LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LArcheologia come pretesto in un tempo di crisi
Francesco DAndria
Posta della Redazione

Pubblichiamo in versione integrale sul sito Patrimoniosos l'articolo del Prof. F. D'Andria, dal titolo "LArcheologia come pretesto in un tempo di crisi", già pubblicato in versione ridotta in "La Gazzetta del Mezzogiorno" in data 5 settembre 2018

Ammutinamento neolitico: è il titolo, efficace ed ironico, di un recente articolo di Serena Russo, apparso sul Corriere del Mezzogiorno; si racconta una vicenda emblematica della tragica situazione dellArcheologia nel nostro Paese. Lo scenario è ubicato a Palese, una delle periferie di Bari, dove era prevista la costruzione di un complesso di villette. La scoperta dei resti di un villaggio neolitico, risalente a circa 8000 anni fa, dà origine ad un intervento di scavo sistematico, condotto in collaborazione tra Soprintendenza Archeologica e Università di Bari. Le indagini portano alla luce notevoli testimonianze, si concludono con la bonifica dellarea da ogni manufatto archeologico e permettono di aggiungere un altro tassello alla conoscenza della più antica frequentazione del territorio in cui, molto più tardi, si svilupperà linsediamento barese.

Del resto indagini precedenti avevano evidenziato altri importanti insediamenti preistorici, sia lungo la costa a nord, in località Titolo, sia a sud di Bari, in particolare intorno alla zona di Torre a Mare, con la scoperta di villaggi fortificati e, perfino, di opere dellarte neolitica, come lidoletto di Cala Scizzo. Già nel 1988 una memorabile Mostra a Bari, dedicata allArcheologia della città, dalle origini alletà bizantina, aveva messo in risalto limportanza di contesti ormai saldamente entrati nella letteratura archeologica. Anche a Palese i risultati delle indagini scientifiche sono stati in parte presentati a Bari, in un recente allestimento dal titolo Restauri in mostra. A conclusione dei lavori, già nel 2015 (siamo nel 2018), la Soprintendenza aveva comunicato che larea, con la conclusione degli scavi, poteva considerarsi libera da presenze e da vincoli di natura archeologica. La possibilità di concedere lautorizzazione a costruire rientrava dunque nelle competenze del Comune che avrebbe dovuto rilasciare i permessi sulla base della politica urbanistica e dei regolamenti. Una normale attività, questa, di archeologia preventiva, adottata in tutta Europa come prassi di intervento che assicuri la piena conoscenza delle emergenze archeologiche, evitando di interrompere lavori di pubblica utilità. Una prassi che offre opportunità di lavoro a tanti giovani! Di recente gli archeologi della Preistoria, guidati validamente da Francesca Radina, sono intervenuti per la nuova pista dellaeroporto di Bari Palese, portando alla luce e facendo conoscere un altro insediamento delletà neolitica.

Ma, come spesso accade in Italia, le cose si complicano ed, a bloccare i lavori, si costituisce, dal basso, un Comitato che contesta il Progetto, non con argomentazioni sulleventuale valore paesaggistico dellarea o sul rispetto dei piani urbanistici, ma vantando un impegno civile a difesa del Patrimonio archeologico, come se la lunga procedura messa in atto dalla Soprintendenza non avesse alcun valore. E qui la vicenda assume toni paradossali nelle parole del portavoce, larchitetto Eugenio Lombardi, il quale discetta sulla valenza archeologica del sito, con dichiarazioni apocalittiche del tipo Si sta cancellando la storia, non solo di Palese, ma della nostra Europa e si lancia in ricostruzioni storiche che non trovano alcuna giustificazione scientifica (sarebbe bastato consultare lottimo volume di Edipuglia, dedicato alla Mostra del 1988): perché le popolazioni dellantica Illiria, che approdarono qui almeno 10 mila anni fa, poco alla volta arrivarono fino al Nord Europa. Si tratta di pura fantasia: lidentità degli Illiri solo per il I millennio a.C. è oggetto di discussioni da parte di storici e linguisti; ma cosa sono cinquemila anni di differenza per chi, come larchitetto Lombardi, ha una visione così ampia della Civiltà europea!!! Per queste persone il difficile impegno scientifico dei ricercatori viene considerato una inutile perdita di tempo e lArcheologia diventa un pretesto per giustificare posizioni che, se valide, potrebbero essere sostenute da altri argomenti come, ad esempio, il valore paesaggistico e urbanistico dellarea o la presenza di edifici di particolare pregio. Purtroppo la politica, invece di dare indicazioni e valorizzare le competenze ed i saperi, segue questo andazzo, e un senatore barese del Movimento 5Stelle, Lello Ciampolillo, non evita di rilasciare dichiarazioni del tipo:Qui si cancella la Storia in nome del profitto.

