LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Centro Italia. Terremoto, due anni dopo 2mila cantieri ma la strada è lunga
Alessia Guerrieri
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/terremoto-2mila-cantieri-ma-la-strada-e-lunga

La speranza, in questo secondo anno dopo il sisma del 2016 nel centro Italia, sta proprio nella frase scelta per la fiaccolata che ieri notte ha portato di nuovo la luce nella frazione di Pescara del Tronto, nellascolano, a cui ha partecipato anche il premier Giuseppe Conte: E guarderemo ancora brillare le stelle in una notte dagosto. Sì perché se il primo anno dopo il sisma scorreva ancora ladrenalina e lillusione che tutto potesse essere ricostruito in fretta, in questo secondo anno ha lasciato spazio alla consapevolezza che ci vorrà tempo. Tanto tempo, per far rinascere completamente i borghi dellAppennino colpiti dai terremoti che nella seconda metà del 2016 hanno colpito quattro regioni. Ma nel frattempo le parole dordine restano: essere uniti e avere fiducia.
Fiducia in quelle istituzioni che, pur tra tante complicazioni e intoppi, hanno impegnato finora nella ricostruzione 252 milioni di euro di cui 190 nella ricostruzione pubblica (27 milioni nei beni culturali, 12 milioni nelle caserme, 47 milioni nelle opere di urbanizzazione, 50 milioni nelle opere pubbliche, 28 milioni per il dissesto e 20 per le scuole). Certo il colpo docchio scorrendo la via Salaria da Rieti fino ad Ascoli Piceno non fa intravedere che pochi segni di cambiamento (a parte lasfalto e i villaggi Sae nati ai suoi lati per ospitare gli sfollati): le macerie sono ancora lì e di notte ben poche luci si vedono nelle case. Eppure nellultimo anno sono state rimosse più 150mila tonnellate di macerie (un terzo solo tra Amatrice e Accumoli) e sono stati demoliti 602 edifici pericolanti. Non pochi, ma non abbastanza in un territorio immerso tra gole e montagne per far intravedere, volgendo lo sguardo al panorama, anche i piccoli segnali di rinascita.
La macchina è partita, ora ci vuole lumiltà di mantenere la ricostruzione come priorità, non si stanca di ripetere la commissaria per la ricostruzione Paola De Micheli (Pd) senza nascondere i problemi enormi ancora da risolvere, le procedure per la ricostruzione pubblica che possono essere ancora accelerate, accanto a risolvere le difformità interne nel territorio tuttora presenti. Lobiettivo tuttavia adesso è dare uniniezione di fiducia ai cittadini continua per convincerli a fidarsi ancora dello Stato, perché la ricostruzione si può fare. Si deve fare. Il segnale più importante, per lei che ieri ha inaugurato la nuova scuola definitiva a Leonessa (Ri), sono i 2mila cantieri già avviati e le 402 famiglie tornate nelle loro case ricostruite spiega il mio compito è stato piantare delle gru, il simbolo più evidente di una rinascita avviata. Sicuramente si poteva fare meglio e più in fretta, ma ce labbiamo messa tutta con i sindaci per rispondere a questa sfida per il Paese.
Anche limpegno per i beni ecclesiastici, sempre al netto di una serie dinciampi lungo il percorso di applicazione delle procedure, è importante: 15,5 milioni di euro finanziati dagli uffici regionali per la ricostruzione e altri 145 milioni inseriti nelle tre ordinanze relative alle chiese (n.23, 32 e 38). Purtroppo, però, molti cantieri sono partiti solo da alcune settimane. Si procede a rilento anche sul fronte della ricostruzione privata, con appena 476 domande presentate (per un impegno di spesa di 52 milioni) e 173 cantieri aperti. Siamo passati da 10 domande al mese a 60-70 a settimana continua il commissario De Micheli, che finirà il suo mandato l11 settembre se si continua con questo trend in autunno vedremo davvero la differenza. E le tante macerie ancora a terra? Quelle pubbliche sono state totalmente rimosse precisa quelle private non possono, per legge, essere toccate prima che i proprietari presentino le domande di ricostruzione. Ecco perché dico ai cittadini: abbiate fiducia nello Stato e consegnate le pratiche.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news