LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dentro le pagine dell’Archivio Vasari conteso tra gli eredi e lo Stato
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 25/8/2018

L’arte, i segreti, il potere del ’500 fiorentino. Tra le righe di Vasari
Le lettere con Cosimo I, Michelangelo e i grandi del tempo

Il 26 dicembre del 1556 Giorgio Vasari decise di passare alla vie di fatto: prese il pennino e informò il suo duca, tramite lettera, dell’impossibilità di ultimare l’affresco nella Sala di Clemente VII in Palazzo Vecchio (oggi è lo studio del sindaco di Firenze), nella scena delle nozze tra Caterina de’ Medici ed Enrico II di Francia.

Doveva essere un cronista pignolo se lo stallo del suo lavoro, che poi avrebbe completato, era dovuto al fatto che nessuno lo aveva informato per bene su come fosse avvenuto lo scambio degli anelli tra i due sposi, se in chiesa o in una stanza. E lui, senza questa informazione non ci pensava neanche a procedere di fantasia. La sua perplessità si evince da un brano di una lettera dell’artista di corte a Cosimo I, una di quelle che compone la collezione di documenti dell’Archivio Vasari di Arezzo, da anni oggetto di un contenzioso legale tra gli eredi, i conti Festari, e lo Stato.

In questo brano (Lettera 2 carte 6 e 7) si legge: Gli è ben vero, che io non posso finire, né fermare l’istoria dello sposalizio di Marsilia per la reina, non avendo io trovato nessuno che si ricordi del dar’ dello anello: se fu in chiesa, o se fu inn camera; o se ‘l papa cantò la messa; o se tenne di mano lui. Che questo sapendolo Vostra Eccellenza, overo se ‘l cavalier Rosso, che allora era col cardinal de’ Medici a far delle piacevolezze e trattenere tanti signori, lo poteria sapere, che sendo costì, Vostra Eccellenza gli poterà comettere, che mi distenda con duo righe di parole cotesto, ordine. Se fa o banchetto o nozze? Ma particularmente l’atto dello anello, e chi vi fu presente?.. .

Cosimo e Giorgio si scambiarono una corrispondenza fittissima, in generale relativa ai tanti lavori commissionati dal signore dei Medici all’architetto, pittore e biografo che in quegli anni a Firenze viveva a stretto contatto con la ricchissima corte.

Ma non sono solo le missive tra questi due grandi protagonisti del Rinascimento a formare la copiosa raccolta di documenti, che noi abbiamo potuto vedere nella loro interezza: racchiusi in 31 unità tra filze e buste numerate originariamente dall’erede Conte Rasponi-Spinelli, contengono oltre 6.500 carte. Fu lo storico Giovanni Poggi, allora direttore del museo del Bargello a individuare l’Archivio nel 1908, nel Palazzo Rasponi Spinelli, in via dei Benci 2, a Firenze, quando ormai se ne erano perse le tracce e il suo annuncio fece scalpore, tanto il Corriere della sera scrisse che «era riemerso dal buio un lembo del secolo d’oro». Notificato nel 1917 fu consegnato dal conte Luciano Rasponi-Spinelli, nel 1921, in deposito al Comune di Arezzo, con la clausola «che esso dovesse essere adeguatamente conservato nella casa di Vasari», da poco adattata a Museo. Tutto tranne tre filze di documenti spostate in una casa di famiglia, a Murlo, dove negli anni ’80 i Festari avrebbero subito un furto.

Ma queste sono vicende che attengono alla lunga querelle giudiziaria che oggi registra un atto di esproprio da parte dello Stato divenuto esecutivo lo scorso aprile, di un ricorso al Tar da parte degli eredi e della nomina di vari periti per valutarne il valore commerciale. Quello documentario è straordinario se è vero che, grazie al lavoro di digitalizzazione e trascrizione portato avanti dalla Soprintendenza Archivistica della Toscana oggi siamo a conoscenza di quanto custodisce. Una miniera pazzesca di idee, curiosità, notizie che si aggiunge a quanto già conosciuto e custodito all’Archivio di Stato di Firenze. Una parte cospicua contiene notizie relative all’amministrazione delle proprietà dell’artista. Un’altra raccoglie la corrispondenza che lui ebbe con varie personalità dell’epoca: Cosimo I e Francesco de’ Medici, cardinali, alti prelati e religiosi (Monsignor Sangalletti, segretario di papa Pio V, padre Miniato Pitti…), letterati e artisti (Annibal Caro, Pietro Vettori…) e soprattutto Michelangelo Buonarroti di cui sono conservate 17 lettere. Non basta: c’è la corrispondenza con Vincenzo Borghini e soprattutto ci sono il libro delle Ricordanze di Giorgio Vasari, e il suo Zibaldone , in cui sono descritte invenzioni per le sue opere pittoriche, architettoniche ed apparati scenici, di mano sua e di altri. Elenco non esaustivo questo ma che rende l’idea di cosa ci sia in ballo in questa lunga contesa giudiziaria.

