LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assalto alle Mura: i turisti ignorano divieti e cartelli di pericolo
Fabrizio Vincenti
La Nazione - Lucca 23/8/2018

E fuori pericolo il bimbo francese di 6 anni caduto in bici martedì dalle Mura. I medici del Meyer hanno sciolto la prognosi e il piccolo per ora resta ricoverato in chirurgia. Ma intanto è polemica anche sullapproccio disinvolto dei turisti al monumento cittadino.

Trenta e zero. Segnatevi questi due numeri. Trenta sono i cartelli che lOpera delle Mura ha apposto praticamente su tutti le salite e camminamenti di accesso al principale monumento cittadino che segnalano la presenza di banchine prive di protezione con pericolo di caduta. E vietato salire sui parapetti. E vietato campeggiare e accendere fuochi. Biciclette a velocità moderata. Sanzioni per i trasgressori, vi si legge in italiano, inglese, tedesco, spagnolo e francese. E zero? Zero è il numero di persone che notano e leggono i cartelli. Basta un sopralluogo per rendersene conto. Gli avvisi piazzati ad ogni salita, per quanto costituiscano un indubbio monito e una cautela legale, restano lettera morta. I turisti salgono a tutte le ore e nemmeno si accorgono dei cartelli. Peraltro poco incisivi: il segnale di pericolo ha circa le dimensioni del logo del Comune e dellOpera delle Mura. Risultato: il turista, non guarda e passa oltre. Ha altro da fare. Magari consultare la guida o il cellulare.

I cartelli mancano invece allaltezza dei parapetti, dove forse lindicazione del pericolo sarebbe maggiormente utile. Ma accanto alla questione della cartellonistica, che sta scivolando in una vicenda giudiziaria, in linea con le consolidate usanze nazionali, la vicenda del recente ferimento di due turisti francesi sulle Mura fa tornare alla ribalta il problema centrale: chi viene in città, o almeno una parte di essi, pensa di essere capitato in una sorta di luogo incantato dove il pericolo non esiste? Sembrerebbe così. Basta vedere quanti si spenzolano impunemente con le gambe nel vuoto dalle cortine e dai baluardi. O lasciano tranquillamente correre i figli minorenni sul parapetto delle Mura. O, ancora, come nella giornata di ieri, si improvvisano alpinisti che, con tanto di bacchette, provano a scendere dalle Mura da un dirupo anziché dal camminamento nei pressi di via dei Bacchettoni. Storie di ordinaria Disneyland lucchese. Fino alla prossima sirena dellambulanza.

La moda più pericolosa, che se ne frega allegrtamente dei cartelli di divieto e di ogni avviso sui pericoli, è quella di salire sui parapetti delle Mura urbane per scattare foto panoramiche o più spesso dei selfie. In particolare sono turisti italiani e stranieri che non esitano in alcuni casi ad esporre a rischi assurdi anche i bambini, lasciati liberi di arrampicarsi sui parapetti con lo strapiombo sottostante di dieci metri.

La tipologia del turista o visitatore occasionale delle Mura vede in evidenza anche lo sportivo, che ritiene simpatico e audace calarsi giù per i baluardi o i terrapieni delle cortine alberate del monumento nei punti più critici.
Come evidenzia anche queasta foto inviataci da un lettore, cè perfino chi scende da punti impervi e pericolosi con lutilizzo di bastoni da trekking.

Non mancano purtroppo i comportamenti che mettono a repentaglio anche lincolumità dei passanti. E il caso delluso un po troppo disinvolto e spavaldo che molti turisti fanno dei risciò. In alcuni casi (come quello documentato dalla foto inviataci da Viviano Borelli) si assiste a vere e proprie gare di velocità sulle Mura con esiti fantozziani e disastrosi: cadute rovinose e persone ferite. Il Comune annuncia un giro di vite sulle zone per i risciò.

https://www.lanazione.it/lucca/cronaca/mura-turismo-1.4103518


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news