LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bergamo. Foto e mi piace. Il turismo trainato dai social
Matteo Castellucci
Corriere della Sera - Bergamo 26/8/2018

Il record di Visit Bergamo: 96 mila utenti

Nei reami paralleli di internet, rinunciare a farsi pubblicità vuol dire cessare desistere. Come per lerba del proverbio, gli abitanti tendono a sottovalutare il potenziale in questo caso turistico di casa propria. In realtà, il giardino è decisamente rigoglioso: i fan catalizzati sui social networkdalla provincia e dal capoluogo sono parecchi, abbastanza per popolare da capo unaltra città. Certo, non tutti i like si traducono automaticamente in prenotazioni, però il fenomeno è indicativo del cambio di paradigma. I numeri restano un indice del fascino che una terra si scopre nel tempo capace di esercitare. E in quanto a cifre, Bergamo primeggia in Lombardia. È Facebook la piazza virtuale più affollata: ogni mese si collegano più di 30 milioni di italiani, cioè metà della popolazione (neonati inclusi).
Qui la vetrina più ammirata risulta quella di Visit Bergamo, declinazione dellagenzia provinciale fondata nel 2001. Il profilo ha quasi 96 mila seguaci. Il dato basta per battere la concorrenza delle altre città e degli altri territori della Lombardia, anche se apparentemente più blasonati. Se con Brescia il derby, sentito, è vinto ai punti (Visit Brescia ha 93 mila follower), lomologo meneghino (YesMilano, 67 mila) boccheggia e prende un bel distacco. Insomma, Bergamo è Regina delle provinciali nel turismo, così come lAtalanta nel calcio: Pavia, per fare un esempio, è ferma a quota 6 mila.

Non solo campanilismo. Visit Bergamo che su Twitter ha pure versioni in inglese, russo, spagnolo, francese e tedesco macina contatti attraverso i contenuti che pubblica (in media due volte al giorno). Ricondivide, accompagnandole con didascalie accattivanti, le foto scattate dagli utenti, sia turisti sia bergamaschi, e segnalate dallhashtag #visitbergamo. Amatoriali o più studiate, quelle immagini compongono una galleria di luoghi e luci mozzafiato, tanto che alla prima impressione si fatica a capacitarsi che ritraggano scorci sparsi nella provincia. Dalla purezza delle montagne, dove respirano tinte verdi, alle sfumature dei tramonti, modulate da filtri e postproduzione. Dalle cascate dirompenti alla placidità smeraldina delle onde del Sebino. E ogni volta, assieme a unincetta di mi piace, si incolonnano i commenti, catalogabili in due tipologie: la nostalgia di chi cè stato, lo stupore di chi si appunta quella località sulla lista dei desiderata. Visit Bergamo non è lunico profilo della città ad animare il panorama: Fondazione Donizetti, Accademia Carrara e Università stanno ormai consolidando i loro presìdi.

Sposandosi su Instagram, il social dedicato alle fotografie virali fra i giovani, ci si accorge che i profili più popolari, oltre al solito Visit Bergamo, non originano da istituzioni o enti ufficiali. È un sottobosco a carattere spontaneo: qualcuno, senza fini pubblicitari immediati, ha messo Bergamo al centro della propria comunicazione. Cè la community dal basso degli igers, che raduna gli appassionati della piattaforma. Al primo posto cè bergamocityitaly (31 mila follower), seguita da exploringbergamo (oltre 26 mila). La ricetta è quella: un inventario di paesaggi, a volte gli stessi, setacciati nella mole di foto messe online dalle persone. E non sono pochi: sotto letichetta #bergamo, sono classificati 1,277 milioni di post. Se si considera che il social è stato fondato nel 2010 (anche se è esploso dopo il 2012), significa una media di 159 mila foto allanno, 437 al giorno e 18 ogni ora. Nel tour virtuale impazzano angoli di Città Alta (che su Facebook aveva 55,9 mila fan a una pagina non più attiva risalente a Bergamo Turismo). Non a caso, si chiama bergamowalls (9 mila follower) uno degli account emergenti: ha per tema la valorizzazione di quanto è racchiuso nellabbraccio delle Mura, rivendicate come Patrimonio dellUmanità.

Se la durata media dei pernottamenti (1,9 giorni) resta al di sotto della media regionale, rispetto al 2016 i soggiorni si sono impennati: +20%, da 600 a 720 mila. Rileggendo questi dati di luglio sotto la lente dei social, forse, si inquadra un cambio di pelle, turistico, a tratti macroscopico. LUnesco ha aiutato. A giugno, il tasso di occupazione degli alberghi era fra i migliori dItalia secondo lItalian Hotel Monitor: 77,9%, al di sotto di città star come Napoli (82), Firenze (81,7) e Roma (80,9). Il prezzo medio di una camera in un 4 stelle, però, è contenuto: 91 euro, da media classifica. Una statistica non basta per inquadrare una tendenza ancora in evoluzione; le code alla stazione della Funicolare o gli assembramenti alle fermate del bus in centro suffragano la metamorfosi. Linizio di una nomea. Nel mondo? Per adesso cè lemisfero digitale: nellimpero dei social network, i sette colli di Bergamo non sono più periferia.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news