LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cuneo. Ex Ipi e piazzale Inps a Cuneo: polo scolastico e culturale o cementificazione?
https://www.cuneocronaca.it/ex-ipi-e-piazzale-dell-039-inps-a-cuneo-polo-scolastico-e-culturale-o-ce

Riceviamo da Ugo Sturlese, consigliere comunale del gruppo Cuneo per i beni comuni e Riccardo Sartoris, presidente del Movimento Consumatori sezione di Cuneo:
"Poche settimane fa una Determina dirigenziale, in applicazione di una Variante al Piano Regolatore (n 23 e successive modifiche) introdotta dalla maggioranza nel 2016, dava inizio alla procedura di accoglimento dello strumento esecutivo convenzionato di iniziativa pubblico-privata, relativo alla ristrutturazione edilizia-urbanistica di una vasta area che comprende la piazza antistante lospedale di Cuneo (4200 mq di proprietà privata di una società), i Giardini Don Stoppa (area a verde pubblico esistente), gli edifici ex-Ipi su via XX Settembre, su via Monte Zovetto e via Quintino Sella (3540 mq di proprietà della Provincia).

Il Piano prevede labbattimento degli edifici ex-Ipi, dei quali uno a tre piani, con ingresso allangolo fra via XX Settembre e via Monte Zovetto, di sicuro valore storico-architettonico, costruito nel 1935, valido esempio di architettura razionalista e la costruzione di alcuni edifici ad alto indice di utilizzazione (oltre 2mq/mq) per un'altezza di 6 piani più attico e per una superficie utile lorda di 7200 mmq (5100 in proprietà alla Provincia, 2100 in proprietà alla società), pari ad un insediamento di 225 abitanti. In sostanza un insediamento molto pesante (in unarea già abbastanza congesta) e incombente sulle finestre delle aule del vicino liceo, la cui luce verrebbe sicuramente limitata.

La Provincia si avvarrebbe dei proventi derivanti dai palazzi di nuova costruzione per destinarli a non meglio specificati investimenti scolastici. I Giardini Don Stoppa manterrebbero lattuale destinazione, mentre larea della piazza Cavalieri di Vittorio Veneto, dismessa dalla società gratuitamente al Comune, sarebbe destinata a verde pubblico, salvo una quota di 800 mq (circa 40 posti macchina) destinata a parcheggi pubblici e computata come opera di urbanizzazione impropriamente, avendo la società costruttrice già ottenuto in cambio della cessione della piazza il permesso di costruire 2100 mq sul lato di via Quintino Sella.

A questo punto, considerata anche laleatorietà di tali previsioni dato che lattività edilizia a Cuneo pare ristagnare e molti sono gli alloggi invenduti o non utilizzati, ci si chiede quali vantaggi ricavi da questa operazione (che in parte si può definire di speculazione pubblica, almeno nelle intenzioni) la comunità cittadina o se al contrario non prevalgano gli aspetti negativi. A parte leffetto di cementificazione pesante in un luogo delicato della città ed il possibile aumento del consumo di suolo a seconda dellubicazione dei garage privati, non ben individuabili nella cartografia, i cittadini si vedrebbero privati di una vasta area di parcheggio in prossimità dellospedale, prevista dalle Norme dattuazione (Art. 44.03 Vs1= 4.200 mq, piazzale Cavalieri di Vittorio Veneto, in dismissione gratuita al Comune, con destinazione a verde (mq. 3.879) e parcheggi pubblici interrati e di superficie); la popolazione studentesca si troverebbe a frequentare la scuola in condizioni di maggior disagio e in parte costretta ad utilizzare sedi lontane (4 aule oggi sono in via Mazzini); la città perderebbe una importante testimonianza della propria storia (edificio ex-Ipi), recentemente valorizzata in un convegno organizzato nel 2015 dalla Provincia stessa.

Da queste considerazioni sono nate le nostre osservazioni alla Determina in oggetto, presentate il 10 agosto, che in sostanza richiamano:

1) la necessità da parte della Provincia di ottenere lautorizzazione preliminare dalla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Culturali del Piemonte che dovrà dare il suo parere secondo quanto previsto dalle leggi vigenti. Tale aspetto non è di poco conto dal momento che il decreto legislativo 22 gennaio 2004, prevede allart.12- comma 1-un procedimento ben specifico per la verifica dellinteresse culturale dei beni, opera di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga ad oltre cinquanta anni, se mobili, o ad oltre settanta anni, se immobili, di proprietà dello Stato, di Regioni, Province, Comuni, altri Enti pubblici e delle Persone giuridiche private senza scopi di lucro. Il termine di settanta anni è stato introdotto dallart.4- comma 16-del decreto legge n.70 del 2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n.106 del 2011, in sostituzione del precedente termine di cinquanta anni unico per beni mobili ed immobili;

2) lobbligo a che i parcheggi pubblici di pertinenza relativi ai circa 7.000 mq residenziali previsti con il nuovo intervento con circa 100 nuovi alloggi siano considerati come un sovraccarico urbanistico da aggiungere agli esistenti 200 parcheggi che sono indicati nelle tavole allegate al Pec come urbanizzazioni esistenti in gran parte a servizio degli utenti dellospedale S. Croce. Di conseguenza, considerato che larea diverrà di proprietà comunale, e la proposta del Pec prevede che lattuale piazza con 200 posti macchina sia trasformata in parte a zona parcheggio con soli 40 posti auto e la rimanente adibita a verde pubblico, ne conseguirà un grave danno per tutti i residenti e per tutti quelli che per accedere allospedale usano il parcheggio esistente;

3) lesigenza di una migliore e più dettagliata definizione delle destinazioni duso dei singoli piani dei due fabbricati in progetto, ivi comprese quelle dei piani sotterranei che non risultano indicate nelle planimetrie, così come non è individuata la posizione dei parcheggi privati di competenza di ciascun comparto edificatorio. Per non parlare della fantasiosa destinazione a cantine dei primi piani, che costituisce una curiosa soluzione, unica nel suo genere e non prevista dalle Norme dAttuazione.

