LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Meno vincoli, più tutele: la sfida per salvare le botteghe storiche di Roma
Luca Monaco
La Repubblica - Roma 29/8/2018

Dall'antica rivendita di pizzi e merletti in piazza di Spagna, alla sartoria delle sorelle Antonini, in via Quintino Sella, al rione Prati. È la moria delle botteghe storiche. Piegate dal caro affitti, imbrigliate in una normativa che vincola i titolari delle attività e i proprietari delle mura, senza fornire strumenti per resistere alla concorrenza della grande distribuzione, commercianti e artigiani continuano a chiudere i battenti.

"Negli ultimi 10 anni - spiega Giulio Anticoli, il presidente dell'Associazione botteghe storiche di Roma - solo nel centro storico il numero degli artigiani è sceso da 5mila a meno di 2mila".
Per invertire la rotta, la commissione Commercio del municipio I sta mettendo a punto una delibera municipale che tuteli la categoria. Attualmente, infatti, sono solo 198 le attività iscritte all'albo pretorio del Comune. " Ce ne sono almeno altre 700 - spiega Anticoli - che non si vogliono iscrivere per non essere imbrigliate nei vincoli".

Su questo " stiamo lavorando - spiega il consigliere municipale dem, Livio Ricciardelli - vogliamo superare il criterio in vigore, secondo cui, quando si fa domanda per ottenere il riconoscimento di bottega storica, il Comune chiede previamente il parere al padrone delle mura, che in genere lo nega".
Perché? Con l'iscrizione all'albo, i locali non possono cambiare destinazione d'uso per i cinque anni successivi alla chiusura della bottega. Che diventano dieci per i negozi d'eccellenza (quelli che hanno 70 anni di storia, di proprietà della stessa famiglia da tre generazioni). Nessun titolare delle mura vuol rimanere con il locale sfitto.

Seconda criticità. " Adesso, quando la licenza di una bottega storica passa di padre in figlio - aggiunge Ricciardelli - il figlio è obbligato ad adeguare le insegne e le stigliature alle normative vigenti: le insegne debbono stare entro i sesti dell'uscio e devono avere un'altezza massima di 30 centimetri " . Sono banditi faretti e materiali in plastica. "Così ne viene stravolta la storicità - avverte il consigliere dem - questa norma va superata. E vanno applicati gli sgravi sulle imposte su rifiuti, ombra, insegne".

Intanto, spiega la consigliera regionale dem, Marta Leonori, la giunta ha stanziato un fondo "rotativo " da 2 milioni di euro per finanziare le ristrutturazioni e le riorganizzazioni aziendali di almeno 40 attività in contemporanea. Ogni bottega potrà beneficiare di 50 mila euro, che dovrà restituire dopo tre anni perché altre attività ne possano usufruire. In attesa che, a settembre, parta la revisione del Testo unico sul commercio.

https://roma.repubblica.it/cronaca/2018/08/29/news/meno_vincoli_piu_tutele_la_sfida_per_salvare_le_botteghe_storiche_di_roma-205158211/


news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news