LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Il restauro Santa Maria della Colonna
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 12/9/2018

Riapre dopo trentotto anni il complesso dove studiarono Pergolesi, Jommelli e Porpora

I lavori, costati 900 mila euro, rientrano nel Grande progetto Unesco

Napoli. Quando il cardinale Mario Carafa nel 1566 deliberò listituzione di un seminario nel tratto di via dei Tribunali che sapre su piazza Girolamini, non immaginava che quellospizio creato perché 50 giovani fossero istruiti nelle sacre lettere e nei canti liturgici sarebbe diventato la fucina di grandi musicisti europei da Francesco Durante a Giovanni Battista Pergolesi, da Niccolò Jommelli a Niccolò Porpora, maestro di grandi cantati castrati compreso il più famoso di tutti, Sua Vocalità Farinelli.

Il complesso di Santa Maria della Colonna, il cui restauro nellambito del grande progetto Unesco per il centro storico di Napoli è stato presentato ieri, nacque dal quel primo nucleo ampliato nel 1580 con lannessione delledicola di Santa Maria del Pilar e presto sarebbe divento uno dei quattro conservatori di Napoli, quello dei Poveri di Gesù Cristo. Di proprietà della curia e chiuso dal dopoterremoto se non per attività minori interne alla chiesa, dirimpettaio della chiesa dei Girolamini e comprendente al suo interno lospizio delle Suore di Madre Teresa di Calcutta, il monumento sarticola in un cappella barocca alle cui spalle sapre un chiostro completamente recuperato.

Gli archi di piperno di uno dei lati è con un intervento di grande garbo occupato da vetrate opache per proteggere il passaggio degli indigenti che ancora, senza soluzione di continuità da cinque secoli, chiedono ristoro. La storia del conservatorio che in pochi anni divenne un epicentro di talenti è molto controversa. Soprattutto lo è la sua fine. Una lapide al primo piano di scale che conducono a un terrazzo dalla vista sconfinata dai contrafforti di San Lorenzo a Capri ricorda che il cardinale Giuseppe Spinelli nellanno 1745, dopo la sua visita pastorale, fondò il secondo seminario detto diocesano acquistando aere proprio questo locale olimpo de poveri di G. C, Vulgo musicarielli e fornì di molte rendite. Che cosa scoprì il cardinale Spinelli? Certamente delitti tanto gravi da costringerlo a chiudere quella scuola di musica di fama europea. Padre Eduardo Parlato, memoria storica della curia napoletana, lascia intendere che trattasi di materia delicata assai, tanto da ritenere più opportuno lomissione. Di certo il rettore dellospizio fu arrestato con laccusa di omicidio. Nel conservatorio fu ucciso uno dei ragazzi poverelli ed è probabile che su tanti altri si perpetrassero violenze. Fatto sta che Spinelli trasformò il complesso in seminario la cui attività è andata avanti fino allinizio del restauro (un paio di anni fa) che è costato 900 mila euro (cofinanziato dal Por Campania Fesr 2007-2013).

Alla presentazione ieri cerano il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il cardinale Crescenzio Sepe in continuità dei cardinali fondatori, il Soprintendente Luciano Garella, lassessore al Diritto alla città Carmine Piscopo e lassessore regionale Bruno Discepolo. Insieme hanno tratteggiato il futuro del luogo: una fruizione pubblica, musicale, culturale, per associazioni e cittadini, un bene comune che grazie a una convezione tra Comune e Curia si farà scenario dei talenti e della creatività come ha detto il primo cittadino. Gli interventi del Grande Progetto Unesco già conclusi sono, oltre questo fresco di intonaco, lInsula del Duomo, il Complesso di Santa Maria Maggiore, la Cappella Pontaniana, la Cappella Pignatelli, la Chiesa del Monte dei Poveri. Quelli in corso riguardano i Girolamini, San Paolo Maggiore, San Pietro Martire, Castel Capuano e la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano. Il direttore dei lavori Flavia Castagneto racconta: Furti avevano coinvolto i paliotti e alcuni pannelli di marmo dellaltare. Dal quale, come dai due lati, mancano le tele di Paolo De Matteis conservate altrove. A gestire gli spazi saranno alcuni dei 120 giovani selezionati ad hoc dal Comune. Dove cerano i giovani, ritornano i giovani.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news