LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, il ministro Bonisoli propone di impiegare al Mibac gli esuberi del Miur. Ma tra le categorie è polemica
Manlio Lilli
Il fatto quotidiano 21/8/2018

Il titolare dei Beni Culturali lancia l'idea di attingere alla vasta platea di personale in esubero dell'Istruzione per fare fronte alle carenze nelle strutture della cultura italiana, dalle soprintendenze agli archivi. Ma sia da una parte che dall'altra i professionisti protestano. E manca chiarezza su chi potrebbe rientrare nel progetto

Biblioteche ed archivi sono a rischio chiusura per mancanza di profili professionali specifici? Diverse aree archeologiche e musei sono in crescente difficoltà perché da tempo sottorganico e le Soprintendenze faticano a svolgere il loro lavoro a causa del personale insufficiente? Al problema, noto da anni ma sostanzialmente irrisolto, prova a dare una risposta il ministro Bonisoli. Pensando a nuove corpose assunzioni. Almeno 6mila posti di personale tecnico-scientifico. Ma anche immaginando di coinvolgere il mondo della scuola.

In alcuni ministeri ci sono degli esuberi in posizioni e funzioni che a noi interessano: il Miur in alcune Regioni ha, nelle graduatorie per linsegnamento, persone in esubero che sono laureate, molto motivate sui temi di cui ci occupiamo (archivi, storia dellarte, ma anche laureati in Legge), ha spiegato il ministro rispondendo, recentemente, alle domande di deputati e senatori delle commissioni Cultura riunite di Camera e Senato.

Insomma una sorta di osmosi tra Miur e Mibac, nel tentativo di riequilibrare una situazione complessa. Da una parte fornendo la possibilità di un lavoro e dallaltro assicurando forze nuove a strutture in affanno. Se io riesco a prendere persone che vivono di supplenze, o comunque ad alto tasso di precarietà, poiché di fatto le graduatorie sono bloccate, e riesco a dare a chi vuole la possibilità di lavorare per noi in alcune zone, mi sembra una cosa opportuna, ha detto ancora Bonisoli, chiarendo il progetto e la collaborazione con il Ministero della pubblica istruzione. Progetto, evidentemente embrionale. Più unidea, forse, che un vero e proprio progetto. Idea persino un po rischiosa, considerando i chiarimenti che fornisce lufficio stampa del Mibac. Il vero nodo della questione è chi sono gli insegnanti che potrebbero beneficiare delliniziativa. Anche il mondo della scuola è in subbuglio, a dispetto della buona scuola promessa dal governo Renzi. Le questioni si sommano, intrecciandosi. Con molti nuovi assunti in sedi assegnate lontanissime dalla residenza e poi lesercito quasi sterminato dei precari. Soprattutto quelli cosiddetti di terza fascia. Ogni anno, immancabilmente, in attesa di una sistemazione temporanea. Il ministro Bonisoli fa riferimento a persone che vivono di supplenze, o comunque ad alto tasso di precarietà, poiché di fatto le graduatorie sono bloccate. Insomma, precari. Ma dallufficio stampa del Mibac riferiscono che liniziativa è rivolta esclusivamente ad insegnanti utilizzati a tempo indeterminato, in esubero. Non è chiaramente lo stesso.

In attesa del promesso tavolo con i colleghi del Miur che potrà chiarire modalità, tempi e soprattutto oggetto delliniziativa, ci sono le reazioni. Quelle che provengono dai settori nei quali dovrebbero trovare utilizzo i professori. Perché se il mondo della scuola é un concentrato di criticità, quello dei Beni Culturali non è da meno. Precari a non finire da una parte e dallaltra. Il percorso per diventare insegnante e quello per diventare funzionario o dipendente Mibac non hanno nulla in comune per quanto riguarda la quantità di titoli e competenze richieste. E ci auguriamo che il Ministro ne tenga conto, la presa di posizione di Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali, la sigla che dal 2015 cerca di cambiare la realtà lavorativa del settore.

Siamo sorpresi che alla penuria conclamata di professionisti bibliotecari si pensi di far fronte utilizzando profili completamente diversi. Ci chiediamo se Lei sia al corrente degli anni di formazione specifica, di base e avanzata, necessari in tutti i paesi civili per diventare bibliotecario, e se sia al corrente dei tanti bibliotecari italiani provvisti di curricula eccellenti che lavorano nelle biblioteche italiane da precari, spesso con contratti da fame, rincara la dose Rosa Maiello, Presidente dellAssociazione italiane biblioteche. Poi Assotecnici, lAssociazione Nazionale dei Tecnici per la Tutela dei beni Culturali, Ambientali e Paesaggistici, spera ancora che si tratti di una boutade, ma nel caso non siamo ovviamente favorevoli.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news