Infine vogliamo sottolineare che non abbiamo voluto mantenere le nostre osservazioni nellambito dei rilievi critici, richiesti dalla formale procedura di accoglimento del Pec, ma abbiamo avanzato una precisa proposta volta a suggerire soluzioni innovative di sicuro interesse per la comunità cittadina ed in particolare per il mondo della scuola e della cultura. Al termine di una breve ma intensa fase di consultazione con operatori della scuola, dei beni culturali, delle professioni e con semplici cittadini competenti abbiamo elaborato questa proposta che presenta a nostro giudizio alcuni elementi qualificanti: riduce il numero degli abitanti insediati (circa 100 in meno rispetto ai 225 previsti), mantiene una volumetria edificatoria invariata, ma destinando 3000 mq a servizi scolastici sui 7200 mq complessivi, conserva lutilizzo a parcheggio gratuito dellintera piazza Cavalieri di Vittorio Veneto a servizio anche del vicino ospedale, ma soprattutto crea un polo scolastico unitario fruibile dalle scuole superiori di grande valore architettonico e funzionale, conservando e destinando a servizi scolastici ledificio ex-Ipi, testimonianza della diffusa architettura razionalista (della quale è espressione anche ledificio del liceo).

La soluzione viene incontro inoltre ad una crescente necessità di aule scolastiche da parte del liceo (che già aveva fatto richieste in tal senso) e di altri istituti. La connessione fra i due edifici vicini, la grande superficie utilizzabile nelledificio ex-Ipi, la disponibilità multifunzionale del piano seminterrato offre suggestioni che dovrebbero essere sviluppate in modo creativo per la migliore fruizione da parte di una vasta popolazione studentesca e dellintero Quartiere Cuneo Sud".

Riccardo Sartoris, presidente del Movimento Consumatori sezione di Cuneo

Ugo Sturlese, consigliere comunale del gruppo "Cuneo per i beni comuni"

----------------------------------------------------------------------------

Leggiamo tra l'altro nel documento allegato inviato al sindaco:

"Un'amministrazione pubblica quale è la Provincia dovrebbe dare lesempio nel recuperare, valorizzare e ristrutturare il proprio patrimonio architettonico-ambientale e culturale esistente e quindi non è accettabile che la proposta del Pec possa diventare attuativa non tenendo in considerazione la presenza dei licei classico e scientifico che si affacciano su via Monte Zovetto, considerando che i fabbricati in progetto, con la loro altezza di 6 piani f.t.+ attico e con il loro volume, incideranno in modo negativo sulla vivibilità delliter scolastico degli alunni e dei docenti e, conseguentemente, le aule avranno una ridotta luminosità rispetto a quella esistente con il prospiciente fabbricato ex Ipi di altezza di 3 piani f.t.

Ne consegue che la Provincia avrebbe dovuto tenere conto che attualmente i licei classico e scientifico ed altre scuole affittano, per mancanza di aule e spazi adeguati, provvisoriamente altri locali dislocati in varie zone della città e perciò, a maggior ragione, si ritiene utile e vantaggioso per la città ed i cittadini riutilizzare, recuperare, ristrutturare e valorizzare il fabbricato esistente ex-Ipi che dispone di circa 3000 mq. di Sul suddivisa nei tre piani f.t. ed altri circa 1000 mq. al piano interrato, che collegati ed integrati alla struttura liceale esistente potrebbero creare un unico ed irripetibile complesso scolastico centrale e funzionale.

Per quanto riguarda la monetizzazione da realizzare con la costruzione della Sul residenziale e terziaria da realizzare, considerato che la Provincia può disporre di una quota di competenza di Sul pari a 5.100 mq e la differenza dei rimanenti 2100 mq di nuova costruzione potrebbe essere individuata con un unico fabbricato disposto lungo la via Quintino Sella con laggiunta della quota di competenza della società di mq. 2.100 mq, per un totale di Sul complessiva mq. 4200 per i due comparti edificatori, con minor consumo del suolo e con la possibilità di realizzare i parcheggi pubblici nellarea di pertinenza dei comparti edificatori in modo da evitare la riduzione del parcheggio pubblico esistente nel piazzale Cavalieri di Vittorio Veneto.

Concludendo i sottoscritti ritengono che nellattuazione della proposta del Piano Esecutivo Convenzionato (Pec) non siano rispettati i principi fondamentali dettati dalla legge 241/1990 e che devono guidare lazione della pubblica amministrazione: legalità, economicità, efficacia ed efficienza, pubblicità e trasparenza".



news

17-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 17 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news