LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari, morta a 51 anni l'artista Jolanda Spagno: insegnava all'Accademia di Belle arti
Antonella Marino
La Repubblica - Bari 30/8/2018

La cifra che la contraddistingueva come persona era la discrezione. Nel frastuono della vita intorno si muoveva con eleganza, evitando la competizione più urlata, la polemica tanto frequente pure nel mondo dell'arte. Leggerezza, eleganza, profondità e silenzio erano anche le qualità dei lavori di Jolanda Spagno.

Era, e duole davvero doverne dare notizia, perché Iolanda non c'è più. Ha combattuto, sempre con discrezione, la sua ultima battaglia contro il solito, troppo spesso invincibile male. Lasciando ora che a parlare di lei siano solo le sue opere, in gran parte di piccole dimensioni ma potenti, intime e silenziose ma capaci di entrare in empatia con l'osservatore ed emozionare.

Nata a Bari nel '67, Spagno si era formata qui all'Accademia di Belle arti, che negli ultimi anni era tornata a frequentare per degli incarichi d'insegnamento. Tra gli artisti della sua generazione si era fatta notare molto presto sulla scena pugliese, nei primissimi anni 90. E pur avendo scelto di non lasciar la sua città, si era ben presto inserita in un circuito nazionale: seguita fin dagli esordi dalla galleria barese di Ninni Esposto e invitata più volte ad esporre da Rosalba Branà, direttrice del museo Pascali a Polignano, aveva partecipato a rassegne importanti come la XIV Quadriennale di Roma, la sezione Puglia del Padiglione Italia per la 54esima Biennale di Venezia, e molteplici mostre in spazi istituzionali e gallerie private, di recente anche in Cina.

Merito di una ricerca incentrata sull'amore per una tecnica antichissima come il disegno, da lei attualizzato senza rinunciare alla manualità. Una tecnica che Spagno praticava con perizia estrema utilizzando la grafite, con progressive cancellazioni, per tratteggiare paesaggi siderali, vedute artiche e soprattutto volti. Tutti rigorosamente impostati sulle sfumature del bianco/nero e sospesi in spazi di metafisica attesa. Dove la definizione referenziale di partenza è contraddetta dal rimando latente a dimensioni altre.

Jolanda Spagno era solita amplificare l'incertezza percettiva anche attraverso l'inserimento di lenti e specchi capaci di creare giochi di luci e ombre, simulare sdoppiamenti, ingrandimenti, distorsioni, riflessioni, capovolgimenti. In queste scatole ottiche di sua invenzione, come in tutta la sua produzione, riusciva a unire in un personalissimo mix rigore mentale e illusione ottica, scienza e sogno. E, lavorando sugli inganni della percezione, a trasmettere l'ambiguità e la fragilità del vivere. Sempre con profondità ma, appunto, anche con leggerezza.

https://bari.repubblica.it/cronaca/2018/08/30/news/morte_iolanda_spagno-205276734/


news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news