LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Foto e mi piace. Il turismo trainato dai social
Matteo Castellucci
Corriere della Sera - Bergamo 26/8/2018

Il record di Visit Bergamo: 96 mila utenti

Nei reami paralleli di internet, rinunciare a farsi pubblicità vuol dire cessare desistere. Come per lerba del proverbio, gli abitanti tendono a sottovalutare il potenziale in questo caso turistico di casa propria. In realtà, il giardino è decisamente rigoglioso: i fan catalizzati sui social networkdalla provincia e dal capoluogo sono parecchi, abbastanza per popolare da capo unaltra città. Certo, non tutti i like si traducono automaticamente in prenotazioni, però il fenomeno è indicativo del cambio di paradigma. I numeri restano un indice del fascino che una terra si scopre nel tempo capace di esercitare. E in quanto a cifre, Bergamo primeggia in Lombardia. È Facebook la piazza virtuale più affollata: ogni mese si collegano più di 30 milioni di italiani, cioè metà della popolazione (neonati inclusi).
Qui la vetrina più ammirata risulta quella di Visit Bergamo, declinazione dellagenzia provinciale fondata nel 2001. Il profilo ha quasi 96 mila seguaci. Il dato basta per battere la concorrenza delle altre città e degli altri territori della Lombardia, anche se apparentemente più blasonati. Se con Brescia il derby, sentito, è vinto ai punti (Visit Brescia ha 93 mila follower), lomologo meneghino (YesMilano, 67 mila) boccheggia e prende un bel distacco. Insomma, Bergamo è Regina delle provinciali nel turismo, così come lAtalanta nel calcio: Pavia, per fare un esempio, è ferma a quota 6 mila.

Non solo campanilismo. Visit Bergamo che su Twitter ha pure versioni in inglese, russo, spagnolo, francese e tedesco macina contatti attraverso i contenuti che pubblica (in media due volte al giorno). Ricondivide, accompagnandole con didascalie accattivanti, le foto scattate dagli utenti, sia turisti sia bergamaschi, e segnalate dallhashtag #visitbergamo. Amatoriali o più studiate, quelle immagini compongono una galleria di luoghi e luci mozzafiato, tanto che alla prima impressione si fatica a capacitarsi che ritraggano scorci sparsi nella provincia. Dalla purezza delle montagne, dove respirano tinte verdi, alle sfumature dei tramonti, modulate da filtri e postproduzione. Dalle cascate dirompenti alla placidità smeraldina delle onde del Sebino. E ogni volta, assieme a unincetta di mi piace, si incolonnano i commenti, catalogabili in due tipologie: la nostalgia di chi cè stato, lo stupore di chi si appunta quella località sulla lista dei desiderata. Visit Bergamo non è lunico profilo della città ad animare il panorama: Fondazione Donizetti, Accademia Carrara e Università stanno ormai consolidando i loro presìdi.

Sposandosi su Instagram, il social dedicato alle fotografie virali fra i giovani, ci si accorge che i profili più popolari, oltre al solito Visit Bergamo, non originano da istituzioni o enti ufficiali. È un sottobosco a carattere spontaneo: qualcuno, senza fini pubblicitari immediati, ha messo Bergamo al centro della propria comunicazione. Cè la community dal basso degli igers, che raduna gli appassionati della piattaforma. Al primo posto cè bergamocityitaly (31 mila follower), seguita da exploringbergamo (oltre 26 mila). La ricetta è quella: un inventario di paesaggi, a volte gli stessi, setacciati nella mole di foto messe online dalle persone. E non sono pochi: sotto letichetta #bergamo, sono classificati 1,277 milioni di post. Se si considera che il social è stato fondato nel 2010 (anche se è esploso dopo il 2012), significa una media di 159 mila foto allanno, 437 al giorno e 18 ogni ora. Nel tour virtuale impazzano angoli di Città Alta (che su Facebook aveva 55,9 mila fan a una pagina non più attiva risalente a Bergamo Turismo). Non a caso, si chiama bergamowalls (9 mila follower) uno degli account emergenti: ha per tema la valorizzazione di quanto è racchiuso nellabbraccio delle Mura, rivendicate come Patrimonio dellUmanità.

Se la durata media dei pernottamenti (1,9 giorni) resta al di sotto della media regionale, rispetto al 2016 i soggiorni si sono impennati: +20%, da 600 a 720 mila. Rileggendo questi dati di luglio sotto la lente dei social, forse, si inquadra un cambio di pelle, turistico, a tratti macroscopico. LUnesco ha aiutato. A giugno, il tasso di occupazione degli alberghi era fra i migliori dItalia secondo lItalian Hotel Monitor: 77,9%, al di sotto di città star come Napoli (82), Firenze (81,7) e Roma (80,9). Il prezzo medio di una camera in un 4 stelle, però, è contenuto: 91 euro, da media classifica. Una statistica non basta per inquadrare una tendenza ancora in evoluzione; le code alla stazione della Funicolare o gli assembramenti alle fermate del bus in centro suffragano la metamorfosi. Linizio di una nomea. Nel mondo? Per adesso cè lemisfero digitale: nellimpero dei social network, i sette colli di Bergamo non sono più periferia.




news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news