LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Aldo, langelo custode del cimitero ebraico
Sara Civai
Corriere del Veneto 26/8/2018

VENEZIA. Era il nostro Spielplatz (parco-giochi), lì potevamo giocare in tranquillità. Da adulto, presa la via del mare, quando tornavo a Venezia passavo sempre di lì. Per me era un rifugio, la casa dei miei ricordi.

È una storia damore lunga una vita quella che unisce Aldo Izzo al cimitero ebraico del Lido, di cui è custode e memoria. Prima del restauro degli anni Novanta, la parte antica del cimitero era diventata una selva impenetrabile, racconta Izzo. La vegetazione aveva preso il sopravvento su un luogo centrale della memoria ebraica a Venezia e su lapidi che appartengono a personalità storiche, come il rabbino Leone da Modena o la poetessa Sara Copio Sullam, che nel 600 diede vita ad un salotto letterario nel Ghetto. Prima di entrare, bisogna guardare lingresso del cimitero antico dalla laguna: lo sguardo deve abbracciare la scuola elementare e poi correre fino ai muraglioni di San Nicolò per cogliere la massima estensione di questo luogo di cui oggi rimane solo un piccolo lembo di terra spiega Aldo. I suoi 88 anni scompaiono quando, con lagilità di un ragazzino, fa da guida tra le lapidi. Le conosce una ad una. Prima tappa, lobelisco centrale, eretto insieme al cancello in stile Liberty a fine Ottocento, quando il Lido cominciava a diventare meta turistica: vi si legge 25 settembre 1386. Casa dei viventi a ricordare lorigine di uno dei cimiteri ebraici più antichi dEuropa. Sono tante le storie custodite da queste pietre. Le tombe non erano disposte come appaiono oggi. Il cimitero fu più volte occupato dai militari con i sepolcri sconquassati per far posto ad accampamenti e fortini, spiega Aldo e più volte abbandonato, lultima nel 1938, con le leggi razziali fasciste. Ed è in questi anni che la sua storia incrocia quella di Izzo. Sono nato nel 1930. Mio padre insegnava Inglese al Sarpi ed era un antifascista convinto: cresciuto con il mito della democrazia inglese, non riusciva proprio a farsi andare giù il ducione . A Venezia lo conoscevano tutti: per questo il regime aveva pensato di liberarsene offrendogli un posto da lettore a Copenaghen. Aldo rimase tre anni in Danimarca con la famiglia. Un anno dopo lemanazione delle leggi razziali, i Fascisti ci richiamarono, perché figli di matrimonio misto, mia madre infatti era ebrea. Non cera un bel clima al Lido e io, con i miei vestiti danesi, sembravo venuto da un altro pianeta. E guai ad essere un po diversi. Con il fratello Alberto, era solito giocare nel cimitero per sfuggire ai tiri dei compagni: Noi lo chiamavamo in danese la jungla, perché era un luogo selvaggio dove sentirci liberi. Il custode mandava via chiunque non gli andasse a genio e ci lasciava giocare. Venivamo qui con una giovane poetessa, Giovanna Bemporad, scoperta da mio padre: cacciata da scuola in quanto ebrea passava le sue notti a tradurre Omero, racconta. Dopo larmistizio del 1943, siamo rimasti nascosti per quasi un anno nella casa della segretaria del Sarpi, Lola Ferrarese: viveva con la sorella e dovevamo stare attenti a non fare rumore per non insospettire i vicini: il Fascio dava 5000 lire per ogni ebreo scoperto. Con la mia famiglia avevamo assistito terrorizzati al saccheggio della casa di Vittorio Fano. Ancora oggi quando suona il campanello a volte ho paura. Finita la guerra Aldo ha scelto la via del mare, a 27 anni era a capo di navi mercantili ma, con ironia, si definisce: Un pirata mercenario in una famiglia tutta di accademici. Poi la pensione, il ritorno al Lido come quei pesci che vagano per i vasti mari e alla fine tornano a morire dove il loro uovo si era dischiuso liscrizione alla comunità ebraica e il suo riaffacciarsi a quel luogo dellanima. Quando sono iniziati i lavori di restauro della parte antica io ero sempre qui. Le lapidi erano coperte da edere, alberi morti e tutto intorno una selva di canne palustri che rendevano lambiente inaccessibile, racconta Aldo. Di quella accozzaglia di lapidi conosce ogni dettaglio: Vedi questa tomba con tanto di elmo, piume, putti e il leone rampante di Castiglia? Appartiene a un mercante sefardita: gli ebrei cacciati dalla Spagna alla fine del 400 portarono con sé luso di decorare le tombe, prima spoglie ed austere. Una rivoluzione che conquistò gli ebrei veneziani e che testimonia il sincretismo culturale di questo luogo. Grandi autori lo hanno attraversato e reinterpretato nelle loro pagine: da Goethe a Byron, da Shelley fino a Bassani. LOttocento ha subito il fascino di questo antico cimitero abbandonato, incarnava lo spirito romantico dice Izzo, recitando a memoria i passi dellEdmenegarda di Prati, racconto di un amore infedele consumato nel cimitero. A proposito di amori: Dico sempre che ho avuto quattro figli: Carlo, Lia, Sara e il lapidario che ho creato da solo recuperando le 139 lapidi antiche ritrovate nellorto del custode. Ci sono voluti dieci anni dal 1993 al 2003 per avere i fondi per restaurarle e collocarle nel cimitero Nuovo. Una pagina darte e di storia salvata dalloblio sorride langelo custode del cimitero ebraico.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news