Il caso barese purtroppo, sempre più frequentemente, si ripropone in altri contesti; così, in questi ultimi anni, anche a Lecce, per il Progetto riguardante larea degradata di Piazzetta Tito Schipa (nota anche come Caserma Massa), creata a seguito della demolizione di un maestoso complesso monumentale del Seicento, il Convento francescano di S. Maria del Tempio. Tutto vergognosamente raso al suolo nel 1971, per ordine del Sindaco di Lecce Salvatore Capilungo! Anche qui le indagini preventive, iniziate nel 2011 in collaborazione tra Soprintendenza ed Università, avevano messo in evidenza centinaia di manufatti, scaricati dai monaci nelle cavità del sottosuolo: il Convento dei frati di S. Francesco era un Ospedale, posto alle porte della città per quanti arrivavano dalla costa adriatica, già nel Quattrocento. Nel 2013 i risultati delle indagini scientifiche erano stati pubblicati in un volume nella serie dellAteneo salentino. Tale percorso virtuoso si era tuttavia interrotto; le solite pastoie burocratiche dei pareri contrapposti, a cui si aggiungeva lopposizione del solito Comitato di cittadini, che, senza considerare i dati scientifici pubblicati, chiedeva che si bloccasse il Progetto del Centro commerciale, richiamando limportanza dei resti archeologici rinvenuti; secondo il Comitato gli scavi avevano messo in evidenza resti di età romana (mai documentati), la presenza di tombe messapiche (confuse con le sepolture di età moderna presenti nel sottosuolo della Chiesa francescana) e via dicendo. Il Comitato chiedeva la creazione di un Parco eco-archeologico urbano (sic!) e intanto larea è rimasta per anni abbandonata alle erbacce, ai comportamenti incivili di quanti ci buttano rifiuti, ai pericoli per ligiene pubblica e per il pubblico decoro: siamo al 2018 e, grazie allimpegno dellAmministrazione comunale, solo in questi giorni i lavori sembrano essere stati ripresi.

Emerge, anche nellarcheologia, un inquietante fenomeno più generale, che è diventato bandiera di alcune parti politiche: la diffidenza dei cittadini nei riguardi della ricerca scientifica. Un fenomeno allarmante che ha toccato temi molto sensibili, come la polemica sui vaccini o le presunte cure di gravi malattie, fuori da qualsiasi protocollo scientifico. Situazione efficacemente espressa, in unintervista, da Guido Barbujani: Se non mi fido dei politici che sono una casta, perché devo fidarmi degli scienziati, che non li ha eletti nessuno?.
Nel sistema della tutela del nostro inestimabile patrimonio archeologico, ormai scardinato dallo tsunami della Riforma Franceschini, specie al Sud, anello debole della catena, questa crescente indifferenza per i temi della ricerca scientifica rappresenta un ulteriore negativo fattore di debolezza. Non ci resta che sperare nel nuovo Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli, affinchè intervenga a difendere loperato dei suoi funzionari ed a ripristinare le condizioni basilari di una rinnovata tutela delle ricchezze archeologiche del nostro Paese.





news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news