove ben poche persone hanno il coraggio di addentrarsi.
Indelebili i ricordi di quando al fondo di corso Giulio Cesare cera la più grande piazza di spaccio del Nordovest e a comandare erano i pusher africani. Ieri pomeriggio cerano due famiglie (e la loro grigliata clandestina), una decina di bagnanti nel fiume e il pensionato Giovanni Erria in sella alla sua bicicletta.
I lampioni che hanno messo non funzionano. Hanno rubato i cavi di rame.

Dora
Il paradiso degli skater in Spina 3 messo alle corde dei vandalismi
I canestri dellimpianto del basket sono stati risistemati da poco. Così, sotto la tettoia dello Strippaggio sono ritornati gli appassionati di palla a spicchi, spariti per colpa dei raid vandalici.
Al Parco Dora, larea verde post-industriale di via Orvieto, le telecamere posizionate dal Comune non hanno fermato le scorribande. Gli ascensori, che portavano alla passarella sopraelevata, sono stati messi fuori servizio. Poi è stata rubata la rete del campo da tennis e sradicate le porte del calcetto. In Spina 3, i ragazzini, che arrivano da tutta Torino Nord in particolare per il grande skatepark, sono costretti a tirare i calci di rigore chiedendo ai compagni di squadra di mettersi sulla riga.
E fare i pali viventi.

Vallette
Ostaggio di erba alta e zanzare. Residenti costretti a mantenerlo
La vecchia pagoda del parco delle Vallette non è più occupata dai clochard. I bambini delle case bianche di via Sansovino sono liberi di giocare a muretto, tirando pallonate contro le parete delledificio, senza temere di essere rincorsi dai senzatetto che fino allanno scorso vivevano indisturbati in via dei Gladioli.
La Circoscrizione 5 ha ridipinto i gradoni di cemento che segnano lingresso dellarea verde rovinata dai graffiti oltraggiosi. Così, è stato reso più accogliente questo parco dove lerba è alta mezzo metro e gli sciami di zanzare prendono dassalto i passanti. Siamo stati costretti a tagliarcela da soli con un trattorino, dice Angelo Fiorillo, presidente del vicino centro dincontro.

Peccei
La riqualificazione mai decollata per colpa di scippatori e rapinatori
Il Peccei è lultimo parco costruito in città. Dopo dieci anni di bonifiche, nel 2015 è stata inaugurata larea verde che doveva essere il simbolo della rinascita di Barriera di Milano. Ma il progetto avveniristico, che ha posizionato lampioni a led, salvato la tettoia Porcheddu e installato unarea fitness, non ha risolto i problemi di sicurezza della zona. Il 7 luglio il signor Antonio è stato aggredito da un uomo. Era drogato, mi ha tagliato il collo, dice mostrando la lunga cicatrice. Un mese prima erano stati accoltellati due giovani. La situazione è migliorata aggiunge . Ma ci sono troppi scippi. A una signora hanno rubato la spesa.

Valentino
Turismo stentato e club chiusi. Il simbolo cittadino è dimenticato
Cinque chilometri di percorso lungo il Po. Un polmone verde che molte città ci invidiano. Eppure. Quattro discoteche chiuse da anni. Il Borgo medievale, attrazione turistica, come unentità priva di vita. Cespugli selvaggi, che diventano indomabili verso le Vallere. Largine crollato durante lultima alluvione ancora da sistemare, dopo quasi due anni. Benvenuti al Valentino. Dove gli unici ad aver capito che va rianimato, soprattutto ad agosto, sono i gestori dei quattro chioschi aperti. Dopo larresto del maniaco sono spariti anche i pusher sulla collinetta (dove ieri sono comparsi i poliziotti in moto). Sono rimasti solo i tossici, in attesa sulle panchine.

Confluenza
Bambini sfrattati dallarea giochi. Adesso cè una carovana di rom
Una volta sotto il gazebo di legno del parco della Confluenza si organizzavano concerti di musica classica. Ricordo sbiadito di questa area verde che circonda la Manifattura Tabacchi, lo storico circolo Graziani e larea giochi di piazza Sofia dove sono sul piede di guerra le mamme dei bambini che la frequentano. Da giorni è assediata da una carovana di rom che vive accampata, racconta Federica Fulco, la presidentessa del Comitato Torino in Movimento. Un problema annoso per questo fazzoletto di verde di Regio Parco. Abbiamo più volte segnalato la presenza dei camper, è la replica degli uffici della vicina Circoscrizione 6.






















news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news