LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Luciana Arbace: "Con San Martino nel cuore"
STELLA CERVASIO
http://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/08/24/news/luciana_arbace_con_san_martino_nel_cuore_-204802

Un virus - la storia dellarte contratto al tempo del liceo. Una passione favorita dallessere isolana della Capri che ha attirato artisti da sempre. E tanto viaggiare. Non su lunghe distanze, ma in una giornata sono arrivata ad andare in due diverse città abruzzesi e da lì a Roma, poi a Napoli e infine a Capri. Una soprintendente - ora si dice direttrice - in moto perpetuo. Il vero nome di Luciana Arbace è Lucia, ed è così che la conoscono, la chiamano e la amano gli abruzzesi dove dirige il Polo museale regionale. A Napoli e nella sua Capri, per i vecchi amici con i quali ama giocare a burraco e a scopone (di cui è campionessa) e i colleghi di un tempo, resta Luciana. Quasi fosse unaltra persona da quella che lavorava nella Reggia di Capodimonte.
Sono stata battezzata con il nome della mia nonna paterna Lucia Orsi, precocemente scomparsa dopo 13 gravidanze. Ma a mia madre questo nome non piaceva. Ho scoperto di chiamarmi Lucia quando sono andata a scuola. Larte me la fece amare Teodoro Fittipaldi, un mio insegnante del liceo classico Virgilio Marone che aveva sede nella Certosa di Capri. Lo ritrovai poi da funzionaria della soprintendenza di Napoli come direttore del Museo di San Martino.


Quale periodo dellarte la folgorò?
Durante una gita scolastica a Ravenna, mi innamorai dei mosaici. Mi sono laureata allOrientale con Francesco Abate, lultimo allievo di Roberto Longhi, con una tesi su La fabbrica chiaiese, la maiolica nel Regno di Napoli nel 700.

Ovvero il pavimento della chiesa di San Michele ad Anacapri, quella meraviglia di paradiso terrestre grandezza naturale con tutti gli animali?
Il progetto non era, come si pensava, di Solimena ma di un artista locale. Poco dopo mi aprì le porte la soprintendenza di Napoli guidata dal grande Raffaello Causa.

La sua prima mostra?
La commissionò lui a me e ad altri colleghi: Limmagine di Capri si inaugurò alla Certosa nel 1980 e fu visitata con mia grande soddisfazione anche da Roberto Pane, grande studioso di architettura e di Napoli.

Pochi mesi dopo arrivò il terremoto dellIrpinia.
Fu la prima esperienza tra le macerie.

Lei ha fatto parte anche del gruppo che curò la celebre mostra Civiltà del Seicento.
Nellottobre 1984 Raffaello Causa morì, avemmo un senso di grande solitudine. Mi dedicai allo studio delle maioliche.

Lei ha curato la tutela del patrimonio sul territorio in luoghi delicati, come per esempio le chiese. Qual è stato il lavoro più interessante?
La direzione del restauro del pavimento maiolicato di San Giovanni a Carbonara.

La tutela del patrimonio si fa anche sui monumenti per strada. E qui non sempre la cittadinanza è daccordo con le decisioni del tecnico, vero?
Invece io, che nel 2002 sono passata a Palazzo Reale, ho lavorato a un progetto che mi ha molto gratificato: i lavori di restyling di una guglia in piperno a Materdei dove risistemammo la statua di una Madonna che ho attribuito a Domenico Gagini. Loriginale è nel Museo di Castelnuovo, lì abbiamo messo una copia perché la statua era in pessime condizioni prima del restauro. La popolazione festeggiò il suo ritorno. Fui molto attenta a non metterci vasche o dissuasori, ma soprattutto piante e panchine. Apprezzarono.

Storici dellarte che stima, dai quali ha appreso e di cui è amica?
Giovanni Previtali, Federico Zeri, Giuliano Briganti, Enrico Castelnuovo tutti purtroppo scomparsi.Con Alvar Gonzales Palacios cè un rapporto di reciproca stima dal 1978.

Come è diventata direttrice?
Il lavoro molto formativo con il soprintendente Enrico Guglielmo a Palazzo Reale mi spinse a partecipare al concorso per dirigente nel 2006: risultai tra gli undici vincitori.

Destinazione?
La Sardegna, una nuova avventura: lisola della Maddalena doveva ospitare il G8 e mi sono ritrovata anche direttrice della casa di Garibaldi a Caprera.

Quanto è rimasta?
Un anno e qualche mese. La soprintendenza era stata appena istituita. Ricordo il clima non sempre felice delle riunioni sindacali, le difficoltà a tenere aperta la casa dellEroe dei due mondi con pochissimo personale.

Quale fu la soluzione?
Venti ex dipendenti della Nato che si era trasferita dalla Maddalena furono assegnati alla Casa di Garibaldi. Da isolana io in Sardegna ho lasciato un pezzettino di cuore. Conservo ancora amicizie preziose come quella con Chiara Vigo, che con il bisso - il filamento delle cozze - fa ricami stupendi e corde per strumenti musicali.

Lei divenne soprintendente allAquila cinque mesi dopo il terremoto del 2009. Come andò?
Il primo inverno fu davvero duro, a un certo punto pensai di andarmene. LAquila non era terremotata, era bombardata. Mi dedicai al rilancio della casa di DAnnunzio a Pescara, lunico museo che avevo trovato aperto. AllAquila curai poi importanti restauri, come quello del soffitto della basilica di San Bernardino.

Diceva prima, il viaggio. Che cosa le suggerisce?
Ho sempre amato viaggiare, lho ereditato da mio nonno che si occupava dei rifornimenti delle grandi navi che facevano rotta per il Nord America. Mi piace il tempo del viaggio verso lAbruzzo: il senso dello spazio, i paesi che appaiono e scompaiono, si percepisce la grandezza della natura, come nei quadri di Filippo Palizzi, di cui sto preparando una grande mostra a Danzica nel 2019. Dopo farà tappa a Sulmona.

E dopo aver curato larte altrui, come è il rapporto con Napoli città darte?
È sempre un grande amore. Anche se mi dispiace vedere la città ormai occupata da una frequentazione turistica troppo superficiale. È bello vedere tanta gente, ma sarebbe ancora più piacevole e positivo sapere che queste persone riescono a cogliere lessenza vera di Napoli.

Quale luogo consiglierebbe a un turista?
Il Museo di San Martino e Castel SantElmo per capire da una parte la storia della città e dallaltro la bellezza della forma urbis che si abbraccia dalla Loggia del Priore di San Martino.

Ci racconti un suo progetto e una preoccupazione sulla tutela dei beni darte napoletani.
Auspicherei una rete che colleghi Napoli alle esperienze culturali di tutto il Sud le quali rappresentano semi che possono produrre un eccezionale raccolto. Cè tanta voglia di riscatto in giro ma occorre favorire processi verso unoccupazione stabile e qualificata professionalmente. Il mio sogno è ricalcare le orme di Raffaello Causa che garantì lavoro a oltre 150 giovani. Ne vorrei altrettanti all opera nei musei d Abruzzo. A Napoli in questo momento mi preoccupano le condizioni dellArco di Castenuovo. Ogni volta che ci passo davanti vedo che stanno proliferando le piante infestanti, dopo la manutenzione e le indagini del 2003.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news