LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari, morta a 51 anni l'artista Jolanda Spagno: insegnava all'Accademia di Belle arti
Antonella Marino
La Repubblica - Bari 30/8/2018

La cifra che la contraddistingueva come persona era la discrezione. Nel frastuono della vita intorno si muoveva con eleganza, evitando la competizione più urlata, la polemica tanto frequente pure nel mondo dell'arte. Leggerezza, eleganza, profondità e silenzio erano anche le qualità dei lavori di Jolanda Spagno.

Era, e duole davvero doverne dare notizia, perché Iolanda non c'è più. Ha combattuto, sempre con discrezione, la sua ultima battaglia contro il solito, troppo spesso invincibile male. Lasciando ora che a parlare di lei siano solo le sue opere, in gran parte di piccole dimensioni ma potenti, intime e silenziose ma capaci di entrare in empatia con l'osservatore ed emozionare.

Nata a Bari nel '67, Spagno si era formata qui all'Accademia di Belle arti, che negli ultimi anni era tornata a frequentare per degli incarichi d'insegnamento. Tra gli artisti della sua generazione si era fatta notare molto presto sulla scena pugliese, nei primissimi anni 90. E pur avendo scelto di non lasciar la sua città, si era ben presto inserita in un circuito nazionale: seguita fin dagli esordi dalla galleria barese di Ninni Esposto e invitata più volte ad esporre da Rosalba Branà, direttrice del museo Pascali a Polignano, aveva partecipato a rassegne importanti come la XIV Quadriennale di Roma, la sezione Puglia del Padiglione Italia per la 54esima Biennale di Venezia, e molteplici mostre in spazi istituzionali e gallerie private, di recente anche in Cina.

Merito di una ricerca incentrata sull'amore per una tecnica antichissima come il disegno, da lei attualizzato senza rinunciare alla manualità. Una tecnica che Spagno praticava con perizia estrema utilizzando la grafite, con progressive cancellazioni, per tratteggiare paesaggi siderali, vedute artiche e soprattutto volti. Tutti rigorosamente impostati sulle sfumature del bianco/nero e sospesi in spazi di metafisica attesa. Dove la definizione referenziale di partenza è contraddetta dal rimando latente a dimensioni altre.

Jolanda Spagno era solita amplificare l'incertezza percettiva anche attraverso l'inserimento di lenti e specchi capaci di creare giochi di luci e ombre, simulare sdoppiamenti, ingrandimenti, distorsioni, riflessioni, capovolgimenti. In queste scatole ottiche di sua invenzione, come in tutta la sua produzione, riusciva a unire in un personalissimo mix rigore mentale e illusione ottica, scienza e sogno. E, lavorando sugli inganni della percezione, a trasmettere l'ambiguità e la fragilità del vivere. Sempre con profondità ma, appunto, anche con leggerezza.

https://bari.repubblica.it/cronaca/2018/08/30/news/morte_iolanda_spagno-205276734/


news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news