LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Palese, ville al posto del sito neolitico. Soprintendente La Rocca: Senza scavi nessuna scoperta proteste incivili
Letizia Cramarossa
https://bari.ilquotidianoitaliano.com/attualita/2018/09/news/palese-ville-al-posto-del-sito-neolitic

Lassenza di un progetto edilizio paradossalmente non avrebbe mai consentito di rinvenire il sito neolitico. Quindi è motivo di rammarico verificare che unazione di tutela e di conoscenza, che senza lintervento della Soprintendenza non sarebbe mai stato individuato o che avrebbe potuto davvero essere distrutto, viene pesantemente messo in discussione con ragioni, e metodi, incompatibili con qualsiasi desiderio di civile e soprattutto costruttivo confronto. Sono queste le parole di Luigi La Rocca, Soprintendente per i Beni Archeologici della Puglia, di cui abbiamo raccolto il parere tecnico in merito alla controversia che si sta abbattendo sul sito neolitico di Palese.

La Rocca ha poi espresso una dettagliata descrizione del villaggio e dei lavori archeologici effettuati. Come è stato riferito in più occasioni il sito di Palese, che non sarebbe mai stato individuato senza lintervento della Soprintendenza, preventivo rispetto alla realizzazione di un progetto di abitazioni in unarea di proprietà privata, ricadente in una zona non interessata da alcun tipo di vincolo per la tutela dei beni culturali e del Paesaggio, è stato oggetto di scavi archeologici stratigrafici per oltre due anni, dal 2012-2014.

Lesecuzione degli scavi diretti dalla Soprintendenza prosegue è stata affidata ad archeologi professionisti di elevata professionalità ed esperti in preistoria affiancati da specialisti in discipline bioarcheologiche e paleoantropologiche per lo studio dei reperti organici. Lo scavo archeologico è azione di per sé distruttiva dal momento che si attua attraverso lasportazione manuale e analiticamente documentata, dei livelli archeologici, da quelli più recenti a quelli più antichi, e ovviamente dei reperti mobili. Data la natura dei rinvenimenti si è deciso di scavare, a mano e senza lausilio di alcun mezzo meccanico, lintera sequenza stratigrafica fino al raggiungimento del terreno vergine, ossia alla bancata calcarenitica naturale. Tali operazioni hanno consentito importanti acquisizioni di natura scientifica e di conoscenza e hanno fatto sì che, a conclusione degli scavi, larea potesse considerarsi libera da presenze e quindi da vincoli di natura archeologica.

Non si è ritenuta dunque possibile una musealizzazione in situ che avrebbe, a detta di La Rocca, reso necessari interventi di restauro particolarmente e inutilmente invasivi. Scelta a cui si è giunti alla luce della tipologia e della consistenza delle evidenze strutturali, estremamente precarie essendo realizzate in terra, argilla e pietre prive di leganti, e del fatto che il giacimento fosse fortemente compromesso nel suo stato di conservazione.

Si è trattato di una approfondita attività di archeologia preventiva, secondo una prassi adottata in tutta Europa e che consente anche in caso di rinvenimenti la realizzazione di progetti di interesse pubblico ma anche privato. La ricchissima documentazione realizzata dagli archeologi, il fatto di avere potuto recuperare i reperti mobili e le conoscenze derivate dagli studi e dalle analisi in corso, consentono, daltra parte innumerevoli possibilità di comunicazione e diffusione delle conoscenze, che è la vera valorizzazione di quanto rinvenuto e su cui si è già al lavoro per la redazione di progetti che possano essere concretamente attuati.

Infine, per sottolineare la bontà della tecnica dottata coerente con le metodologie di ricerca e i rifermenti tecnico-scientifici applicati dovunque, il Direttore La Rocca ha citato un passaggio di Andrea Carandini, archeologo di fama mondiale e ora presidente del FAI che, a suo dire, bene può adattarsi a quanto è stato fatto a Palese: Nello scavo della pendice settentrionale del Palatino a Roma siamo riusciti a risalire senza troppe difficoltà allVIII secolo a. C. e al suolo vergine di quel monte per il povero stato di conservazione degli edifici più tardi e della loro decorazione, dovuto allincendio neroniano e alle escavazioni di epoca moderna. In queste condizioni, privilegiate dal punto di vista della stratigrafia e disgraziate da quello del restauro, è stato facile asportare qualche battuto, fogna e muro, oltre i soliti strati terrosi, per arrivare a leggere anche il primo capitolo di quel sito.



news

23-10-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 23 OTTOBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news