LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ostuni. Ruspe sul villaggio neolitico di Palese: sorgerà un complesso di villette
Di Antonella Greco
https://ostuninews.it/ruspe-sul-villaggio-neolitico-di-palese-sorgera-un-complesso-di-villette/

Ruspe in azione nel villaggio neolitico, per costruire le prime 10 villette

Le ragioni del mattone contro quelle dellarcheologia, della cultura e del buon senso.
Da qualche giorno le ruspe distruggono il sogno accarezzato da molti di realizzare un Parco archeologico Neolitico a Palese, un quartiere della Città Metropolitana di Bari, a pochi chilometri dal capoluogo pugliese.

Qui, già nel 2013, venne rinvenuto, mentre si scavava per costruire un complesso di villette, un insediamento neolitico, ritenuto, come si può leggere ancora sul sito della Direzione Generale Archeologia, che fa capo al Mibact- uno dei più significativi della costa adriatica pugliese in quanto a estensione (4 ettari) e durata (VI-IV millennio avanti Cristo). Di grande rilevanza, secondo molti esperti di fama internazionale, i reperti trovati allinterno del sito, tra cui alcune tombe scoperte e una statuetta rappresentante una dea madre. E poi ancora: fornaci perfettamente conservate, vasi e frammenti di ceramica neolitica e pavimenti in lastrine di pietra.

Dal momento del rinvenimento, considerato che il sito si trova su un suolo privato, è scattato un braccio di ferro, a colpi di carte bollate, denunce e sentenze delle magistratura, tra i proprietari del terreno, determinati a portare avanti il progetto edilizio e chi invece reclamava lallestimento permanente di un Parco Archeologico. Si è formato un Comitato promotore dellArcipelago Neolitico Metropolitano, capeggiato dallarchitetto Eugenio Lombardi, che si è speso fino allultimo, con grande passione civile, per impedire che le ruspe iniziassero a scavare. Tante le lettere inviate a istituzioni, enti pubblici, ministri ai Beni Culturali, per impedire la realizzazione del progetto edilizio. Non abbiamo lasciato nulla di intentato, ha raccontato larchitetto Lombardi ai nostri microfoni- ma abbiamo percorso tutte le strade disponibili per fermare le ruspe. Abbiamo perfino scritto alla Presidenza della Repubblica, ma a nulla è servito. Dopo quattro anni di impegno civico abbiamo perso la prima battaglia, ma non ci arrendiamo. Continueremo a lottare affinché qualcuno riesca a capire limportanza di quello che è andato distrutto e fermi le ruspe perché lintera aerea potrebbe nascondere altri tesori archeologici, che vanno protetti e fatti venire alla luce. In questi giorni continua Eugenio Lombardi- ho ricevuto tante telefonate e attestati di solidarietà da tutte le parti del mondo e questo mi dà la forza di continuare la battaglia, che è una battaglia di tutti per difendere la nostra identità. Si parla tanto di Puglia come regina del turismo, ma lattenzione alla cultura e allimmenso patrimonio che abbiamo la fortuna di possedere non viene valorizzata. Anzi, come è successo a Palese, viene cancellata.

Sul banco degli imputati per non aver impedito alle ruspe di entrare in azione la Soprintendenza e il Comune di Bari. Lassessore allUrbanistica del capoluogo, Carla Tedesco, si difende affermando che il parere tecnico è di competenza esclusiva della Soprintendenza Archeologica, unico ente competente e titolato a decidere se un sito è soggetto o meno a tutela archeologica.

Cè da aggiungere che lintera aerea, di cui limportanza archeologica è risaputa da molti anni, era stata sottoposta a vincolo archeologico indiretto nel 1999, ma una sentenza del Tar del 2006 lo aveva cancellato in seguito a un ricorso presentato da uno dei proprietari del suolo. Che lintera aerea sia archeologicamente interessante è dimostrato dal rinvenimento di qualche settimana fa, nei pressi dellaeroporto di Bari Palese, di un possibile tessuto abitativo di epoca neolitica.

La Soprintendenza al momento non si esprime sulla faccenda, ma qualche anno fa, si difese per bocca del soprintendente Luigi La Rocca, intervistato dal giornale online Barinedita nel dicembre del 2014, rassicurando per quanto riguarda la tutela dei reperti rinvenuti, che sono stati asportati dal sito e portati nelle sedi opportune per essere studiati. Nella medesima intervista il soprintendente aggiungeva che i reperti rinvenuti a Palese non fossero altro che una sequenza di pietre. I pavimenti sono ciottolati e quanto alle ceramiche, si tratta di frammenti di scarsa rilevanza.

Dal canto loro, i promotori del Parco Archeologico, confortati dal parere di eminenti archeologi, ribadiscono leccezionalità del sito neolitico, considerato soprattutto il tessuto integro delle pavimentazione abitative e dei selciati stradali rinvenuti.

Ieri, mercoledì 29 agosto, un ennesimo appello per interrompere i lavori è stato firmato da alcuni archeologi, architetti, urbanisti e docenti, tra cui Donato Coppola, il paletnologo ostunese che scoprì nel 1991 il reperto di Ostuni 1, la Madre antica di 28 mila anni fa.

Al di là della cancellazione di un patrimonio unico e irripetibile, seppellito ormai da cumuli di macerie, resta lamarezza di non aver saputo difendere la ricchezza inestimabile di un passato che dimostriamo ancora una volta di non saper meritare.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news