LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ragusa. Il Castello di Donnafugata ancora attrattore turistico del territorio ragusano
Cesare Pluchino
http://www.giornaleibleo.it/2018/08/il-castello-di-donnafugata-ancora-attrattore-turistico-del-terri

Dobbiamo ammettere che non abbiamo mai condiviso ciecamente le politiche dellex Sindaco Piccitto relative al Castello di Donnafugata.
Abbiamo sempre considerato la dimora di campagna del Barone Arezzo una sorta di bene secondario del turismo cittadino, che viene dopo il mare, il contesto UNESCO, il patrimonio artistico-architettonico, il patrimonio naturalistico-ambientale, il patrimonio enogastronomico, priva, comè, di particolari opere darte, di arredi di pregio, in grado di offrire solo segni dellopulenza che regnava, due secoli prima, nel maniero.
Con i suoi giardini alla francese e i divertissement che sono disseminati allinterno del parco, non è altro che un datato luna park, buono per attirare visitatori senza particolari esigenze culturali, amanti del bello di epoche passate, nostalgici di un tempo che fu.
Si deve alla caparbietà di Federico Piccitto e alla sua ferma convinzione di riuscire a fare del Castello il punto di riferimento del turismo locale, il possedere un attrattore turistico che è in grado di macinare presenze e produrre introiti non indifferenti.
La scelta di acquistare una collezione di abiti depoca e valorizzarla allinterno del Castello, con lallestimento di un Museo dedicato, i cui lavori sono in fase di ultimazione, ha definito un percorso di strategia turistica-culturale di estremo interesse.
Il lavoro del sindaco Piccitto non è stato inficiato da criticità, derivanti in buona parte da limitazioni di bilancio, che, se risolte, potrebbero accrescere, di molto, le potenzialità del Castello e di tutto il sito.
Sin dai tempi del primo restauro, da quando la proprietà passò in mano pubblica, ci sono da restaurare e aprire al pubblico circa un centinaio di stanze e locali vari, ancorché spogliati, nel tempo, di arredi e suppellettili, cè da salvare il grande parco, praticamente lasciato in abbandono, cè da rendere fruibile, almeno agli studiosi, la ricca biblioteca.
Una grande eredità, sospesa tra beni culturali e turismo, che sarà ulteriormente valorizzata dallapertura del Museo, che passa allamministrazione Cassì con tutto il corredo di opere da completare, di flussi di visitatori e di grandi potenzialità inespresse.
Nella settimana del ferragosto, appena passata, si è anche avuta la visita, in forma strettamente privata, del Presidente della Regione Musumeci che ha mostrato di apprezzare il Castello e le sue attrazioni.
I nuovi amministratori stanno apprezzando un interesse costante del pubblico che, nel mese di agosto, ha fatto registrare la presenza, fino al giorno 22, di ben 14.000 visitatori, con una crescita, rispetto allo stesso periodo dellanno precedente, del 10%.
I dati sono stati forniti dalla responsabile del personale in servizio presso lantico maniero di proprietà comunale, Daniela Sgarioto. Nellultimo giorno di rilevazione, il 22 agosto, registrati 1.811 ingressi.
E stato il consulente del sindaco Cassì, per turismo e spettacolo, Ciccio Barone, a evidenziare, per primo, su facebook, il grande flusso di pubblico nella mattinata, appunto, del giorno 22, una foto che mostra una fila di turisti in attesa di varcare la soglia del maniero, per un post con il quale Barone ha sentito lesigenza di ringraziare il personale dipendente del Comune che, anche nel pieno della stagione estiva, garantisce lefficienza della macchina che fa funzionare questa attrazione.
Per buona parte, è un turismo che produce benefici effetti economici solo per il Castello e per i pochi servizi di ristorazione del posto, ma un ottimo propedeutico per strategie mirate a coordinare politiche di marketing per il territorio, finora ignorate per la crescita e lo sviluppo.

Il sindaco Cassì, che detiene la delega alla cultura e ai beni culturali e, quindi, è direttamente investito delle problematiche del Castello, considera lo stesso un bene monumentale prezioso che, assieme alle strutture museali presenti in città ed al ricco patrimonio darte barocca, svolge un importante ruolo di attrattore per il mercato turistico, anche internazionale.
Molto confortanti le prime dichiarazioni ufficiali del primo cittadino sul Castello: E chiaro che dobbiamo continuare a lavorare per mantenere in perfetto stato i nostri giacimenti culturali e promuovere anche nuove iniziative, come mostre, eventi e spettacoli di un certo rilievo, che suscitino linteresse per il nostro territorio dei grandi flussi turistici.

Lunedì 27 agosto, intanto, si apre la manifestazione Notti al Castello che, fino al 9 settembre, dalle ore 21 alluna vedrà una serie di intrattenenti culturali.
Nelle giornate indicate, levento Notti al Castello, una proposta, la cui formula era stata già positivamente sperimentata dalloperatore culturale Amedeo Fusco, che ha suggerito al Comune di organizzare a Donnafugata diversi spettacoli serali.
Verranno proposti concerti di musica classica e folk, spettacoli teatrali, di danza e dei cantastorie.
Previsto un ticket dingresso di 6 euro.



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news