E che, per esempio, risulta di inestimabile valore laddove nel carteggio tra Vasari e Michelangelo ci si imbatte in un disegno autografo del Buonarroti per la realizzazione per la cupola della Cappella del Re di Francia in San Pietro. A corredo di questo disegno, (chi ha buona memoria ricorderà che era già stato esposto nel 2016 alla mostra sulla corrispondenza tra Michelangelo e Vasari a Palazzo Medici Riccardi) Michelangelo informava (era l’1 luglio del 1507) Vasari di un suo errore nella progettazione di una centina della cupola (Lettera 15, carta 23). La centina, segniata di rosso la prese il capo maestro in sul corpo di tucta la volta; dipoi, come si cominciò a pressare al mezzo tondo, che è nel colmo di decta volta, s’acorse dell’errore che facea decta centina, come si vede qui nel disegnio: ché con una centina sola si governava, dove hanno a essere infinite, come son qui nel disegnio le segniate di nero. Con questo errore è ita la volta tanto inanzi, che e’ s’ha a disfare un gran numero di pietre, perché in decta volta non ci va nulla di muro, ma tucto trevertino; e ‘l diamitro de’ tondi , senza la cornice che gli recignie, è ventidua. Questo errore, avendo il modello facto apunto, com io fo dogni cosa, [ma] è stato per non vi potere andare spesso per la vechieza. E dove io credecti, che ora fussi finita decta volta, non sarà finita in tucto questo verno; e se si potessi morire di vergognia e dolore, io non sarei vivo.

È sempre grazie a una lettera di Michelangelo a Vasari del 19 settembre del 1554 che conosciamo il suo celebre sonetto Giunto è già il corso della vita mia (Lettera 5, carte 9-10). Ma se di questo carteggio già s’è detto grazie a quella mostra nulla o poco si sa di quelle frequentissime epistole tra Cosimo e Giorgio, interessanti perché danno notizie storiche, ci informano su usi e costumi del tempo, ci aprono una porta d’accesso per comprendere l’arte dell’aretino.

Numerosissime sono le lettere con cui lo stesso Vasari informa il duca Cosimo I sullo stato dei lavori degli Uffizi costruiti tra il 1559 e 1582. Il 12 settembre 1560, a lavori appena iniziati dunque, Vasari per esempio scriveva (Lettera 7, carte 15 e 16) I l secondo fondamento della fabrica de’ Magistrati di verso la Zeca è tutto ripieno di ghiaia e calcina; e vanno preparando da questa banda fare il secondo fondamento. Dirinpetto quegli da San Piero Scheraggio hanno l’altro fondamento cominciato, tutti e’ vanno seguitando, ché fino a ora hanno auto che fare per rovinar le case . È evidente che siamo alle battute iniziali di quel grandioso cantiere che avrebbe dato vita alla fabbrica dei Magistrati.

Estremamente istruttiva per chi volesse conoscere il peso politico raggiunto dal Vasari alla corte medicea è uno scritto (Lettera 8, carte 18 e 19) in cui l’artista, per il governo dell’Opera di Santa Maria del Fiore, raccomanda caldamente al duca Cosimo l’amico Carlo Ghelardi. Vi si legge infatti: Mi è parso di mettere innanzi a Quella ser Carlo Gherardi, procuratore alla Mercatanzia; il quale ho inteso che altra volta suplicò per il medesimo a Vostra Eccellenza Illustrissima e perché lo conosco per questo di giudizio e sufizientissimo e molto servitore di Vostra Eccellenza di fede e di bontà e serventissimo per i suoi ministri a corte e diligente (che è tutto quel che ha bisognio quel luogo), volentieri lo metto innanzi e lo raccomando a Vostra Eccellenza Illustrissima per benefizio dell’Opera .

Le pressioni sulle «nomine giuste» di Vasari a Cosimo sono tante. La lettera 12, carte 25 e 32 - del 31 marzo 1561 parla della fabbrica degli Uffizi e del nome del possibile Provveditore Generale relativamente alla fabbrica. Ci resta solo, che Vostra Eccellenza con quel modo che più gli parrà a proposito, consideri alla elezione del proveditor generale, e sebene io ragionai a Quella di Bernardo Puccini e di Tanai de’ Medici, Vi propongo ancora Pier Covoni e Antonio Miniati, che ogniuno saria il caso...». Vasari, a quei tempi, era un vera potenza.

Sono gustosi, però, anche i contenuti di quelle scritte a Vasari da Cosimo I: nella lettera 25, carte 49-50, del 10 novembre 1561 a proposito di querelle intorno alla fabbrica degli Uffizi Cosimo descrive in modo eccellente l’attitudine tutta fiorentina alle eterne diatribe. Vi si legge infatti: Quanto alla fabbrica de Magistrati e della freddezza de Proveditori e altri umori loro, non intendiamo quel che voi vi vogliate dire, ché, come l’averemo inteso, vi risponderemo, e ricordatevi, che gli Fiorentini combattono sempre insieme; e che sendo voi Aretino e non Fiorentino, non entriate nelle brighe loro, e che Noi non potemmo mai accozzare duoi Fiorentini insieme che fussino d’accordo .




news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news